Immagine
 Davide si cimenta provetto fotografo in Kenia... di Marco Tenuti
 
"
El caco 'ndrio el liga in boca

Marco Tenuti
"
 



Miei sponsor
Gli sponsor che pago io

Social Network



Se vuoi contattarmi via e-mail:

t e n u t i @ l i b e r o . i t
Wikio - Top dei blog
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Marco Tenuti (del 08/08/2012 @ 18:11:58, in MTB, linkato 2351 volte)

Disponibile già da un po' di tempo la cronaca della Valleogra MTB Race, gara valida per l'assegnazione del Campionato Italiano Marathon 2012.

Questa gara, corsasi a Schio domenica 24 giugno, ha visto Juri Ragnoli del team Scott, aggiudicarsi il percorso Marathon ed indossare così la maglia tricolore 2012, succedendo così a Mirko Celestino, campione l'anno scorso a Gualdo Tadino.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 09/08/2012 @ 22:24:50, in MTB, linkato 3172 volte)

Divieto per le bici da Bivio Tommasi a Col di Pealda BassaStia tranquillo il Conte Savoia che non userò la parola "transumanza" per il titolo di questo articolo.

Non potendo prendere parte al giro organizzato proprio dal Conte, l'Orlando e Cactus della scorsa domenica 5 agosto, giro che aveva in programma di raggiungere anche il Corno d'Aquilio, mi sono detto che per oggi forse valeva la pena transumare verso gli alpeggi lessini in direzione del picco più ad occidente di tutta la Lessinia.

Certo è che oggi abbiamo attraversato più mandrie di vacche, boasse di tutti i tipi e sbarre e cancelli che abbiamo stabilito un piccolo record. Ma chi?

Oggi non eravamo in molti: io e Luca Dall'Ora, per gli amici della mountain bike Lucaling. Effettivamente non mi sono dato molto da fare per pubblicizzare la mia iniziativa, ma ero quasi più propenso a farla da solo, come un cane sciolto, però ho pensato che avere un compagno di viaggio non fosse una cattiva idea.

Ecco, molto telegraficamente, i tempi ed i momenti salienti del nostro giro molto ampio dell'arco della Lessinia.

Verso le 7.30 scarse Lucaling parte da Verona, mentre io alle 8 in punto scendo da Monte Comun: ci incrociamo poco sopra Stallavena, cioè a Crusi (290 m slm), dove per me si comincia a pedalare.

Lucaling ha già la gamba calda, mentre il mio corpo è ancora dormiente, tanto è vero che non riesco ad arrivare a 150 battiti sui primi tornanti verso Alcenago.

Il percorso vede come prima salita proprio la Chiesa di Alcenago, susseguita dalla salita ripida verso Casette di Alcenago - prima salita della Granfondo del Pandoro 2010 - a seguire l'abitato di Coda che resta alla nostra destra, il superamento della cava franata prima di Sengie, poi Fiamene.

Lo sterrato verso Crosa di Schioppo è un must essendo in mountain bike, poi Verdevalle e subito ci imbattiamo nella prima incognita, cioè una variante sterrata sotto Sant'Anna d'Alfaedo che ci fa risalire dal crinale che porta alla chiesa in paese, dove riempiamo le borracce già prosciugate dopo la prima ora in bici.

Arriviamo a Fosse con qualche minima variazione su sterrato, tanto per non sentirsi troppo bitumari. Qui il tempo di un twit su Twitter e attacco diretto della salita verso Martellengo.

Divieto per veicoli a motore verso il Corno d'AquilioIn barba al divieto di transito per le biciclette da Bivio Tommasi fino a Col di Pealda Bassa, confidiamo sul fatto che le nostre sono bici appositamente pensate per fondi accidentati e pericolosi e continuiamo rapidamente verso quest'ultimo. Per Luca questa è la prima volta verso il Corno d'Aquilio, ma avendo pedalato un paio di settimane fa proprio la Lessinia Bike, tutto il comprensorio gli è assolutamente familiare.

A Col di Pealda Bassa termina il divieto di transito per le biciclette e comincia quello per i veicoli a motore. Non è un più un problema nostro: la Scalona è leggera si, ma il motore non ce l'ha.

Deviamo ad ovest verso la Croce del Corno: arrivati alla fine della carrabile, è giunto il momento di sgonfiare un po' i tubeless della Scalona gonfiati a 4 atmosfere e dopo la profonda duna, ci ritroviamo entrambi col padellino a salire il single track che porta alla croce. Purtroppo qualche pezzettino necessita di spingere a piedi, ma non è un problema, visto che la meta è lì davanti a noi.

Alla croce scattiamo alcune foto ed ammiriamo di tutto un po': l'intera Valdadige, il basso Lago di Garda, tutto il Baldo, il Pastello e tutta la Lessinia occidentale. Peccato che la vista verso l'orizzonte sia rovinata dalla foschia in Valpadana.

Lucaling si lamenta del fatto che la sua posteriore si sta sgonfiando e cominciamo a pomparci dentro un po' di aria, ritorniamo al Col di Pealda Bassa, dove abbandoniamo l'idea di scendere fino a Sega di Ala, così aggiriamo il Cornetto e giù a Passo Fittanze per pausa Cocacola.

Dopo un po' di chiacchere col Michele Dusi, mio compagno di team, si riprende verso Malga Lessinia con Lucaling che fatica a ripartire, ma dopo un po' ingrana la quarta e si alza sui pedali secondo Scuola Ganassa Conteale. "Ho le gambe ed il cuore in risonanza con la pedalata" commenta allegramente il giovinotto, mentre io faccio fatica a stargli a ruota.

Lucaling ammira il Baldo e la ValdadigeAnche buona parte della Translessinia se ne va rapidamente con la padella sempre in canna ed io molto più a mio agio sulla Scalona che sulla Scaletta una settimana fa in notturna.

Si sale al Rifugio Primaneve per sosta di una mezz'oretta per un piatto di pizzoccheri, altra cochetta e caffé. Lucaling approfitta per cambiare la camera della posteriore che continua a perdere lentamente aria.

Dalla cima del Monte Tomba scendiamo dal pratone della Lessinia Legend 2010. Poco sotto ci fermiamo per controllare anche l'anteriore di Luca: anche questa perde purtroppo aria e non rimane che dare una gonfiata, visto che le camere da 26" sono finite.

In fondo al pratone inversione a destra verso il bivio che porta a Bocca di Selva. Poco sotto giriamo a destra percorrendo un tratto di Legend 2011-12 al contrario e sbuchiamo a Maregge.

A Boscochiesanuova ci salutiamo perché il mio tempo a disposizione si sta drasticamente riducendo, così lascio Lucaling in balia della discesa, del caldo verso la Valpantena e Verona e della sua ruota anteriore bucherellata.

Io opto per il rientro su bitume, via Erbezzo, Selvavecchia, Ronconi, Sant'Anna d'Alfaedo e Fiamene. Diventa quasi una corsa contro il tempo, ma riesco a tenere sempre delle buone velocità, anche se non certo quelle che riesco a fare con la bici da corsa con una gamba più fresca, ma il cuore gira sempre bello alto, pertanto vuol dire che il burro dei pizzoccheri non sta ostacolando la mia cavalcata di mezza estate.

Tra Crosa di Schioppo e Fiamene, per la seconda volta di oggi, il taglio obbligatorio su sterrato.

I pizzoccheri logano nel burro al PrimaneveMi rimane solo la risalita da Fiamene a Monte Comun e decido per la via più breve, ossia il muro al 25% del sentiero E5 che dalla contrada di Saline conduce direttamente sul cocuzzolo. La gamba gira ancora benone, solo che non c'è più il fresco che c'era al Pidocchio, ma il pezzo più ripido lo faccio tutto a colpi col 26/32 o col 26/36, mentre son costretto a spingere a piedi sui sassoni dell'E5, quando si è ormai su a Monte Comun. In questi frangenti mi viene da fantasticare su qualche durissima gara a tappe in MTB, come la Transalp o quell'idea nuova che sta venendo fuori da Simone Scandola ed il suo team...

Purtroppo non ho indicazioni esatte sulla distanza percorsa e sul dislivello, perché il Polar si è finalmente messo a funzionare solo dopo avergli fatto il soft reset proprio al momento della ripartenza dalla croce del Corno.

Dovrebbero essere un totale di 99 km e circa 2400 metri di dislivello, mentre per Lucaling forse un centinaio di metri in più di dislivello, visto che lui si è fatto al mattino la risalita della Valpantena, senza però pedalare i tratti vallonati da Boscochiesanuova fino a Crosa di Schioppo, non dimenticando il rampone finale al GPM di Monte Comun.

Oggi posso dire di essermi ritagliato un pezzo di Lessinia a modo mio, da ovest verso est, qualcosa di facile - tecnicamente parlando - ma assolutamente ostico per la lunghezza e la fatica, qualcosa insomma che mi si sta addicendo sempre più, dopo il terzo anno di Prestigio MTB e tutte le gare marathon ed extreme pedalate proprio nel 2012.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 11/08/2012 @ 18:32:05, in MTB, linkato 3036 volte)

Emily Batty corre con una clavicola rottaLa bella Emily Batty ha già finito la Coppa del Mondo XC 2012 in sesta posizione, insomma una delle più forti al mondo nel cross country.

E' giovane e non può che crescere. Certo è che la sfiga l'ha centrata in pieno questo martedì quando è caduta in allenamento, a soli quattro giorni dalla prova olimpica. Per carità: cadere in bici ed in mountain bike non è poi così raro. E quando si cade, la clavicola è spesso una delle prima ossa a saltare quando si cade.

Ne sa qualcosa una delle più forti al mondo, ossia la polacca Maja Włoszczowska, costretta a casa per un incidente avvenuto ormai una trentina di giorni fa.

Cosa direste voi di una bella biondina? Vi verrebbe da inquadrarla come una "fighetta" arrendevole?

Decisamente no. Dopo l'assenso dei medici, che non penso siano riusciti a guarirla e a rinsaldare la frattura in soli quattro giorni, ma stamattina ha preso in mano la sua bici ufficiale Trek, una Superfly SL da 29 pollici e non ha guardato in faccia nessuno.

Ha stretto i denti ed ha corso la prova olimpica di Londra 2012 sul circuito di Hadleigh Park, nell'Essex, ad una cinquantina di chilometri dalla capitale londinese.

Ed ha pure terminato la prova in 24° posizione, molto lontana da quello che avrebbe potuto fare, se non avesse avuto questo accidente.

Non so quanti antidolorifici le abbiano iniettato dentro, però tanto di cappello: i miei complimenti alla bella Emily!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 12/08/2012 @ 00:32:45, in MTB, linkato 9796 volte)

Ecco l'imbracatura per Emily Batty, la canadese che ha corso oggi nella prova olimpica del cross country a Londra.

Nonostante una clavicola rotta i suoi medici e fisioterapisti l'hanno messa in sesto per portare a casa la 24° posizione assoluta.

Imbracatura alla clavicola per Emily Batty

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 12/08/2012 @ 02:48:15, in hitech, linkato 2229 volte)

Ci ha messo otto mesi ad arrivare in spiaggia il buon Curiosity del NASA JPL: adesso che è arrivato lo aspettano ben due anni di lavoro, anzi un anno marziano (687 giorni), che sono quasi due anni terrestri (365 giorni).

Scatterà foto, farà video, percorrerà chilometri sulle sue sei ruote grasse, analizzerà campioni di polveri e di rocce e chissà che altro gli faranno fare gli uomini della NASA.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 12/08/2012 @ 09:43:56, in MTB, linkato 2785 volte)

Se avete le gambe per spingere la monocorona, SRAM ha preparato per voi il nuovo gruppo, lo SRAM XX1. Non è certo mia intenzione nascondere la mia simpatia per la casa americana, visto che le mie bici montano prevalentemente gruppi SRAM.

Scegliete voi quanti denti debba avere l'unica corona da mettere sulla guarnitura della vostra mountain bike, tanto dietro metterete il pacco pignoni dell'XX1, 11 rapporti a partire dal pignone del 10 fino a quello del 42...

Una cosa estremamente semplice: via il deragliatore anteriore, via il comando per il deragliatore anteriore, via il cavo per il deragliatore anteriore, via una (o due) corone. Una soluzione leggerissima.

Ma ricordatevi di fare bene i conti, perché il problema non è mai il rapporto più lungo da spingere, ma quello più corto.

Anzi ve li faccio io volentieri i conti (in un altro articolo specifico). E vi preparo una bella tabella, così vedete da voi i rapporti moltiplicatori, sia che voi abbiate una 26 pollici, una 27 e mezzo o una 29.

Vien fuori insomma che la monocorona è una cosa esclusiva per il cross country agonistico, ma non per fighette, ma solo professionisti di quelli possibilmente OLIMPICI, cioè Fontana, Schurter e compagnia...

E poi siamo sempre alle solite: che voi diate una 26 pollici, una 29 pollici o una 27 e mezzo, o che facciate usare una, due o tre corone, uno come Schurter vince sempre e comunque. Qui sotto lo vedete sul gradino più alto del podio proprio ai campionati nazionali svizzeri di cross country a Balgach, quando ha corso proprio col monocorona di casa SRAM.

Tutto il resto lasciatelo fare al marketing, ma questa volta, cari amatori ganassa che siete, vi consiglio di lasciar perdere...

Ma se proprio non sapete resistere, è disponibile a partire da ottobre 2012.

Schurter vince i campionati nazionali con la monocorona

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 13/08/2012 @ 10:39:01, in MTB, linkato 3862 volte)

Nelle scorse settimane non avevo seguito in tivù né la prova in linea olimpica, vinta da Vinokourov, né la prova a cronometro vinta da Winnings. Me se sono accorto solo ieri, mentre seguivo la prova olimpica di mountain bike, quella andata in scena a Hadleigh Farm, nell'Essex e vinta dal ceco Jaro Julhavy davanti di poco a Nino Schurter ed il nostro Marco Aurelio Fontana.

Le Specialized ufficiali erano tutte con una livrea di color arancio, così come anche l'abbigliamento ufficiale usato dai campioni sponsorizzati proprio dal brand americano, se guardate bene le scarpe ed il casco, sviluppati specificamente da Specialized.

Quello che però è più intrigante è proprio il fatto che alle Olimpiadi di Londra 2012 sul tubo diagonale delle bici - la superficie più grande a disposizione su una bici e quella su cui il colpo d'occhio va a cercare la marca della bicicletta - non campeggiava la scritta S-WORKS, da sempre il brand più professionale ed agonistico di Specialized, ma proprio il brand generalista SPECIALIZED.

Ed effettivamente, quando mi sono avvicinato al mondo delle bici, consideravo S-WORKS un brand diverso da Specialized. Quando insomma ero un novello e non avevo una conoscenza ed un'informazione così approfondita dei marchi e della componentistica delle due ruote, ero abbastanza perplesso al riguardo di questi due brand, tanto da confonderli e distinguerli poco.

Specialized arancio e brand S-WORKS accantonato

Per il pubblico generalista questa scelta, cioè di avere un sottobrand specialistico rispetto al brand generalista, a mio modo di vedere, non è mai stata una scelta commercialmente vincente perché genera confusione.

Diversamente nelle competizioni specialistiche, seguite quasi esclusivamente da appassionati ed esperti del settore, ha senso il sottobrand specifico proprio a voler distinguere l'esasperazione e l'esclusività del mezzo tecnico usato dall'agonista, rispetto al resto della gamma delle bici a listino. "Noi ciclisti" sappiamo tutti che S-WORKS è il "top", mentre Specialized è la "base".

Poi succede che Specialized riesce a mettere a segno ben due vittorie su tre nelle gare più importanti del ciclismo professionistico maschile, cioè la vittoria nella prova su strada con Alexandre Vinokourov, supportato dall'Astana e Specialized e Jaroslav Kulhavy del team Specialized Racing nella prova di cross country in mountain bike.

E si sa che le Olimpiadi sono seguite più da un pubblico generalista e da un giornalismo generalista e passa in secondo piano il pubblico specializzato - e scusate il gioco di parole proprio con Specialized...

Una specie di risposta me la sono data da solo, però se leggete questo mio articolo ed avete qualche altra idea, esprimetela pure.

Concludendo: chi mi spiega questo cambia di look e brand di Specialized alle Olimpiadi? Proprio per quello che ho scritto io?

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 13/08/2012 @ 19:58:12, in MTB, linkato 2368 volte)

Marco Aurelio Fontana sul podio di Londra 2012Lasciamo perdere tutti i commenti letti ed alcuni anche sprecati qua e là sulla carta stampata.

Valgono più che mai le parole del diretto interessato ed anche quelle di Hubi Pallhuber, direttore tecnico della nazionale MTB maschile.

Il bronzo di Marco Aurelio Fontana vale più che mai come un oro, in primis perché è una speranza che si è tradotta in realtà - chiedere di più era oggettivamente troppo da Marco, considerato l'ultimo anno di gare di Coppa del Mondo MTB e dello spessore di Jaroslav Kulhavy e Nino Schurter.

In secondo luogo la prova di carattere nonostante quanto successo all'ultimo giro, quando si è tranciato il reggisella della sua Cannondale Flash.

Non mi rimane che riportare la sua dichiarazione e quella del tecnico che ho trovato sul sito della nostra federazione.

“Per vincere questa medaglia sono servite testa e gambe, l’ultimo km e mezzo è stato infinito" – Pallhuber: “Risultato importantissimo per tutta l’Italia delle due ruote”

"Vincere una medaglia alle Olimpiadi era il mio sogno e adesso ci sono riuscito” dice commosso Fontana, quest’anno già tre volte terzo in Coppa del Mondo e quinto ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 -. Sono felice è una grande emozione, questa gara era l’obiettivo di un intera stagione, mi sono preparato scrupolosamente; sapevo di stare bene, ci credevo, ma ogni gara ha la sua storia e basta poco per compromettere tutto, comunque penso di avere fatto la gara migliore da quando corro in mountain bike. Per vincere questa medaglia sono servite testa e gambe, penso di avere corso tatticamente molto bene. Dopo l’episodio della sella ho cercato di mantenere la calma e reagire ma l’ultimo km e mezzo è stato infinito, gli ultimi metri ho pedalato con il cuore, volevo troppo questa medaglia. Una medaglia che dedico prima di tutto alla mia famiglia e agli amici che hanno sempre creduto in me e sono venuti anche oggi qui a sostenermi e poi alla squadra e a tutto il movimento del fuoristrada italiano. Siamo una grande squadra, questa medaglia dimostra che ci siamo e spero che possa incentivare tanti giovani ad avvicinarsi a questo bellissimo sport.”

“Marco oggi è stato davvero straordinario, questo bronzo vale quasi come un oro - dice il C.T. Hubert Pallhuber -. Speravamo in un buon risultato, ma conquistare una medaglia alle Olimpiadi non è impresa semplice. Fontana è partito fortissimo e ha corso con grande intelligenza sempre a ruota di Kulhavy e Schurter mettendosi però in testa nell’ultimo giro e provando anche ad attaccare facendo capire agli avversari che non era li con loro per caso. Peccato per l’episodio della sella, nella mountain bike gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo, però non penso che questo episodio abbia influito sul risultato finale della gara. Nell’ultima salita quando Schurter ha attaccato ho visto che Marco pedalava ancora seduto ed è in questo punto che ha avuto un cedimento e si è staccato leggermente dalla coppia di testa, quindi prima del problema alla sella. Il ceco e lo svizzero hanno dimostrato di avere qualcosa in più ma Marco ha comunque fatto una prestazione maiuscola andando a prendersi questa medaglia importantissima per lui, per la nostra squadra e per tutta l’Italia delle due ruote.”

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 14/08/2012 @ 17:07:26, in MTB, linkato 699 volte)

Sono rimasto impressionato positivamente dalla performance di Gerhard Kerschbaumer, il nostro giovane altoatesino, in gara anche lui domenica alle Olimpiadi di Londra 2012, nella prova maschile del cross country.

Impressionante perché ha finito in 13° posizione assoluta, mescolato in mezzo ai calibri mondiali della mountain bike!

Anche il distacco accusato dal trio che si è giocato il podio olimpico è decisamente "modesto", ossia 2'55", cioè "robette" in una gara di quasi un'ora e mezza.

Rinnovo i miei complimenti a Gerhard e già mi sfrego le mani per Rio 2016 con queste credenziali per il nostro biker di Chiusa.

Gerhard Kerschbaumer in gara domenica a Hadleigh Farm
BettiniPhoto - 2012

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 14/08/2012 @ 17:20:15, in MTB, linkato 1321 volte)

Girava nell'ambiente la voce sulla disaffezione di Gerhard Kerschbaumer in sella alle 29 pollici. Appena è ritornato sulla 26 pollici, Gerhard è ritornato a vincere.

Voglio però porre la vostra attenzione sui particolari tecnici della bici di Gerhard utilizzata domenica 12 agosto ad Hadleigh Farm per la prova olimpica maschile del cross country. Trattasi della bici a listino Bianchi, la Methanol SL2 2012:

  • guarnitura FSA e monocorona da 39 denti!
  • pacco pignoni SRAM XX 11-36
  • ruote Fulcrum Red Carbon 26"
  • freni Magura MT8

Secondo me non siamo molto oltre gli 8 chili.

Particolari tecnici sulla bici di Kerschbaumer

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 


Ci sono  persone collegate

Tagcloud

Gare 2017
GARE 2017?
26/03: GF Tre Valli
30/04: GF del Durello
21/05: Passo Buole Extreme
28/05: Soave Bike
25/06: Lessinia Legend
Gare 2016
GARE 2016
26/06: 6H Valpolicella Fatta
27/08: GF d'Autunno Fatta
08/11: XCRunning Grezzana Fatta
Tickerkm
KM STORICI

Km fatti

Palmares
BREVETTI E CIRCUITI

2014: Salzkammergut Survivor
2012: Prestigio MTB
2011: Prestigio MTB
2010: Prestigio MTB, Fizik Veneto
2008: Garda Challenge

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
famiglia (4)
fotografia (1)
gastronomia (1)
MTB (14)
rally (2)
viaggi (12)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
Quale circuito suggerisci al Marcante per il 2013?

 Lessinia Tour
 Prestigio MTB
 Nobili MTB
 Challenge Giordana
 Gare all'estero
 Stare a casa

Titolo

View Marco Tenuti's profile on LinkedIn

Listening
Kid Rock - Rock n Roll Jesus

Ghosts - The world is outside

Hellogoodbye - Zombies! Aliens! Vampires! Dinosaurs!

Reading
Fabio Volo - E' una vita che ti aspetto
Michael Guillen - Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo
Sophie Kinsella - I love shopping a New York

Watching
Mia moglie consiglia Le sorelle McLeod



Titolo
.NET Framework (4)
Abarth (13)
Alcenago (4)
auto (16)
consumatore (57)
cucina (18)
cultura (15)
dizionario (2)
famiglia (40)
finanza (4)
Grezzana (6)
hitech (17)
humour (8)
idee (1)
informatica (66)
iPhone (46)
mobile computing (10)
MTB (1198)
musica (4)
natura (23)
OS X (3)
PS3 (7)
rally (63)
salute (4)
social (4)
telefonia (3)
Verona (12)
viaggi (26)
video (7)
Visual Basic 6 (5)
web (49)
Windows (31)

Catalogati per mese:
Dicembre 2019
Novembre 2019
Ottobre 2019
Settembre 2019
Agosto 2019
Luglio 2019
Giugno 2019
Maggio 2019
Aprile 2019
Marzo 2019
Febbraio 2019
Gennaio 2019
Dicembre 2018
Novembre 2018
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
Timmy
10/12/2019 @ 09:41:59
Di Kim
Cinta Terakhirku MP3
10/12/2019 @ 01:54:18
Di Nannette
Garage Door Repairma...
09/12/2019 @ 06:59:44
Di Kendrick
jumpoline family fun...
06/12/2019 @ 22:10:27
Di Lisa
fun things to do tha...
02/12/2019 @ 22:37:08
Di Lilian
/blog/articolo.asp
23/11/2019 @ 12:44:30
Di Emilio
_____ _____ 2016
17/11/2019 @ 07:00:54
Di Anton
california fun place...
20/08/2019 @ 03:24:40
Di Lonna


10/12/2019 @ 19:33:54
script eseguito in 281 ms