Immagine
 Davide si cimenta provetto fotografo in Kenia... di Marco Tenuti
 
"
Una notturna alla settimana caccia il criceto dalla sua tana.

Marcante
"
 



Miei sponsor
Gli sponsor che pago io

Social Network



Se vuoi contattarmi via e-mail:

t e n u t i @ l i b e r o . i t
Wikio - Top dei blog
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di Marco Tenuti (del 02/09/2010 @ 08:41:50, in MTB, linkato 1306 volte)

Per me oggi prima grande uscita con Paolo e Rossano, due biker locali che hanno accolto volentieri il mio invito a farmi accompagnare in giro per i loro posti.

Se Paolo non è proprio di Villasimius, ma ci passa moltissimi giorni dell'anno, nel caso di Rossano abbiamo a che fare con un "carbonaro" DOC. Non nascondono da subito il loro desiderio di farmi assaggiare subito un po' di entroterra cagliaritano ed io non mi faccio per nulla intimorire da quello che può arrivare.

Dopo i saluti iniziali alle Fontanelle di Villasimius, punto di ritrovo per la combriccola ristretta della cittadina, subito un po' di giri pianeggianti per confondere le idee e soprattutto per parlare di gare, clima e bici.

Prima escursione nell'entroterra di Villasimius

Sulla prima salita si comincia già a vedere il battito salire, nella stessa maniera con cui sale l'altitudine e la suggestione del paesaggio. In questo periodo del'anno la Sardegna è praticamente arsa, solo pietre, arbusti e siepi capaci di resistere ad un decennio di siccità, ma le tracce delle mulattiere e delle strade sterrate che portano in alto son ben definite, nonostante la quantità di pietre, più o meno appuntite e smosse che si trovano sul fondo.

Quando si vede Villasimius giù nella vallata e poco dietro il Mar Tirreno, lo spettacolo è a dir poco fantastico. Non esito a fermarmi e a scattare foto col telefono sia al panorama che ai miei due compagni di avventura.

Il ritmo in salita è appropriato per le mie capacità e la mia Scale mi consente di svincolarmi agevolmente su tutte le rampette affrontate, mentre sia la Gary Fisher di Paolo che la Trek di Rossano pesano qualcosina di più, ma son perfette per le loro discese, dove un po' più d'inerzia di rotolamento non guasta proprio lungo le pietraie fatte anche ai 50 km/h.

Prima escursione nell'entroterra di Villasimius

Seguo fedelmente le traiettorie di Rossano, visto che comunque il Nobby Nic sull'anteriore a 1,7 atm è una garanzia in termini di sicurezza e stabilità.

Nei pezzi interlocutori Paolo e Rossano mi raccontano di prezzi, di turisti, di scarso interesse per la MTB, nonostante un paesaggio praticamente su misura per la mountain bike.

Anche il tempo di superare qualche linea frangifuoco, per me novità assoluta, dove il terreno è battuto e si fa ondeggiare di gusto la forcella.

E come fare ad aprire un fico d'india? Anche questo segreto mi viene dischiuso prima di arrivare sopra a Castiadas.

Spettacolare discesa finale verso l'Oleandro e Punta Molentis, non dopo aver fatto un tratto di puro XC, intervallato sempre da qualche discesa molto pietrosa.

Confesso che la paura più grande che avevo durante il giro, era quella di forare, invece le pietre appuntite ed i graniti della zona mi hanno risparmiato per questo primo giro con loro.

Prima escursione nell'entroterra di Villasimius

Invece la parte finale è caratterizzato da un'ulteriore possibilità di scattare amene foto ad una natura selvaggia, dove l'uomo si è limitato a disegnare qua e là qualche carrareccia, si e no per qualche jeep di servizio e per la mountain bike!

Tutto il territorio che abbiamo attraversato è proprietà demaniale, sotto il controllo delle guardie forestali; si trovano spesso cancelli chiusi a chiave, ma lo scavalcamento non rappresenta mai un problema e il loro superamento offre la possibilità di altri chilometri e chilometri di sterrati incontaminati sia dalle moto che le auto. Altra cosa spettacolare è clima: sono le sei del pomeriggio, c'è una brezzolina di cui non conosco la direzione o il nome, ma l'umidità è bassissima rispetto a quella a cui son abituato ed in discesa a 24 gradi c'è un fresco piacevolissimo.

Completiamo il giro visitando il porto turistico di Villasimius, dove è parcheggiato uno yacht da 35 metri tutto nero e misterioso, nuovo di trinca, di chissà quale magnate paneuropeo. Vedremo se nei prossimi giorni verrá rivelato l'arcano.

Alla fine del giro metto via 46 km in poco meno di due ore e mezza e pochissimo asfalto: si, perché qui l'asfalto per fortuna bisogna andarselo a cercare...

La traccia GPS ve la metto a disposizione qui, così ve la potete gustare ed io la posso ripercorrere anche in senso opposto nei prossimi giorni.

Che sia finito per sbaglio nel paradiso della mountain bike e non c'è neanche una mountain bike?

Prima escursione nell'entroterra di Villasimius

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 04/09/2010 @ 08:45:04, in MTB, linkato 863 volte)

Il primo dei tabelloni Ieri alle ore 17.15 nuovo appuntamento con Paolo e Rossano per affrontare un'altra salita tipica di Villasimius in MTB, la salita dei Tabelloni. Fino a quando non sono arrivato in cima non riuscivo a spiegarmi del perché dei Tabelloni, visto che dal basso di tabelloni se ne vede uno solo, ma una volta in cima c'è anche il secondo. A cosa servono 'sti tabelloni? Sono dei normalissimi tabelloni metallici, che fungono da ripetitori di segnali radio, probabilmente per la telefonia fissa e mobile.

Nel cominciare la salita scorgiamo subito i "danni" fatti dal temporale della notte scorsa, ma nonostante quello, si riesce a salire agevolmente spaziando dal 32/18 fino al 32/32. Solo Rossano rimane a volte indietro, perché si è ripromesso di fare tutta la salita in soglia e quindi ci troviamo quasi in cima ad aspettare un minutino o due per il suo ricongiugimento. Le condizioni dell'aria, rispetto all'uscita di mercoledì, sono leggermente più umide, ma mano a mano che si sale, l'impressione è che qualcuno abbia acceso l'aria condizionata...

La Scale a quota 500Alla prima sbarra diamo un'occhiata ad una cava dismessa di granito e poi ci aspetta un bel single track a limite della praticabilità, dove i miei compagni di viaggio sfoggiano una certa abilità a non perdere mai trazione con la ruota posteriore, nonostante il fondo granitico sia ricoperto di pietre e tanta sabbia erosa dalle rocce.

Solo un breve spunto per il sottoscritto ormai arrivati in cima a quota 520 metri sul livello del mare, in prossimità del primo dei due tabelloni, e un fuorisoglia, tanto per vedere se la reazione cardiovascolare è sempre all'altezza della situazione.

Da cinquecento metri di altitudine, l'impressione visiva è sbalorditiva: natura selvaggia ed abbastanza arsa ovunque; sullo sfondo invce il Mar Tirreno e tutto il promontorio di Simius e di Capo Carbonara, mentre sull'entro terra il capoluogo del Sarrabus, ossia la città di Villasimius. Scattata qualche altra foto col telefono e poi giù in discesa per la stessa strada da cui siamo saliti.

Luca e RossanoSolo un pezzo di costringe a sganciare il piede per un colpo, ma poi i tornanti della salita dei Tabelloni, scorrono talmente velocemente e con una brezza delicata, che ti verrebbe voglia subito di salire di nuovo. Non c'è però tempo: c'è da farsi una doccia veloce perché ci aspetta il porceddu al ristorante...

Panorama del promontorio dai tabelloni

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 07/09/2010 @ 15:00:44, in MTB, linkato 1025 volte)

Marcante Sr torna da Capo CarbonaraStamattina situazione abbastanza ventosa, cielo leggermente coperto e mare increspato qui a Villasimius. La truppa familiare decide per una passeggiata automobilistica nell'entroterra alla caccia di qualche fattoria dove trovare qualche pezzo di pecorino DOC, mentre il gruppo dei biker - Marcante junior e senior - optano per un giretto prevalentemente offroad verso Capo Carbonara.

In tutti questi giorni ci siamo andati sempre molto vicini, senza mai raggiungerlo, così oggi ci siamo decisi di tentare di arrivare nel promontorio più a sudest dell'isola sarda. Il duo equipaggiato di Scott anzitutto va a fare una capatina al porto turistico di Villasimius, dove non ci sono yacht oltre i 25 metri, ma il patrimonio mobiliare con la chiglia in acqua è da tanti zeri anticipati dalla cifra che volete voi. Gommoni da ben oltre 100.000 euro, catamarani battenti bandiera inglese, barche a vela, piccoli yacht da 2-3 piani, insomma, tutte proprietà di gente che non ha problemi ad arrivare a fine mese.

Nel porto incontrati anche un bel Porsche 2009 coi dischi baffati e forati, ottimo per spostamenti veloci dal porto verso Villasimius e l'entroterra del Sarrabus ed un bell'X5 con tanto di rimorchio in fase di caricamento della barchetta di proprietà. Io ed Enrico ci guardiamo in sella alle nostre Scale, giriamo i manubri e procediamo con la nostra pedalatina mattutina, dopo aver fatto rotolare le nostre ruote grasse sul molo di legno.

Costruzione dismessa poco prima di Capo CarbonaraAppena percorso l'ampio curvone che ci indirizza dal porto turistico verso Capo Carbonara, abbandoniamo subito la retta via e ci imbattiamo in un bel sterratino sabbioso, dove scorgiamo una coppia di ciclisti tedeschi con ruote relativamente strette e borsoni da viaggio. Poco dopo scopriamo che le gomme da un pollice non sono proprio l'ideale per questo tipo di fondo, dove basta una pioggia neanche tanto abbondante per creare canaloni e rivoli che solo le ruote grasse riescono a superare agilmente. E' infatti caratteristica dell'intera zona quella di essere costituita da montagne e pendii quasi esclusivamente di granito, dove di fatto l'acqua delle precipitazioni non riesce a penetrare e non può fare altro che scorrere rovinosamente in superficie verso valle e verso il mare. Ovunque sabbia più o meno grossa sulle sterrate più battute, dove bisogna prestare un po' di attenzione per non perdere il controllo in discesa, mentre bisogna mantenere molta calma e compostezza in fase di risalita.

Enrico però non si scompone e sta acquisendo una tecnica assolutamente da manuale, roba da cominciare a fare invidia a più di qualche escursionista. Ormai riesce a seguirmi anche nei singoli track non particolarmente insidiosi e dove la pendenza non arriva in doppia cifra come pendenza.

Dopo la striscia di asfalto che termina il transito per gli autoveicoli e si trasforma in strada asfaltata che porta all'area militare dove è vietato l'accesso, a noi non rimane che scendere dolcemente verso la punta più a sud di Capo Carbonara, dove incontriamo un po' di gente a piedi che scende ed anche una coppia di motociclisti tedeschi a bordo delle loro Africa Twin. In meno di un chilometro arriviamo in fondo e, nonostante il vento che spira a 40 km/h, riusciamo ad appoggiare le nostre Scalette ad un blocco di granito e ci scattiamo quattro foto, come fanno i biker più orgogliosi.

Il ritorno lungo un sentiero diverso dalla carrareccia ci porta ad uno sperone di roccia a picco sul mare, molto bello, ma cieco e non possiamo fare altro che tornare sulle nostre peste per riprendere la strada vecchia, come dice il proverbio.

Il ritorno veloce verso la nostra frazione di Is Traias è questione di alcuni minuti, dove ci aspettano dei gnocchetti sardi al pesto genovese: l'accostamento è leggermente forzato, ma noi gradiamo molto e ricarichiamo le pile per la prossima escursione.

Dopo queste escursioni in posti ameni, per non dire altro, mi sta sempre più balenando l'idea di comprarmi la sacca per la bici e cominciare a pensare a qualche viaggetto esotico all'estero, magari in inverno, quando Valpantena, Vaio di Squaranto e Val di Mezzane riservano tanta bruma e freddo. Chi mi ama, mi segua. Alla prossima.

Isola dei Cavoli sullo sfondo

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 08/09/2010 @ 14:29:59, in MTB, linkato 974 volte)

Cielo coperto su Villasimius Qui in Sardegna stamattina son stato svegliato da un acquazzone poco prima delle 6.00, che da subito è sembrato mettere in discussione l'uscita programmata con Rossano. Così mi son girato e riaddormentato un altro po', poi al suono della sveglia delle 7, ho fatto un po' di fatica ad alzarmi e mi son accordato via SMS con Rossano per un'uscita di un paio di ore. Nessuna colazione particolare, se non una brioscina confezionata e borraccia dimenticata sulla tavola in soggiorno...

Il mio rapido trasferimento verso il centro del paese è però accolto da una lieve pioggerella e all'incontro dei Rubinetti, Rossano si fa vivo via telefono per sapere sul da farsi. Senza indugi siamo partiti da Villasimius che piovigginava ancora, ma non abbiamo desistito verso la meta in programma.

Dopo un trasferimento "contro i mulini a vento" sull'asfalto della provinciale verso Castiadas, scalata al Monte Minnimini a quota 720 metri sul livello del mare lungo una sterrata abbastanza ripida nel bosco, ma protetta da una fitta vegetazione, che tiene lontano il vento e ci consente di salire rapidamente. In quota c'erano nuvoloni neri, raffiche di vento ai 60 km/h, tant'è che nel fare il cementone al 30% finale un colpo di vento mi ha pure impennato la bici per un momento.

Rossano irrefrenabile sulle pietraieScorsa la guardia forestale che fa da vedetta antincendio nella sua torretta di avvistamento, ci siamo lasciare andare molto cautamente in discesa su una pietraia di almeno 4-5 km, che verso la fine si è trasformata in una larga carrareccia molto guidabile e divertente.

Oggi il mio cuore non ne voleva sapere di salire ed ho pure pagato parecchie penalità, mettendo il piede a terra ripetutamente, più o meno come il Papataso in compagnia del professor Giorgio nella discesa del Boarol. Al contrario Rossano saliva sulla pietraia al 25% come se fosse stato asfalto ed io dietro ad arrancare, poco per colpa del Racing Ralph a 2,5 atm e molto per colpa dello scarso manico del conducente. La temperatura, anche a quota 700 metri, era sempre molto gradevole, al contrario di Alcenago e dintorni, dove mi dicono esserci un "fredo beco".

Alla fine della fiera circa 850 metri di dislivello e 33 km a ritmo medio, senza particolari escursioni fuorisoglia.

Appena tornato a casa, doccetta e ricca colazione. Adesso aspettiamo che si apra il cielo per andare in spiaggia.

Rossano irrefrenabile sulle pietraie

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 14/09/2010 @ 09:25:28, in MTB, linkato 1117 volte)

Divieto alle bicicletteL'ho ricevuta in e-mail da altri amici ciclisti veronesi ed ho il piacere di diffonderla al più presto, prima che ci faccia le spese qualcun'altro.

Volevo comunicarti che da alcuni giorni (e la cosa andrà avanti almeno per 5-6 mesi), sulla strada Porcilana all'altezza di Caldierino, c'è un restringimento di carreggiata per i lavori di esecuzione dello svincolo che la collegherà alla frazione stessa.

Per il bene di noi ciclisti (!!) hanno messo il cartello di divieto di transito alle biciclette, sia per chi và in direzione Verona sia per chi và in direzione Vicenza. L'alternativa è di passare quindi dalla Statale 11.

Mercoledì scorso c'erano i vigili appostati sia sulla rotonda di Gombion sia sulla rotonda del Progno, con tanto di radiolina per comunicare tra di loro.

Dall'atteggiamento, (lo presumo perchè non mi sono fermato) credo che aspettassero i ciclisti nel "cul de sac"...

Comunque sia, è forse il caso di farla girare.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 15/09/2010 @ 09:41:51, in MTB, linkato 808 volte)

Dopo esser stato pizzicato dal Conte Savoia per non aver ancora pubblicato la news sull'imminente notturna in programma per il 29 settembre ed organizzata, appunto, da Fabio Savoia, aka il Conte, eccomi anch'io a pubblicare la locandina sul mio blog.

Notturna generale in Contea '10

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 15/09/2010 @ 10:03:05, in Abarth, linkato 1417 volte)

Riprendo l'articolo di Autoguide, in cui si sostiene che sia la Abarth 500C che la Abarth Punto Evo verranno presentate nelle rispettive versioni Essesse al salone internazionale di Parigi a partire dal 30 settembre.

Questa presentazione arriva giusto per il lancio sul mercato americano sia della Fiat 500 che del relativo brand sportivo Abarth.

Attualmente la versione Essesse della Punto Evo è accreditata di 15 cavalli in più rispetto alla versione "standard", cioè avrà 180 cavalli e probabilmente 270 Nm di coppia in modalità Sport.

Punto Evo Essesse in arrivo

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 17/09/2010 @ 07:58:55, in informatica, linkato 801 volte)

Intel Light Peak connector Riprendo integralmente questo articolo di Macity su Macitynet dove si parla un po' di una tecnologia che arriverà in un futuro ormai imminente. Sto riferendomi a Light Peak, un'interconnessione veloce tra dispositivi elettronici ed informatici, che non usa una cablatura di rame, ma una in fibra ottica, con evidenti vantaggi per la banda finale.

Nelle note finali del Developer Forum, Intel ha comunicato di aspettarsi che la tecnologia Light Peak sarà integrata in dispositivi e computer non prima del 2012. Il chipset utilizzato per guidare l’ottica sarà disponibile già il prossimo anno, ma a detta del produttore i system builder difficilmente riusciranno a proporre nuovi sistemi per il 2011. La tecnologia viene dunque rinviata di un anno rispetto a quanto inizialmente previsto.

Nelle note finali del Developer Forum, Intel ha comunicato di aspettarsi che la tecnologia Light Peak sarà integrata in dispositivi e computer non prima del 2012. Il chipset utilizzato per guidare l’ottica sarà disponibile già il prossimo anno, ma i system builder difficilmente riusciranno a proporre sistemi per il 2011. La tecnologia viene dunque rimandata di un anno rispetto a quanto inizialmente previsto. Intel ha ad ogni modo rilevato che non vi è alcun ritardo o impedimento tecnologico e tutto procede ai ritmi preventivati. Il lancio nel 2012 di tale tecnologia, contribuirà dunque a spingere il supporto di terze parti per lo standard USB 3.0.

Light Peak è una tecnologia d’interconnessione ottica ad alta velocità e nell’intenzione di Intel consentirà di collegare dispositivi elettronici come notebook, display HD, fotocamere, lettori video, iPod, docking station e unità a stato solido (SSD) tra loro tramite fibra ottica anziché cavi in rame, preparando il terreno per una nuova generazione di prestazioni di I/O estreme grazie a una larghezza di banda a 10 Gb/s. Con tale velocità, un utente potrebbe, ad esempio, trasferire un film Blu-ray completo in meno di 30 secondi. La tecnologia è di notevole interesse ance per i produttori di fotocamere e videocamere: l’esportazione di foto/video è al momento un procedimento che richiede troppo tempo. La velocità di Light Peak è due volte maggiore rispetto all’USB 3.0. La tabella di marcia di Intel prevede la potenziale possibilità di scalare a 100 Gb/s nei prossimi anni.

Qualche giorno addietro nel corso Intel Developer Forum, sono stati mostrati i primi esemplari di alcuni prodotti che sfruttano Light Peak: un nuovo prototipo di convertitore da Light Peak a HDMI, di dimensioni notevolmente più piccole rispetto a un altro prototipo che si era visto a maggio di quest’anno, un notebook con questa connessione di serie e Western Digital ha mostrato un disco rigido. LaCie ha mostrato un array RAID 4big Quadra (sistema RAID con 4 unità), comprensivo di due porte Light Peak, grazie alle quali era possibile visualizzare su un TV Samsung video ad alta definizione alla velocità di 770MB/s (si trattava ad ogni modo di un hack e non di un prodotto frutto della collaborazione con Samsung).

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 17/09/2010 @ 09:35:12, in Abarth, linkato 1006 volte)

Logo Abarth Siccome ci penso sempre più, tanto vale mettere nero su bianco e scriverlo pubblicamente qui sul mio blog. La Puntopower ha i mesi contati, quindi se qualcuno è interessato al mio bolide, gliela vendo volentieri.

Perché dovrei vendere la Puntopower, a cui sono molto affezionato? Semplice, perché c'è la Punto in versione Abarth, che mi tenta già da qualche anno. Chiaro che non è l'unica macchina a tentarmi, ce ne sarebbero di macchine leziose, però non ho voglia di buttare via soldi, troppi soldi per una macchina. Qualcuno di voi penserà subito: se spende i soldi in una Abarth o in una sportiva, son davvero soldi buttati. Perché non spenderli meglio?

Se la pensate così, sappiate che sono assolutamente in disaccordo con voi. Ditemi un po' cosa cambia da una piccola o media sportiva ad una berlina o uno station wagon di categoria media: nulla, non cambia nulla. La sostanza è sempre quella: velocità massima e accelerazione comparabili, capacità di carico non molto diverse, consumi relativamente allineati. Neanche qui siete d'accordo? Andatevi a spulciare un po' di dettagli tecnici e prestazionali e scoprirete che le variazioni sono sempre dell'ordine del 10 o 20% a favore dell'una o dell'altra.

E siccome personalmente e professionalmente non percorro moltissimi chilometri, tanto vale rimanere sulla strada che ho percorso dieci anni fa, quando ho preso la Puntopower, cioè acquistare una sportivetta, che ha buone prestazioni come un Cayenne, non ha consumi esorbitanti da Cayenne e soprattutto costa una frazione di un Cayenne. Se percorro non più di diecimila chilometri all'anno, non mi rovinerò certo per aver speso 3-400 Euro in più di carburante dopo un anno intero.

Il fatto che sia fedele alla bandiera, passando da Fiat ad Abarth, è una scelta dettata sostanzialmente dal cuore. Abarth mi è sempre piaciuto da quando son bambino e mi piace tuttora. Quello che leggete in giro sul marchio dello scorpione è assolutamente veritiero: piccola, pepata e cattiva, ma non solo, è uguale alla produzione di serie, ma ha un po' di modifichette che la rendono una piccola belva. E prima la Grande Punto ed ora la Punto Evo, ma anche le sorelle 500 e 500C in versione Abarth, nonostante l'industrializzazione dell'idea, hanno tutto questo.

Non so ancora quando, ma avanti con la Punto Evo Abarth...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 17/09/2010 @ 09:48:54, in Abarth, linkato 1236 volte)

Abarth Punto Evo Eccole alcune domande che voglio porvi sulla Punto Evo (Abarth Punto Evo, ecco perché APE), le prime che mi sono venute in mente: le scrivo qui sul mio blog, ma le posto sicuramente anche su qualche forum, così più gente legge e più aumenta la probabilità di avere anche una risposta.

  • i cerchi originali da 17" della Abarth Punto Evo, quelli con le razze stilizzate a scorpione, possono essere montati sull'impianto frenante aggiornato col kit Essesse?
  • e i cerchi originali da 17" catenabili per la Abarth Punto Evo, forniti con le 205/45 R17 che possono essere montati in alternativa a quelli originali, possono essere montati anche loro sull'impianto frenante aggiornato col kit Essesse?
  • è previsto nel giro di un anno la disponibilità del cambio TCT (Twin Clutch Transmission), quello a doppia frizione per intenderci montato per esempio sulla Alfa Mito, anche per la Punto Evo?

Se avete una risposta puntuale, non esitate a rispondermi anche in posta elettronica.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4


Ci sono  persone collegate

Tagcloud

Gare 2017
GARE 2017?
26/03: GF Tre Valli
30/04: GF del Durello
21/05: Passo Buole Extreme
28/05: Soave Bike
25/06: Lessinia Legend
Gare 2016
GARE 2016
26/06: 6H Valpolicella Fatta
27/08: GF d'Autunno Fatta
08/11: XCRunning Grezzana Fatta
Tickerkm
KM STORICI

Km fatti

Palmares
BREVETTI E CIRCUITI

2014: Salzkammergut Survivor
2012: Prestigio MTB
2011: Prestigio MTB
2010: Prestigio MTB, Fizik Veneto
2008: Garda Challenge

< novembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
famiglia (4)
fotografia (1)
gastronomia (1)
MTB (14)
rally (2)
viaggi (12)

Le fotografie pi cliccate

Titolo
Quale circuito suggerisci al Marcante per il 2013?

 Lessinia Tour
 Prestigio MTB
 Nobili MTB
 Challenge Giordana
 Gare all'estero
 Stare a casa

Titolo

View Marco Tenuti's profile on LinkedIn

Listening
Kid Rock - Rock n Roll Jesus

Ghosts - The world is outside

Hellogoodbye - Zombies! Aliens! Vampires! Dinosaurs!

Reading
Fabio Volo - E' una vita che ti aspetto
Michael Guillen - Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo
Sophie Kinsella - I love shopping a New York

Watching
Mia moglie consiglia Le sorelle McLeod



Titolo
.NET Framework (4)
Abarth (13)
Alcenago (4)
auto (16)
consumatore (57)
cucina (18)
cultura (15)
dizionario (2)
famiglia (40)
finanza (4)
Grezzana (6)
hitech (17)
humour (8)
idee (1)
informatica (66)
iPhone (46)
mobile computing (10)
MTB (1198)
musica (4)
natura (23)
OS X (3)
PS3 (7)
rally (63)
salute (4)
social (4)
telefonia (3)
Verona (12)
viaggi (26)
video (7)
Visual Basic 6 (5)
web (49)
Windows (31)

Catalogati per mese:
Novembre 2018
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
BestFlorencia
09/08/2018 @ 11:25:56
Di Bailey
https://kinhdoanh.vn...
30/06/2018 @ 00:43:15
Di Lionel
Meraviglioso: tante ...
27/05/2018 @ 22:04:45
Di Fabio
BestLoretta
16/05/2018 @ 07:26:32
Di Wilda
Genio!!!!
14/05/2018 @ 12:18:09
Di Sisko
@ MT ma sei deficien...
04/05/2018 @ 22:57:55
Di F*kMT
Dire che "povera" ...
22/03/2018 @ 15:41:13
Di Luca_code
FirstSwen
13/12/2017 @ 02:47:32
Di Virginia


15/11/2018 @ 23:58:09
script eseguito in 93 ms