\\ Home Page : Articolo : Stampa
Lessinia Legend 2007: cronaca de quei che ghe la fata
Di Marco Tenuti (del 04/04/2007 @ 21:49:55, in MTB, linkato 1864 volte)

L'articolo è tratto da Ghelafemo.it, dove ho postato in origine questo articolo...

Visto che el Righe el ma stigà non poco con le so manie biciclettare,  adesso devo proprio dire de averlo accontentado, dopo la mia prima  partecipassione alla gloriosa Lessinia Legend.
No so se lo savei, ma se se podea iscrivere alla gara corta da 35 km  e alla gara lunga da 60 km. E a quala se saralo iscritto il  debuttante Marcante? Ma no ghe dubbi: alla 60 km! Da cala ia, ghe la  femo tutta fin in fondo, ve par?

Devo dir che le sta' un'esperiensa a dir poco emosionante, parchè la  prima gara l'è pur sempre la prima gara e no te se proprio a cossa te  ve incontro finchè no te le fata. Devo dir però che me son preparà  adeguatamente per l'evento e pertanto no ghe sta sorprese  particolari. Quindi l'è come al solito una faccenda mentale, l'è  proprio una question de farghela e basta!

Come più de qualcuno sa zà, ho deciso subito de aggiornar la  bicicletta, passando ad uno dei migliori mezzi in circolazione: e  lassa che el can el scurla la coa! Ho catà 'na bicicletta mericana mesa usa, che la pesarà si e no come  un restel e una forca sula spala, ma de quele che solo a guardarla la  va su dale Costeole o da Salvalaio sensa pedalar, altro che Gigliole  o Leonarde. Molto bene, Floyd!

Passando alla strategia di gara, el primo dubbio l'era quel de quale  ritmo de gara autoimporme, visto che a diffarenza dele altre olte ò  lassà a casa telefoni, telefonini, GPS, sacramenti digitali,  tracking, ciclocomputerini, cardiofrequenzimetri e altri strumenti  satanici. Qua ho dito: devo viaggiar leggero e cossì ho fatto. El  Righe el ma inculcà ormai sta moda del milligrammo e quindi adesso  ogni roba che sulla bici la pesa manco de quell'altra, o se mette  quela più leggera o se la elimina del tutto. Quindi carbonio de qua,  carbonio de là, leghe leggere, panse eliminate, onge curte, barette  frachè e anca poca roba da magnar, sennò la appesantisse lo stomego e  tutto el resto.

Dopo, quando ho visto de catarme in mezo - anzi quasi in coa del  gruppo - a una manega di quasi domila persone, che bada molto alla  forma e poco alla sostanza, ho pensado che era giunta l'ora de tirar  fora gli attributi e farghe vedere applicati gli insegnamenti  dell'Uragano Andrew.

E così, partendo approssimativamente dalla posizione 1500esima dopo  esserme sistemado adeguatamente nelle griglie di partensa, ho  comissiado a risalire la china, soprattutto sulle pontarette e  pontare mediodifficili, passando ia gente su gente una dopo l'altra.  E continuavo a domandarme tra de mi: qua ghe calcossa che no quadra!  O son mi che non sto funsionando mia giusto - e tiro un cioco da un  momento all'altro - o qua ghe una manega de gente bona solo de nar in  discesa.
E difatti alla prima discesa seria i à comissia a superarme da tutti  i cantoni e si che a nar in zò ghe no abastanza del coraio, ma  evidentemente ho ben pensado che no l'era el caso de risciarse massa,  con tutto quel paltan e quei prengoli beli moji che gh'era ovunque  par tutta la Lessinia. E vuto vedere che ho visto a lato dele  mulattiere ambulanse, barellieri, gambe rote, gente incricà? Ho visto  parfin gente che me supera e dopo tri metri, far un rugolon cossi  longo da arivar in fondo ala rosta de rissi de maroni de l'ultimo  autunno... uuuuuuu che dolor!!!

Va ben, segno della croce, sperem che no la me capita a mi, prudensa,  e avanti! E cossì no vedevo l'ora che arrivesse la salita dove podea  dir la mia. Vuto che però dopo una bona metà del percorso sbuso la  rua de drio? Lì devo dir che ma ciapà un attimo de sconforto, come  quando te ciapi una suconà che te lassà intontio par una bona vintina  de secondi. Sa fao? Vao avanti e spaco tuto o me ritiro? E no! Pian  coi sassi!

Tiro fora la bomboletta magica del Fast par le gomme tubeless e ghe  fracco rento el coperton la mousse bianca: rua come nova! Avanti de  novo a tutta! L'attimo de sconforto sparisce all'istante e vado  subito a riposizionarmi lungo el percorso. E curvette, scaissagne,  sentieretti, giaretta, spinare, siresari, piere e alè... ghe ne manca  ancora alla fine!
Gente che tira de longo, gente che tira indrio, gente che gà i  sgranfi... speremo de arivar ala croce soto Castagnè...  lì ne  aspetta el ristoro! Me parea de esser arivà al Bengodi: banane, fruta  seca, biscottini, prugnette, albicocche, succhetti, aranciate...  sensa tanti dubbi, me son infilà un po' de roba in boca e un poca  nele scarsele e via de novo con la bocca tutta impastada de biscotti zò fin a Marcellise!

L'ultima pontara l'è sta quella pì dura, parchè ormai i sgranfi i  comissiava a farse sentir anche sul mio ormai esile corpicino - per  gli amici della dieta ormai sono stabilmente sotto quota 70 kg -  Comunque no me son certo perso d'animo e ho urtà su la bici a piè par  sento metri, fin all'ultimo cucussolo. Vedevo che mi andavo più forte  a piè de quei che andava su pedalando e quindi apena arivado in sima  alla pontaretta sora le Ferrasse, son tornado in sella e go ditto  arrivederci a tutti. Gli ultimi 4 km de asfalto puro ho deciso che 
l'era ora de sparar le ultime cartucce. Ho sgranado tutte le corone  della bicicletta e l'ho fatta A TUTTA. Par fortuna che no g'avea el  computerin, parchè el se sarea brusà all'istante. Sulla spianà della  Mattarana, ghe no passa ià almeno una trentina, forse quaranta. 
All'entrata in caserma ià quasi ciapà paura, parchè i ma scambiado  quasi per Lance Armstrong in configurazione crono.

Comunque alla fine della Via Crucis, sono arrivado 966esimo dei  1561, che iè ste boni de finir quela da 60 km. Questo vol dir che ho  lassà de drio piassè de sinquesento persone, più tutti quei che no  ghe la fata ad arrivar alla quattordicesima stazione, quindi come  debutto direa che va ben così e el me personal trainer Righe el pol  esser fiero del suo allievo votato al Cross Country e Marathon. L'è  anca vera che ghe ne arivè mille prima de mi, ma ghe ne riparlemo  alla prossima edizione...

Adesso però (el me trainer) la zà tacà a rognar par via dei peli sule  gambe e gò zà ditto che se aggiornemo alla Peri-Fosse...

Invesse: podaressimo però tirarghe un belo scherso e, sensa che lu el  sappia gnente, farlo iscrivere alla Gran Fondo Cunego, par vedere se  el ghe le fa anca lu o no. No go alcun dubbio sulle sue capacità, ma  me piasarea nar lungo il percorso della Cunego, magari dopo el nono  tornante della Peri-Fosse e darghe una pacca sula schena e dirghe: "Vai Floyd, staolta toca a ti!!!!" o ovviamente un bell'urton da  pararlo avanti na diesina de metri.

Quindi amici, preparive ben par la Peri-Fosse 2007, parchè staolta cavemo sù l'asfalto!