Immagine
 Dopo Prato Piazza è la volta di buttarsi verso Carbonin (Dolomiti Superbike 2012)... di Marco Tenuti
 
"
Un chilo de manco,
un minuto de manco.

(detto dal Marcante commentando così i miglioramenti ottenuti nella cronoscalata della Peri-Fosse)

Marco Tenuti
"
 



Miei sponsor
Gli sponsor che pago io

Social Network



Se vuoi contattarmi via e-mail:

t e n u t i @ l i b e r o . i t
Wikio - Top dei blog
\\ Home Page
Benvenuto nel blog di Marco Tenuti

Tickerkm Marcante

LinkLog
 
02/01/2015 - Verificare il checksum - SHA1 su OS X
24/09/2014 - If you aren't used with VB6, here it is a method to - Clearing a TreeView with a large number of nodes
20/08/2014 - Se Plesk 10.4.4 disabilita ogni giorno - tutti i dominii con subscription in scadenza
17/07/2014 - Una libreria .NET per la manipolazione di file ZIP - Dotnetzip-Ionic
27/02/2014 - Perché il debugging di Microsoft Visual Studio potrebbe - essere lento

WebLog
 
Di Marco Tenuti (del 08/04/2016 @ 10:13:41, in MTB, linkato 333 volte)

Più che ricordare l'ultima mia volta in gara - che è stata circa 6 mesi fa - ormai comincia ad essere sempre più evento anche l'ultima volta che sono andato in bici, vista l'attuale frequenza attestata su una volta la settimana.

Ora non vorrei sembrare sempre quello che continua a piangere, però la situazione è provvisoriamente questa: ogni occasione per pedalare è preziosa e va goduta appieno per quella che è, senza stare a guardare troppo quelli che pedalano almeno i loro 10.000 km annuali e che si fanno una quindicina di gare, o quelli che escono 4 volte la settimana da soli o in compagnia, come ai "bei tempi".

La prossima volta che mi capiterà di essere in bici, sarà alla 6 Ore della Valpolicella, new entry tra le gare nazionali, organizzata da Dario Bergamini e gestita tecnicamente anche dagli amici del team Benetti TTNK.

Quando ho prospettato la mia partecipazione, ho pensato tra me: quale miglior cosa di prendere parte a questa endurance in solitario e di stare in compagnia coi biker veronesi che ho conosciuto negli ultimi anni? Mi conoscono per la mia attitudine al chiacchericcio instancabile, più che per le capacità pedalatorie; pertanto mi presenterò proprio con queste intenzioni!

Rimane il fatto che le mie prestazioni - una volta le chiamavo velleità agonistiche - sono sempre più limitate per una questione proprio di ore, di esercizi e di chilometri pedalati, più che per la voglia: ho detto che forse era il caso di sfruttare l'evento proprio per pedalare quanto più possibile.

Una gara di 6 ore non si configura propriamente come una endurance da 24 ore; assomiglia molto più come sforzo fisico ad una marathon da 100 chilometri e 3000 metri di dislivello, quelle cioè a cui mi sono tanto abituato negli anni scorsi: è pur sempre una buonissima occasione per fare gamba in vista di qualche altra cosa un po' più impegnative, come magari la Lessinia Legend a fine giugno.

In più non dovrebbero manifestarsi eccessivamente gli inconvenienti di una scarsa preparazione atletica, leggi crampi, visto che ogni ventina di minuti o giù di lì c'è la possibilità di ripassare al ristoro del campo base.

Mi preparo insomma a questo lieto evento a colpi di rullo e tinteggiatura anche nei prossimi due weekend!

24H di Finale Ligure 2014
ultima partecipazione a gare endurance, la 24 Ore di Finale Ligure '14

 
Di Marco Tenuti (del 12/12/2015 @ 20:17:08, in cultura, linkato 330 volte)

Santa Lucia consegna i doni Dov'è che Santa Lucia porta i doni nella notte tra il 12 ed il 13 dicembre?

Intanto cominciamo col ricordare chi è Santa Lucia. E' martire cristiana, patrona della città di Siracusa dove nacque e morì il 13 dicembre del 304, perseguitata da Diocleziano. Prima di passare al calendario Gregoriano, il festeggiamento di Santa Lucia coincideva col giorno del solstizio d'inverno; da cui il famoso detto "Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia". Con l'aggiornamento del 1582, la ricorrenza della sua santità è stata sposata al 13 dicembre.

La Santa è venerata in molto paesi del Nord Europa: la festa fu introdotta nel 1920 in Svezia. Il 13 dicembre gli Svedesi celebrano anticipatamente il solstizio d'inverno ed in questo giorno, una ragazza vestita di bianco, con una corona di candele accese sulla testa, viene scelta per impersonare Santa Lucia. La ragazza, scortata in processione da altre ragazze vestite di bianco e da ragazzi vestiti da elfi, distribuisce alla gente che partecipa dolci tipici natalizi come i biscotti allo zenzero. La festività di Santa Lucia è celebrata anche in Russia, Polonia, Repubblica Ceca e in altri paesi scandinavi come Finlandia e Danimarca.

In alcune località del Veneto, della Lombardia, del Trentino Alto Adige, e del Friuli Venezia Giulia è Babbo Natale a lasciare il posto alla Santa nella consegna dei doni ai bambini, che ricevono così i regali già il 13 dicembre.

La figura di Santa Lucia, così come di San Nicola in alcune parti del Meridione, e la relativa consegna dei doni rappresentano uno dei pochi esempi rimasti dell'antico culto degli avi nell'immaginario infantile. L'usanza, cominciata negli anni trenta, prevede che siano i bambini a scrivere una lettera alla Santa o a farsi aiutare dai genitori in cui indicano cosa vorrebbero ricevere come regalo ed impegnandosi a continuare a fare i bravi ed obbedienti, come hanno fatto in tutto l'anno, completamente ingenui di chi siano effettivamente gli esecutori del deposito dei regali. Per rafforzare l'effetto di sorpresa e magia, ma anche di timore, alcuni ragazzi più grandi nelle sere precedenti percorrono le vie e le zone abitate suonando un campanelli e richiamando quelli più piccoli in casa al loro impegno promesso, cioè andare a letto presto ed evitare così che la Santa li veda e li accechi, gettando cenere nei loro occhi. I bambini, assieme ai genitori, dimostrano la loro devozione ringraziando la Santa attraverso cibo e bevande vicino al luogo in cui la Santa dovrebbe depositare i suoi doni: solitamente vengono preparate delle arance, dei biscotti, caffè caldo, ma anche un mezzo bicchiere di vino rosso e del fieno, oppure polenta, sale, fieno e carote, per l'asino che trasporta i doni.

Al risveglio al mattino i bimbi trovano un piatto con le bucce d'arancia, i biscotti consumati o sostituiti da caramelle e monete di cioccolato. In qualche caso i doni che hanno richiesto attraverso la letterina vengono nascosti in giro per la casa, in altri casi i doni lasciati sono in proporzione al comportamento tenuto nell'ultimo periodo.

A Brescia, Bergamo e Mantova i bambini ricevono i regali di Natale il 13 dicembre anzichè il 25 dicembre. In alcune città della Sicilia, tra cui Palermo, il 13 dicembre si mangia riso al posto del pane e della pasta e si preparano arancini e una pietanza, la cuccia, a base di grano cotto. A Verona ci sono i mercatini di Santa Lucia, che solitamente dura più di una settimana in Piazza Bra. Anche qui la Santa percorre furtivamente le case dei bambini nella notte del 13 dicembre per portare doni. La Fiera di Santa Lucia più antica d'Europa è invece è Bologna: è un vero e proprio Mercatino di Natale che si spinge fino al 26 dicembre. A Savignano sul Rubicone e a Forlì, invece, la festa dà luogo a una fiera dedicata a torroni, croccanti, altri dolciumi e giocattoli: qui, infatti, la tradizione dei doni di Santa Lucia assume una veste diversa, che riguarda non tanto i bambini quanto le ragazze, a cui soprattutto, in questa occasione, si regala del torrone.

 
Di Marco Tenuti (del 02/11/2015 @ 10:22:06, in Windows, linkato 272 volte)

Nonostante il mio relativo entusiamo per Windows 10 manifestato ancora qualche mese poco dopo il suo rilascio, devo ammettere che Microsoft ha fatto qualche passo in avanti, ma siamo ben lontani ancora da quello che ci si aspetterebbe dopo un ventennio di Windows. Detta fuori dai denti, "Siamo alle solite".

Ho in mente di sviscerare bene la questione in una serie di articoli che sto scrivendo in questi mesi, circa tutta una serie di problematiche a cui ho fatto il callo io e anche tutti gli utilizzatori che si rivolgono a me per portare avanti la macchina di Windows, che risulta ancora molto insinuata nel personal computing della vita professionale e personale di tutti noi, nonostante ormai iOS e Android siano diventati sempre più pervasivi nella mobilità della vita quotidiana. Un piccì fisso in tantissime famiglie ancora c'è e chissà ancora per quanto rimarrà sulle scrivanie e nelle camerette dei nostri figli.

A cosa mi riferisco sostanzialmente? Al fatto che un buon sistema Windows, una volta configurato, gira abbastanza a meraviglia nel breve e nel medio termine. Arrivare ad avere un sistema a posto non è però affar semplice.

1. Se compri un PC nuovo con Windows 8.1

L'esperienza di questo fine settimana è stata quella che di tanto in tanto provo nella pratica professionale: mi viene dato un hardware nuovo, un PC fisso piuttosto che un portatile molto consumer, che è stato portato a casa dal centro commerciale o è stato recapitato a casa dal corriere e mi viene chiesto di metterlo nelle condizioni di essere usato proficuamente dal suo utilizzatore finale, leggi "Mettimi Windows 10". Il computer arriva con un'installazione di Windows 8.1, ma per arrivare a Windows 10 ci vogliono qualcosa come 24 ore!

Purtroppo per passare a Windows 10 non è sufficiente scaricarsi un eseguibile di qualche megabyte e far partire l'installazione. Probabilmente si può fare anche quello, ma la strada tracciata da Microsoft non è purtroppo questa. E' necessario utilizzare Windows Update, uno dei pannelli di controllo di Windows, per scaricarsi quello che sta dietro a quella magica iconcina che propone l'aggiornamento a Windows 10, quando un esperto IT si aspetterebbe che per far comparire la magica iconcina sia sufficiente proprio quell'eseguibile di 5-6 MB o scaricare in maniera mirata un'opportuna patch (KBxxxxxxx) tra le centinaia proposte tra gli aggiornamenti obbligatori e facoltativi di Windows 8.1.

Purtroppo sono stato costretto ad installare tutta la pletora di aggiornamenti di Windows 8.1, cioè ho dovuto attendere lo scaricamente di almeno 2 GB di patch, intervallato da un numero imprecisato di riavvii e relative installazioni.

Rimane il fatto che il download di questo paio di gigabyte e le relative installazioni richiedono tempi biblici su un PC consumer: i tempi di attesa sfiorano la giornata intera, vuoi perché non si è sempre pronti a confermare le richieste di continuare le operazioni, vuoi anche perché il download dei servizi BITS/WUpdate sembrano tutto tranne che veloci.

Una volta che ce l'hai fatta - a far comparire l'iconcina della proposta di aggiornamento a Windows 10, poi la strada comincia ad essere in discesa, finalmente. Il download dell'aggiornamento a Windows 10 che mi è stato proposto era di circa 2,8 GB, che sono stati stoppati al 80%, ma il servizio è riuscito a ripartire dal punto in cui si è fermato salvando così i 2 GB abbondanti già scaricati.

Infine l'aggiornamento vero è proprio di Windows 10 ha richiesto tempi non proprio veloci per una macchina nuova, non dotata però di disco SSD. Viene da chiedersi se in Microsoft provano bene i loro software e se hanno un'idea dell'esperienza utente media, quando si passa a Windows 10 su una macchina con 4 GB di RAM, processore Intel Core i3 e disco rigido "vecchio mondo" da 500 GB, anziché un superperformante disco a stato solido. Anche qua se ne vanno un paio di ore di trepidante attesa. Quando infine si è installato Windows 10, non è finita con gli aggiornamenti: ce ne sono un altro piccolo vagoncino, ma niente a confronto di quelli supposti inutili scaricati il giorno prima per mettere Windows 8.1 nelle condizioni di far comparire la magica iconcina.

Quando siete arrivati qua, cominciano una serie di operazioni drastiche: eliminare il bloatware che ogni costruttore di PC ha utilizzato per infarcire il proprio hardware. Nel mio caso Acer ha messo dentro una suite di applicazioni per la gestione di media, foto e files, chiaramente cloudbased, come se non avessimo già abbastanza soluzioni con Google Drive, iCloud, Dropbox e compagnia bella, visto che ci sarebbe già Microsoft che parte da un predellino previlegiato con OneDrive e Office 360.

Poi ci sono tutte quelle utility per la gestione del computer, per l'assistenza Acer, per il loro power management, come se Microsoft non avesse fatto nulla col suo doppio set di impostazioni del nuovo mondo (Windows 10) e pannelli di controllo (di Windows 7).

Poi c'è da rimuovere l'ennesimo bloatware, Pokki Start Menu, cioè la proposta di Acer allo start menu di Windows 8 - perché tutti partono già dal presupposto che Windows 8 è nato male anzi malissimo - solo che questo bloatware per Windows 8 rimane lì vivo e vegeto nella barra delle applicazioni e avete da fare le vostre per estirparlo.

Alla fine ce l'avete fatta: Windows 10 propone di vedersi un video di "Cinque cose da sapere di Windows 10", solo che è in inglese. Cribbio, possibile che con tutti questi dipendenti e evangelisti italiani che lavorano in Microsoft Italia non ce ne sia uno che ha speso due ore per doppiare il video e mettere l'audio nella lingua di Dante"?

Una volta che ce l'avete fatta, Windows 10 diventa la macchina perfetta per lo smanettone: il consumo di RAM non è eccessivo, la stabilità dei processi è sempre abbastanza buona, ma traspare ancora tutta la mia delusione perché non sono capaci di fare come Samsung, cioè copiare come si deve OS X e Apple.

Nella prossima puntata vedremo il pannello di controllo "Programmi e funzionalità", diventata in Windows 10 "App e funzionalità".

 
Di Marco Tenuti (del 12/10/2015 @ 09:42:31, in consumatore, linkato 357 volte)

Do' sempre un'occhiata a Facebook nel corso della giornata. Oggi l'occhio mi è cascato su uno dei tanti link sponsorizzati e cioè sull'articolo "Un impiegato di McDonald si licenzia ed insulta il suo capo dopo aver vinto 1.206.630 € durante la pausa pranzo"!

Chi non vorrebbe vincere tutti quei soldi con uno schiocco di dita? Tutti vorrebbero farlo, io che scrivo, tu che leggi questo articolo, chiunque.

Se volete andare a leggere la news farlocca, non riesco a darvi un link, perché esso contiene svariate informazioni di tracking, che da Facebook fanno passare per il fantomatico sito di news, fino ad arrivare al sito della società di scommesse online.

Fate prima a cercare su Google:

un impiegato di mcdonald vince jackpot

Scegliere il primo risultato per arrivare ad un link un po' meno "tracciato":

http://www.direttanews.it/2015/10/06/vince-un-milione-di-euro-durante-la-pausa-pranzo-e/

Potete insomma anche leggervi questa storia assolutamente fasulla su Martin Reiter, che può permettersi di licenziarsi, mandare a quel paese il suo capo e volare alle Seychelles con la sua ragazza, così saranno per sempre felici e contenti.

Il problema non è la storia in sè, perché uno su mille ce la fa, recita la canzone, quindi che sia vera, veritiera, verosimile o costruita, poco importa. Lo scopo principale della news non è, questa volta, quello di generare visite e far cliccare la gente qua e là, ma quello di farli arrivare dritti sul sito di scommesse.

Il problema è il raggiro a cui siamo sottoposti noi tutti, ignari lettori e navigatori del web.

Vediamo alcuni estremi se clicchiamo il link da Facebook:

News farlocche

Andiamo con l'elenco delle trappole:

  • il giornalista che scrive l'articolo si chiama Karsten Steinbrück: peccato che il link dell'autore dell'articolo rimandi al link di redirezione go.webnewz24.com/click
  • tutti i link all'interno del testo dell'articolo rimandano sempre a go.webnewz24.com/click
  • tutte le immagini dell'articolo rimandano sempre a go.webnewz24.com/click
  • tutti i link degli articoli correlati, le offerte e domande di lavoro sono farlocche: tutte rimandano al solito link go.webnewz24.com/click
  • tutti i commenti ripresi da "Facebook" contengono link non verso gli autori, ma sempre verso go.webnewz24.com/click
  • se cercate su Facebook per nome e cognome qualcuno dei profili dei commenti messi, non trovate nessuno: vi elenco i profili a cui non corrisponde alcuna identità come Gaia Caminiti, Francesca Caspari, Rebecca Gioe, Eva Laurenz...
  • tutti i commenti sono entusiastici: tutti contenti di aver avuto il bonus da 100 Euro omaggio e tutti che hanno già vinto piccole fortune. Si vede che attingono i soldi direttamente dalla BCE, come fanno le banche europee nell'accesso al credito.
  • i commenti che non ricadono tra quelli di entusiasmo sfrenato, sono tutti scritti in maniera da stimolare la vostra curiosità o da rimanere in dubbio
  • c'è perfino spazio per aggiungere un commento: peccato che non funzioni; è messo lì solo per farvi credere che i commenti funzionano come i commenti in un qualsiasi altro blog o sito
  • se provate ad eliminare dall'URL le informazioni di tracciabilità con cui provenite da Facebook o se provate ad andare alla home page di Webnewz24, piombate diritti nel sito di scommesse online
  • per i più esperti, se provate a chiedere un WHOIS di webnewz24.com, scoprite che l'intestatario del dominio è nascosto - e fin qui niente di particolare - ma soprattutto scoprite che Admin Organization e Tech Organization è WHOISGUARD con sede a Panama

Concludo molto lapidariamente con un'espressione veneta, che invita a stare molto attenti: "Su con le rece"!

 
Di Marco Tenuti (del 28/09/2015 @ 10:25:29, in consumatore, linkato 277 volte)
Rivenditori di energia elettrica

A casa mia il telefono fisso suona sempre meno. Una volta mia mamma mi chiamava per raccontarmi del più e del meno: da quando ha chiuso l'utenza telefonica, mi chiama col cellulare. Il telefono fisso suona praticamente solo per "unsolecited marketing", cioè offerte commerciali mai richieste, cioè fornitura dell'energia elettrica, del gas e del telefono. Qualche rara volta chiamano anche per i materassi e l'arredamento in forte sconto.

Mia moglie, quando mi sente rispondere a qualcuna di queste conversazioni, corre vicino a me per origliare che storie mi invento per farla ridere. Davvero insolenti e pronti a qualsiasi evenienza gli operatori telefonici, che chiamano invano per piazzare un contratto di utenza di energia elettrica, non hanno peli sulla lingua. Altro che le belle signorine con l'auricolare che trovate su Shutterstock o Fotolia, che usano i grafici per i cataloghi e le pubblicità.

Operatori telefonici

Evidentemente le società italiane che hanno commissionato a questi centri telefonici delocalizzati chissà dove - a me viene da pensare all'India dall'accento di queste voci - non hanno alcuna remora nel vedere il proprio brand messo in cattiva luce da questi poveracci, che se ne inventano una al giorno pur di piazzare un contratto telefonico.

Non ne ne abbiano gli stranieri che leggono questo mio articolo - non ho nulla contro di loro - ma provo piuttosto vergogna per le aziende italiane, magari controllate da gruppi europei quindi con amministratori continentali - se scrivo qualche testo con la storpiatura tipica, di chi non è italiano madrelingua. L'approccio iniziale è sempre quello: "Buonciorno, signore, mi chiamo Mario e chiamo per conto di Montecatini-Enel-Enercia: ho il piacere di dirle che il nostro operatore di enercia elettrica ha deciso di adeguare tutte le tarife dell'enercia alla tariffa monoraria su tutto teritorio nazionale di Italia".

L'insolenza è a livelli talmente elevati - loro non hanno nulla da perdere, neanche stessero facendo la telefonata a bordo di un barcone e stessero per gettarli in mare se la telefonata non portasse ad una stipula - che si arriva ad insistere con frasi del tipo:

  • "Solo noi siamo fornitori primari di energia, mentre l'operatore che ha adesso, non è che un rivenditore secondario".
  • "A lei hanno promesso che le danno l'energia gratis, ma non è vero".
  • "L'enercia di suo operatore non è rinnovabile, invece la nostra è enercia verde e quindi pulita".
  • "Forse lei non sa che se supera i 200 kWh col suo attuale operatore, quelli in più glieli fanno pagare il doppio".
  • "Se lei ha già firmato il contratto col nuovo operatore, ha ancora il diritto di recesso".
  • "Se lei ha firmato il contratto telefonicamente, ha a maggior ragione il diritto di recesso".

A sentire le loro parole, solo loro sono onesti, mentre sono tutti gli altri operatori telefonici cercano di aggirare il cliente, sono falsi e spergiuri, e questo la dice lunga sul loro operato, neanche si riferissero a se stessi. Se gli si fa notare l'estrema parzialità di questo affrettato giudizio, non ne parliamo: si arrampicano sugli specchi e dallo Sri Lanka si sentono le unghie stridere.

Dopo qualche scambio di battute, giunge da parte loro il momento di passare all'azione: l'operatore pretende che andiamo a recuperare l'ultima bolletta, perché su quella ci sono tutti i dati necessari per intraprendere la migrazione, cioè il numero del POD (punto di prelievo). Tutto il resto non conta più: probabilmente anche la registrazione telefonica della stipula del contratto avverrà molto rapidamente, prima che il malcapitato cliente abbia qualche ripensamento e faccia andare tutto a monte.

Quello che non continuo a capire è come i grandi brand possano mettere in discussione il loro prestigio incaricando questi operatori commerciali disposti a tecniche da mercato delle verdure del Bangladesh o delle spezie a Marrakesh. E dopo continuano a raccontarcela di continuare a seminare nelle piantagioni dei social network, di avere molta pazienza, di decidere un'attenta politica di social marketing, che il valore del brand sta superando di molto quello del fatturato aziendale.

Sarà forse che l'Italia viaggia a due velocità, a causa del digital divide e dell'analfabetismo tecnologico? Il 70% è quello che naviga sulla rete, bazzica su Facebook e Instagram, ma non tiene un centesimo in tasca, mentre il restante 30% non ha uno smartphone, non si smazza per seguire i trend della rete e del commercio, ma percepisce la pensioncina statale, tiene in saccoccia ancora qualche risparmio e non ci vuole molto per abbindolarlo con qualche promessa e relativo contrattino per la fornitura dei servizi primari?

 
Di Marco Tenuti (del 25/09/2015 @ 09:12:30, in Windows, linkato 243 volte)

Basta fare una ricerca con Google Images per trovare la foto del giorno proposta dal blocco schermo di Windows 10 e si scopre che la foto arriva da Flickr.

La trovate infatti a questo URL dentro la gallery di Hafiz Ismail. Il soggetto fotografato è un bellissimo ed altrettanto ritoccatissimo tramonto con un ponte abbandonato a Pantai nel Pulai Penang.

Windows 10 lockscreen

Peccato davvero che gli uomini di Microsoft abbiano avuto la brillante idea di proporre ogni giorno una foto nuova sulla propria schermata di blocco cercando delle foto molto suggestive sulla rete e chiedendo anche un'opinione soggettiva tramite la loro versione di "Mi piace", ma senza mettere alcuna indicazione della provenienza, dell'hardware usato per lo scatto, del fotoritocco effettuato ed ovviamente dell'autore, tutte cose che si riescono ad ottenere quasi banalmente dalle informazioni EXIF dello scatto in rete. Non è la giusta maniera di creditare chi ha trasformato un momento in un piccolo capolavoro fotografico.

 
Di Marco Tenuti (del 24/09/2015 @ 23:15:12, in Windows, linkato 421 volte)

Realtek su Windows 10 Tra ieri e oggi ho sbattuto non poco la testa con Windows 10, dopo sostanzialmente 45 giorni senza problemi particolari.

Da quando l'ho installato, conto su una mano i problemi riscontrati con la mia installazione principale, davvero poca cosa rispetto a quello a cui siamo sempre stati abituati con le precedenti di Windows.

Tendo a pensare che la giustificazione principale sia quella che il modello di distribuzione adottato da Microsoftper Windows 10 - cioè gratis per tutti e soprattutto "in automatico" - abbia consentito di scovare abbastanza presto le magagne principali, anche se queste sono presumibilmente raccolte e fissate attraverso l'estensivo programma di test aperto a molti.

Questi comunque i problemi patiti:

  • necessità di reinstallare una parte molto piccola di programmi
  • necessità di reinstallare parte di Microsoft Visual Studio 2010
  • crash molto sporadici del driver della scheda video (un solo blue screen)
  • impossibilità di installare automaticamente l'aggiornamento KB3087040
  • funzionamento intermittente del driver della scheda di rete del mio notebook

L'errore si manifestava con l'impossibilità della scheda di rete di ricevere pacchetti dalla porta Ethernet per un lasso di tempo anche di 1 o 2 minuti ogni mezz'ora o ogni ora. In qualche caso la comunicazione riprendeva a funzionare, in altri casi era necessario disabilitare e riabilitare il dispositivo di rete attraverso il relativo pannello di controllo. Nei casi più estremi - l'ho fatto 3 o 4 volte - sono stato costretto a riavviare il sistema operativo.

Questo malfunzionamento è stato quello che mi ha causato la perdita di tempo maggiore, perché mi ha costretto, quando possibile, ad usare la connessione Wifi del notebook, e mi ha portato ad effettuare tutta una serie di prove ed arrivare al nocciolo della questione, cioè il driver.

Nell'ordine ho provato a capire se era il firewall a non funzionare, tutta la connettività verso internet, l'assegnazione dinamica o statico dell'indirizzo IP sulla porta Ethernet, il cavo Ethernet, il connettore lato computer o lato presa a muro, fino a controllare il funzionamento sul rack, e via dicendo, cioè il solito minimo di diagnosi che si può fare per un problema di connettività. Poi viene in aiuto San Google, che trova rapidamente chi può avere avuto il tuo stesso problema, solo che in questo caso non ho trovato post diretti che suggerivano di prendersi un eventuale driver più nuovo.

Microsoft ha di fatto deciso lei per tutti quali debbano essere i driver per far funzionare la maggioranza dei dispositivi hardware, in attesa che i produttori rilascino qualcosa di specifico per Windows 10 e maggiormente testato.

E' il caso del driver del mio chipset di rete Ethernet, cioè un Realtek PCIe GBE Family Controller. Il driver preinstallato di Microsoft porta la data del 25/5/2015 e, se si chiede la disposibilità di qualche aggiornamento tramite il relativo controllo:

  • andare su Gestione Dispositivi
  • selezionare Schede di rete ed espandere il nodo
  • selezionare il nodo Realtek PCIe GBE Family Controller e aprire il dialogo delle proprietà
  • andare alla pagina Driver
  • cliccare sul bottone Aggiorna Driver
  • cliccare la scelta Cerca automaticamente un driver aggiornato

Il sistema risponderà dicendo che "il driver del dispositivo è già aggiornato".

Andando invece sul sito ufficiale di Realtek si scopre che al 24/8/2015 è stato distribuito un driver più nuovo - che evidentemente Microsoft non ha ancora gestito e processato per la maggioranza. La versione di questo driver è la 10.3.723.2015, che porta la data del 23/7/2015 e che risolve probabilmente il problema che ho accusato io negli ultimi giorni.

 
Di Marco Tenuti (del 14/09/2015 @ 12:22:36, in MTB, linkato 304 volte)

Stanchi di distruggere e smagliare catene? Stanchi di spendere un sacco di soldi per cambiare il vostro pacco pignoni dell'XX1?

Non c'è problema: già nel 1895 avevano trovato una soluzione diversa alla catena a cui siamo abituati, cioè la trasmissione ad albero ed ingranaggi conici.

Trasmissione ad ingranaggi

Trovate un esemplare della Clement Acatene presso la Collezione Genazzini a Milano ed esposta alla Mostra "L'uomo a due ruote".

 
Di Marco Tenuti (del 07/09/2015 @ 11:14:12, in MTB, linkato 251 volte)

Poche parole: tanta pioggia, tanta adrenalina, tanto SOPRAMANICO nell'ultima discesa, comunque tutto epico.

 
Di Marco Tenuti (del 02/07/2015 @ 22:06:36, in MTB, linkato 552 volte)

A breve tutti i dettagli sull'evento di venerdì 24 luglio, che vedrà alcuni biker veronesi impegnati nella cronoscalata in notturna del Piccolo Stelvio!

Intanto gustatevi il video preparato da MarcoCSI!

 
Di Marco Tenuti (del 28/06/2015 @ 00:15:33, in MTB, linkato 543 volte)

Scott sempre molto attenta e concentrata nel diluire e ripartire strategicamente le novità di uno dei propri core business, ossia la bici.

Dopo aver aggiornato la Addict nel 2014 ed aver lasciato in stop la Foil, quest'anno è la volta per quest'ultima, cioè il modello più aerodinamico e più fluente della casa svizzera.

Un profondo rinnovamento riguarda sia la forma, che le soluzioni tecniche, cioè in principal modo nella zona pipa e nell'attacco superiore del carro posteriore. Arriva infatti una curva integrata, che fa un pezzo solo di manubrio e pipa, ovviamente alla ricerca della minore resistenza all'aria.

Vi lascio all'immagine sottostante e all'articolo trovato su Cyclingnews.

Scott Foil 2016
Scott Foil 2016 presentata a Salisburgo

 
Di Marco Tenuti (del 27/06/2015 @ 23:36:04, in Alcenago, linkato 370 volte)

Sul web 2.0 succede sempre più spesso che la collaborazione di tanti può molto di più dei soldi dei grandi potenti. Come dice il vecchio "l'unione fa la forza", ancora una volta è la dimostrazione che la rete delle persone - il "social" - raggiunge il successo, rispetto allo sforzo più o meno importante che può essere portato avanti da una realtà privata.

E' la situazione odierna dell'aggiornamento delle mappe cartografiche, dove Google Maps, attuale leader del "mercato", si trova a dover soccombere di fronte la cartografia "open source", cioè quella di Openstreetmap.

Nel caso delle mappe di Google la foto satellitare ci mostra già come in zona Coda di Alcenago la foto mostri la situazione aggiornata ad un anno fa, dove si vede già la stradina sterrata usata da un bel po' di tempo per aggirare la frana sopra la cava della Micromarmo. Le indicazioni stradali invece continuano a passare dove è passata l'ultima volta la Google Street View car, cioè dove la strada è stata dichiarata chiusa, anzi proprio dove la strada non c'è più, perché crollata a valle assieme ad una parte del bosco.

Coda su Google e Openstreetmap
Frana di Coda su Google Maps e Openstreetmap

Openstreetmap invece è già aggiornato e, alla richiesta di un percorso nei paraggi, ci fa percorrere effettivamente la piccola bretella così come la conosciamo da ormai più di un anno, cioè ci fa aggirare a monte la frana e ridiscendere in prossimità dell'incrocio delle Sengie.

Me ne sono accorto proprio ieri, mentre salivo in bici la strada che da Stallavena porta a Fiamene, perché avevo sott'occhio la cartografia mostratami da Runtastic MTB, che si appoggia proprio ad Openstreetmap per la grafica delle mappe, senza dovere così alcuna loyalty a Google - la policy di Google è già passata da qualche anno a trasformarsi in una richiesta economica, nel caso in cui il numero di accessi da una app o da qualche sito terzo superi 25.000 richieste giornaliere.

Per inciso, ma questo nulla c'entra nelle considerazioni cartografiche, non si capisce ancora perché, proseguendo in direzione nord, dopo il valico della frana e la ridiscesa si sia costretti a dare la precedenza alle vetture provenienti da nord che da Fiamene scendono verso le contrade Maso e Sengie.

Sarebbe una questione da porre ai responsabili della viabilità comunale e provinciale, dove l'attuale variante della strada provinciale non ha la priorità sulla strada comunale, cosa alquanto contraddittoria ed insensata. L'attuale situazione costringe le automobili in direzione nord a rallentare, se non a fermarsi, invece di continuare lanciate la propria corsa nella sella formatasi a seguito dell'intervento di valico, anche se a velocità relativamente ridotta.

 
Di Marco Tenuti (del 22/06/2015 @ 10:18:27, in MTB, linkato 567 volte)

Per quel che mi riguarda il periodo centrale di giugno è sempre nefasto per partecipare a gite e girate organizzate da amici, parenti e ciclisti. Il ciliegieto che circonda casa Marcante necessita di dedicarci almeno un paio, se non tre weekend completi poco prima del solstizio d'estate e così in questa fase della stagione la bici la uso solo per spostarmi per questa incombenza.

Ieri sono però riuscito a prendere parte ad una delle manifestazioni ciclistiche amatoriali più famose in Italia e sono andato per la mia prima volta in una delle più belle parti delle Dolomiti, cioè sono andato a fare il Giro dei Quattro Passi.

Il comitato organizzatore si prende carico, oltre che della promozione turistica dell'evento, il Sella Ronda Bike Day, anche della chiusura totale delle strade dalle ore 8.30 alle 15.30 attorno al gruppo del Sella, un'attività coordinata molto bene nell'ambito delle altre manifestazioni sportive in programma in questi giorni proprio in zona, cioè la Sella Ronda Hero MTB (sabato 27 giugno), quest'anno tra l'altro valida per i Campionati Mondiali di Marathon MTB, e la Maratona Dles Dolomites (domenica 5 luglio).

Era proprio ieri la giornata la prima delle due giornate in programma per il 2015, cioè domenica 21 giugno. La prossima sarà domenica 13 settembre, per quella che viene chiamata "chiusura autunnale", a tutti gli effetti un po' più a rischio meteo.

Selfie alla partenza
Selfie alla partenza

Ieri siamo partiti con qualche contrattempo da casa, io, l'Orlando e Alberto detto "Bila". Scegliamo l'avvicinamento dalla strada più breve e cioè da Bolzano Nord e salendo in Val Gardena da Ponte Gardena e Ortisei.

Lasciamo la macchina a Roncadizza, una frazione poco prima di Ortisei e, tirate giù le bici, saliamo in direzione Santa Cristina e Selva di Val Gardena, dove possiamo cominciare il "giro classico" in senso antiorario, come caldamente consigliato dagli organizzatori.

Sassolungo
Sassolungo, tanto caro al Maga

L'ascesa al primo passo, il Passo Sella, nonostante partiamo da quota 1130 fino 2240 metri, se ne va tutto sommato in fretta, perché la gamba è fresca, anche se abbastanza fresca è l'aria in cima e ci costringe a non perdere molto tempo, ad indossare lo spolverino e a muoverci rapidamente verso il prossimo passo. Durante l'ascesa ho però l'occasione di ammirare la bellezza del Sassolungo, descrittomi al telefono tante volte dal Maga, senza capire mai a cosa si riferisse, perché un conto è vederlo su internet o in fotografia, un altro è pedalarci a fianco...

Picchiata veloce verso Canazei, senza arrivare in paese, ma svolta secca a sinistra per il Passo Pordoi, che è alla stessa quota del Passo Sella, passando dunque a quota 1800 metri e risalita di circa 450 metri di altitudine.

Anche qui in cima stessa situazione che c'è sul Sella: vento, cielo coperto e l'Orlando più che mai convinto di proseguire oltre senza tanti indugi.

Pordoi
Sul Passo Pordoi con l'Orlando

Sono quasi una trentina i tornanti che portano giù ad Arabba e la pancia comincia a brontolare, perché abbiamo già macinato metà dei chilometri e ben più di metà del dislivello con la sola colazione fatta a casa di buon mattino.

L'Orlando non si ferma a riempire di acqua la borraccia che stiamo spartendo, ma indica l'ascesa a Passo di Campolongo (quota 1875). A metà salita, tra messaggi Whatsapp e fame, esibisco loro le cialde al miele dell'Eurospin ed i miei compagni di viaggio non la disdegnano affatto.

La mia ascesa comincia però a farsi sempre più sofferta: io cerco di dare la colpa allo scarso allenamento da inizio anno - quest'anno ho pedalato poco più di 2500 chilometri, ma non li ho pedalati bene come nel 2014, quando avevo l'obiettivo della Salzkammergut - qualcun altro dice che invece è l'età che avanza per tutti, compreso per me, ma anche il peso, che non è pù quello di qualche anno fa e questo in salita si fa sentire. La verità è che è da qualche giorno che mi porto appresso una lieve indisposizione per la sudata patita alla Peri-Fosse di mercoledì sera, così ho un misto di lieve raffreddore e temperatura corporea leggermente innalzata, che non aiutano certo nel fare queste cose in alta montagna. In cima a Campolongo ci arrivo comunque sempre patemi particolari ed è già ora di scendere a Corvara in Badia, dove ci concediamo finalmente un panino imbottito.

Il panino alla porchetta e relativa Coca-Cola sono il giusto per poter ripartire col serbatoio al giusto livello, per l'ultima asperità di giornata, ossia il Passo Gardena (quota 2119). Dopo si e no un centinaio di metri di ascesa da Corvara, comincia però una lieve pioggerellina, ma scorgo alla nostra destra un ristoro, organizzato ottimamente dai veronesi di Paluani e Zuegg, dove tiro il freno a mano, fischio all'Orlando e nell'ordine prendo un pezzo di colomba classica - secondo l'Orlando era il Veronello, ma possiamo discuterne - un croissant Paluani, un fruttino Zuegg con la promessa strappatami di fare una foto in cima e di hashtaggare i relativi sponsor... una nota di merito agli sponsor veronesi, gli unici gratuiti in un contesto dove si fa tutto ormai solo in nome del business turistico!

La ripartenza dal ristoro è sotto la pioggia che non vuol saperne di calarne, ma si passa dai 1645 metri di Colfosco ai circa quota 1900 per cominciare a rivedere il sole.

Peccato però l'orologio ha passato le 15.30 da poco e cominciano a salire le prime autovetture "liberate" ai posti di blocco. Dopo aver pedalato tutta la giornata in completa assenza di rumori di macchine e del più fine particolato emesso dai moderni turbodiesel, bisogna nuovamente prestare attenzione ai veicoli e soprattutto a non tagliare troppo a sinistra lungo l'ultima discesa.

Dopo aver partecipato l'anno scorso ad un evento del genere, cioè alla chiusura del Passo dello Stelvio, quest'anno ho notato come il numero di bici elettriche (E-bike) stia crescendo a dismisura. Solo che il livello di potenza erogate da queste ultime - la potenza massima è costante a 250W in tanti casi - è tale per cui spesso si viene superati in salita da biciclettone MTB con ruote da 29" senza poter dire la tua...

Sponsor Paluani
Ringraziamento agli sponsor

La rivincita arriva solo a fine giro quando i pacchi batteria sono ormai esausti e ci è capitato di superare ormai in cima al Passo Gardena 2-3 ciclisti con E-bike, che ci avevano sverniciato proprio all'attacco dell'ultima salita, dopo esserci scambiati spesso anche sulle salite precedenti. E quando una E-bike ti lascia a piedi, probabilmente la devi spingere a piedi, perché non è una superleggera sotto i 7 chili...

Arriviamo alla macchina verso le 16.20, io ormai provato e con la febbre certa addosso, le ossa e la schiena abbastanza incriccate, ma con la soddisfazione di questa mia prima volta nella zona del Sella.

Il rientro verso casa mi dà la possibilità di scorgere al volo il mio paesello natio, Campodazzo, per gli amici crucchi Atzwang, incastrato tra la statale, l'autostrada e la stretta Valle Isarco.

Il giro della Sella Ronda è molto bello dal punto di vista paesaggistico, non è mai impegnativo in termini di dislivello totale che di pendenza massima (mai oltre il 9%), a differenza di tanti altri passi del comprensorio alpino. La prossima volta che lo farò, vedrò di prepararmi meglio e di essere a posto con la salute.

 
Di Marco Tenuti (del 17/06/2015 @ 00:59:32, in MTB, linkato 314 volte)

Non è la prima volta che qualcuno del mondiale di downhill MTB ci stupisce per numeri da circo.

Come questo di Aaron Gwin, che ha vinto la terza prova della World Cup 2015, la prova di Leogang corsasi nell'ultimo weekend (13-14 giugno 2015), senza catena della bici! Qualcuno è arrivato a paragonarlo a Chuck Norris, ma evidentemente Aaron è la dimostrazione vivente che basta lasciar correre la bici e pompare adeguatamente sui salti e sulle asperità del terreno per ottenere velocità anche senza muovere i pedali!

 
Di Marco Tenuti (del 12/06/2015 @ 15:18:36, in Windows, linkato 346 volte)

A partire da febbraio 2014 una patch di vulnerabilità sembra impedire il funzionamento regolare dell'esecuzione delle macro dentro Microsoft Visual Studio 2010 e dei precedenti 2005 e 2008.

Sembra che la soluzione consista nel modificare i seguenti file, a seconda del Visual Studio che non funziona più:

  • su Visual Studio 2005 il file da modificare è C:\Program Files (x86)\Common Files\Microsoft Shared\VSA\8.0\VsaEnv\Vsmsvr.exe.config
  • su Visual Studio 2008 il file da modificare è C:\Program Files (x86)\Common Files\Microsoft Shared\VSA\9.0\VsaEnv\Vsmsvr.exe.config
  • su Visual Studio 2010 il file da modificare è C:\Program Files (x86)\Common Files\Microsoft Shared\VSA\9.0\VsaEnv\Vsmsvr10.exe.config

La modifica da fare sul file di configurazione XML sembra essere questa, cioè aggiungere il seguente nodo dentro il nodo <runtime>, nodo che dovrebbe già essere presente:

<AllowDComReflection enabled="true"/>

Questa modifica dovrebbe ripristinare il lancio effettivo delle macro.

Su StackOverflow dovreste trovare proprio la problematica posta da qualcuno e risolta da altri.

 


Ci sono  persone collegate

Tagcloud

Gare 2016
GARE 2016?
26/06: Lessinia Legend
27/08: Nationalpark Bike MX
Gare 2015
GARE 2015
26/07: Lessinia Legend Fatta
05/09: 3Epic Lavaredo Fatta
08/11: XCRunning Grezzana Fatta
Tickerkm
KM STORICI

Km fatti

Palmares
BREVETTI E CIRCUITI

2014: Salzkammergut Survivor
2012: Prestigio MTB
2011: Prestigio MTB
2010: Prestigio MTB, Fizik Veneto
2008: Garda Challenge

< maggio 2016 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
famiglia (4)
fotografia (1)
gastronomia (1)
MTB (14)
rally (2)
viaggi (12)

Le fotografie pių cliccate

Titolo
Quale circuito suggerisci al Marcante per il 2013?

 Lessinia Tour
 Prestigio MTB
 Nobili MTB
 Challenge Giordana
 Gare all'estero
 Stare a casa

Titolo

View Marco Tenuti's profile on LinkedIn

Listening
Kid Rock - Rock n Roll Jesus

Ghosts - The world is outside

Hellogoodbye - Zombies! Aliens! Vampires! Dinosaurs!

Reading
Fabio Volo - E' una vita che ti aspetto
Michael Guillen - Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo
Sophie Kinsella - I love shopping a New York

Watching
Mia moglie consiglia Le sorelle McLeod



Titolo
.NET Framework (4)
Abarth (13)
Alcenago (4)
auto (15)
consumatore (55)
cucina (18)
cultura (15)
dizionario (2)
famiglia (40)
finanza (4)
Grezzana (6)
hitech (17)
humour (8)
idee (1)
informatica (62)
iPhone (46)
mobile computing (10)
MTB (1198)
musica (4)
natura (23)
OS X (3)
PS3 (7)
rally (63)
salute (4)
social (4)
telefonia (3)
Verona (12)
viaggi (26)
video (7)
Visual Basic 6 (5)
web (48)
Windows (30)

Catalogati per mese:
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005

Gli interventi pių cliccati

Ultimi commenti:
Per cortesia come tr...
10/02/2016 @ 14:04:11
Di Giancarlo
Ho una cassetta SRAM...
02/02/2016 @ 13:21:35
Di Lorenzo
smettila di drogarti...
31/12/2015 @ 15:57:02
Di Anonimo
Stavo per dare fuoco...
25/11/2015 @ 18:48:12
Di Anonimo
truffano anche prese...
03/10/2015 @ 10:51:19
Di maria
Bisognerebbe chieder...
24/09/2015 @ 23:20:17
Di MT
Penso proprio di si.
24/09/2015 @ 23:19:41
Di MT
Ti ringrazio... mai ...
09/09/2015 @ 08:35:28
Di oMAR


01/05/2016 @ 21:16:08
script eseguito in 125 ms