Immagine
 Ultima discesa alla Tre Valli '12... di Marco Tenuti
 
"
Ghe la femo o no? L'importante l'è farghela o crederghe de farghela. El resto el vien da solo.

Ghelafemo.it
"
 



Miei sponsor
Gli sponsor che pago io

Social Network



Se vuoi contattarmi via e-mail:

t e n u t i @ l i b e r o . i t
Wikio - Top dei blog
\\ Home Page
Benvenuto nel blog di Marco Tenuti

Tickerkm Marcante

LinkLog
 
27/02/2014 - Perché il debugging di Microsoft Visual Studio potrebbe - essere lento
08/11/2013 - Per capire quale CMS è stato usato per un sito, consiglio di provare con - WhatCMS
21/09/2013 - Online si trova anche un - generatore di QR code
20/09/2013 - La bellezza di - 90 tips con iOS 7
28/06/2013 - Come fare una rapida elevazione senza diventare root su OS X - Sudo senza password

WebLog
 
Di Marco Tenuti (del 09/04/2014 @ 10:33:14, in humour, linkato 104 volte)

L'ingegnere non deve mai porre questioni o dire che non si possono fare certe cose.

 
Di Marco Tenuti (del 01/04/2014 @ 23:32:06, in hitech, linkato 112 volte)

Sarà che ultimamente sono più che mai interessato agli aspetti molto tecnici che riguardano la realizzazione di fabbricati ed edifici, così non mi è passato inosservato l'accumulo di umidità che ho notato sabato mattina presso la piscina di Bosco Chiesanuova.

Una piscina molto calda ed accogliente, tutta circondata di ampie vetrate, purtroppo non solo a sud, ma anche verso nord, dove il ponte termico la fa da padrone in prossimità dei contorni delle vetrate, cioè nei serramenti di alluminio, manifestandosi in tutto il suo splendore con la formazione di condensa.

Ponte termico

Evidentemente il giunto termico del serramento non è stato concepito proprio secondo Casaclima, né tantomeno la collocazione delle aperture trasparenti...

 
Di Marco Tenuti (del 26/03/2014 @ 06:35:11, in iPhone, linkato 102 volte)

E' abbastanza semplice, ma è assolutamente consigliato avere tutti gli strumenti giusti, strumenti che potete avere inclusi nel bundle di sostituzione batteria acquistabile sulla baia a modica cifra, cioè una quindicina di Euro.

 
Di Marco Tenuti (del 24/03/2014 @ 13:20:46, in consumatore, linkato 103 volte)

Nonostante si continui a dire che bisogna fare qualcosa per combattere il fenomeno della donna-oggetto nelle pubblicità televisive, sulla carta patinata, nello sport e non solo, le case di moda proseguono dritte per la loro strada, senza preoccuparsi assolutamente dei risvolti sociali e quelli psicologici di ragazzine ed adolescenti.

Denny Rose catalogo

Guardate un po' cosa salta fuori dalle immagini del catalogo Denny Rose della scorsa primavera. A parte i tacchi da 12-13-14-15 cm, con tutte le difficoltà di portarli. Per carità: l'appariscenza di un tacco del genere è indiscussa, fa girare qualsiasi uomo.

Nelle immagini di cui sopra, si è lavorato sapientemente di Photoshop per distorcere enormemente i rapporti anatomici del corpo umano. La proporzione della gamba (tibia e perone) rispetto all'intera altezza raggiunge rapporti impensabili nel corpo umano, cioè nelle foto va da 36 e 38%.

I rapporti anatomici medi indicano che il femore è il 29% dell'altezza totale, mentre tibia e perone sono l'80% del femore, cioè il 23%. Aggiungiamoci tutto il tacco che vogliamo, anche 18 cm, ma siamo ancora al di sotto delle percentuali indicate sopra (33%). Ben 4-5 punti percentuali sono stati ottenuti semplicemente di stiramento.

Hanno insomma giocato con lo strumento principe del fotoritocco, trattando opportunamente il pattern dello sfondo in alcune foto usando bande verticali per ridurre il fenomeno e nascondere così la forte distorsione.

Chiaro che le ballerine non piacciono a nessuno, o meglio, dipende sempre da chi le porta, ma, donne, dite la vostra!

 
Di Marco Tenuti (del 21/03/2014 @ 10:08:11, in MTB, linkato 119 volte)

Dopo quattro anni consecutivi di partecipazione alla Granfondo Tre Valli, organizzata ottimamente dal Bibike Team, quest'anno non prenderò parte alla competizione, ma non per questo dimentico questa bella gara: spero anzi di essere presente sabato pomeriggio per vedere gli Elite del cross country in azione.

Questa gara presenta da sempre un percorso molto piacevole e dotato di una giusta dose di pezzi scorrevoli e discese divertenti, senza diventare mai proibitiva per la stragrande maggioranza dei biker che corrono anche saltuariamente.

Tre Valli 2014

Anche le condizioni del meteo, quand'anche siano difficili e drammatiche, com'è successo nell'edizione 2013 - edizione in cui mi sono divertito come un bambino, avete presente Peppa Pig? - non mettono mai KO la tenuta del fondo, a differenza del fondo valle delle vicine Valtramigna e Valdalpone, dove invece il fango la fa da padrone, mettendo in crisi tante coperture e tutte le trasmissioni meccaniche.

Dal punto di vista aerobico si può dividere la gara in cinque parti ben distinte, che non sono altro che le salite da scalare: le pendenze non sono mai impossibili, ma al contrario su alcune si può davvero fare velocità. Chi ha gas, potrà scatenarsi e scaricarlo tutto a terra sin dalla prima salita, che porta alla Croce del Vento, ma soprattutto sulla lunga salita dei Cancelli, l'ultima prima di fiondarsi all'arrivo a Tregnago.

 
Di Marco Tenuti (del 14/03/2014 @ 08:41:38, in MTB, linkato 186 volte)

In realtà il ciclista e soprattutto il biker trae il massimo del godimento, quando è ora di intraprendere la discesa. Pensare che un biker tragga soddisfazione solo dal far forte le salite è istigazione al masochismo.

Stasera ne ho avuto la prova nell'uscita di un'ora e mezza assieme a Suor Germana e a Francesco Gugole. Quando torni a far filare la mountain bike in mezzo ai sassi smossi che delimitano un single track o quando, sia con abili che con goffe manovre, scansi col corpo la frasca nel mezzo di un passaggio, torni a capire quanto è importante provare spesso questa sensazione di adrenalina.

Giro serale con Francesco Gugole e Suor GermanaPassi insomma per aver fatto un Piccolo Stelvio in dieci minuti netti, anziché in otto, passi per essere arrivato in cima senza aver conosciuto l'oltretomba cardiovascolare, l'appagamento sta tutto lì. Nella discesa.

Un biker che esce con la mountain bike sa cosa voglio dire. Quando ti mette a scendere con la bici, non c'è molto tempo per pensare: c'è da mettere sempre le ruote nel posto giusto, senza toccare possibilmente i freni. Lasci a casa ed in ufficio tutti i pensieri. Ti scivolano dietro come l'aria che stai fendendo.

Ma c'è anche molto tempo per far affiorare una quantità di ricordi che rimangono indelebili nella mia mente, ricordi che conducono alle più belle gare e a quelle più ricche di emozioni.

E non serve per questo arrivare a scendere a cannone rischiando di spezzarsi in due per una questione di orgoglio o più tecnicamente di "celodurismo da discesa". Quando ti senti la bici in mano - o forse sarebbe il caso di dire "quanto ti senti perfettamente la bici sotto il culo" - com'è il caso di una bella ventinove pollici come la mia, magari leggermente tarata a favore del divertimento in discesa, cioè con la forcella che asserve un po' morbidamente le asperità del terreno e le gomme a pressioni non esagerate, ti viene tutto facile, compreso qualche droppetto e qualche bunny hop, e ti viene da fare delle traiettorie che si potrebbero mettere giù con delle forme polinomiali fino a x alla quinta. Ed in fondo alla discesa il sorriso stampato sul viso è garantito.

Ecco perché uscire un paio di volte la settimana fa bene al biker - soprattutto quello amatore - più di qualsiasi altra terapia: perché fa secernere una buona dose di serotonina, l'ormone del buon umore. Ecco perché se mi dicono che sono "drogato", sono fiero di me.

Ancora volta lancio un messaggio universale per il popolo dei biker: "Molela".

 
Di Marco Tenuti (del 14/03/2014 @ 08:05:27, in MTB, linkato 82 volte)

Non voglio intavolare un'improbabile dissertazione che gira attorno al fatto che ultimamente faccio sempre più fatica a pedalare, non lo vorrei fare, ma la mia natura di ciclista amatoriale è quella di essere lamentoso: devo pedalare di più, ma non faccio abbastanza, devo mangiare meno, per trovare una forma migliore, devo migliorare in quelle situazioni, perché sono un po' carente e tutte manfrine di questo genere. Alzi la mano il ciclista amatoriale che, alla luce dei fatti, pensa di non fare abbastanza - esclusi quelli che escono almeno quattro volte la settimana...

Chi conosce le mie faccende personali, familiari e lavorative, ne conosce le ragioni e quindi ha elementi sufficienti per capire, però rimane il fatto che rimane il fondo della verità e che cioè io voglio ancora pedalare e divertirmi in bicicletta.

Succede che se stai però lontano dalla bici per due o ben tre settimane consecutive, per motivi diversi da qualche influenza o raffreddore, ti ritrovi in forte difficoltà dopo tutto questo tempo.

La prima cosa che sparisce istantaneamente è il fiato. Sali in bici, cominci a pedalare e finché la strada è piana, il battito cardiaco va su velocemente e la cosa non può che essere apprezzata positivamente. Tutti direbbero: "Eh, chiaro! Hai il cuore riposato, è normale che salga rapidamente di giri".

Quando però attacchi la prima salita, ti accorgi che le cose non sono così semplici. Non vai avanti, nonostante tu ci metta tutta la tua buona volontà. Infatti da metà gennaio in poi, ho provato più di qualche volta a fare "piccoli stelvi", ma i tempi sono lontanissimi da quelli che segnavo un anno fa, quando invece ero preso a valutare ben altri problematiche, cioè primariamente quelli di abbandonare la forcella rigida e a vedere quanto avrei perso in salita con un chilogrammo di più a bordo.

Se esci una volta ogni due settimane, i tempi si dilatano in salita anche del 20%, per cui ci si potrebbe mettere lì anche a fare qualche calcolo, per stabilire quale sia il livello di performance rispetto al proprio "top della forma", cioè quello in cui le cose ti vengono facili, in salita voli e non senti nemmeno la catena.

Se però... se però ti rimetti ad andare in bici perché le "condizioni al contorno" te lo permettono e la situazione meteo torna ad essere favorevole, come sta succedendo in queste settimane di marzo, cioè quantomeno si riesce a fare un'uscita nel corso della settimana lavorativa e magari riesci a combinare un lungo nel fine settimana, allora la musica cambia completamente.

Dopo la fase iniziale di sconforto e la difficoltà oggettiva di trovare una prestazione decente, le cose cominciano a girare per il verso giusto e torni a prenderci gusto, perché vedi che i "tempi impossibili" di una volta sono meno inavvicinabili, il fiato torna ad essere un po' più sostenuto, mentre il miocardio riprende a lavorare a frequenze più umane pompando anche più sangue alle gambe - e magari un po' meno al cervello.

Mi sono ritrovato a scrivere già un papiro sulla ripresa delle attività, ma vengo al dunque nella parte 2.

 
Di Marco Tenuti (del 10/03/2014 @ 21:42:41, in auto, linkato 83 volte)

Basta che vi guardiate questo video, con immagini riprese la settimana scorsa, quando tanti team erano in Bahrein a fare quanti più test possibili.

I motori turbo sono molto più rochi e meno piacevoli di un aspirato che viene clippato a 18000 giri/min, ma accontentiamoci.

 
Di Marco Tenuti (del 05/03/2014 @ 06:57:23, in Abarth, linkato 94 volte)

Presentata ieri al salone di Ginevra, la 695 biposto segna un nuovo traguardo tra le Abarth mai costruite in serie per la libera circolazione. Ora qualcuno deriderà questa affermazione, quella utilizzata da Abarth per il lancio di questa 695 biposto, "The fastest Abarth ever is coming", perché in giro è pieno di Abarth truccate, con ben altre cavallerie, comprese quelle che escono dall'officina di Negrente, però stiamo parlando di vetture di serie, non di tuning che in taluni casi si mangia il margine di affidabilità previsto per ogni motore o vettura di serie.

Grazie ai suoi 190 CV, erogati sempre dal suo motore Tjet da 1,4 litri (1368 cmc per la precisione) ed un peso alleggerito appena sotto la soglia dei 1000 kg (995), questa nuova versione a due posti della 500 si spinge nell'accelerazione da fermo da 0 a 100 km/h sotto la soglia dei 6 secondi: 5,95!

Andare sotto i 6 secondi per una macchina più o meno sportiva è sempre qualcosa di entusiasmante, senza arrivare a spingersi tra le supercar. Chiaro che il risultato è merito non solo della cavalleria, ma anche del peso contenuto, essendo di 5,2 kg/CV.

Pare insomma che a Torino e dintorni abbiano capito bene la faccenda e, oltre a curare le supercar come Ferrari e Maserati, la nicchia delle piccole supercar è altrettanto interessante e remunerativa, dopo aver visto già la Alfa Romeo 4C, che presenta prestazioni di per sè entusiasmanti, oltre ad un'equipaggiamento da vera supercar.

La 695 Biposto sotto i 6 secondi

Vi lascio al portale specifico messo a punto dalla casa dello scorpione.

 
Di Marco Tenuti (del 25/02/2014 @ 11:10:32, in MTB, linkato 120 volte)

Sta arrivando in e-mail in questi giorni da più parti la richiesta di partecipare all’indagine gestita dall’Università di Torino circa l’uso degli integratori e dei farmaci. Io ho già compilato l’intero questionario. Se volete farlo anche voi, penso che l’iniziativa sia positiva per andare andare avanti nella consapevolezza e nella valutazione del problema del doping negli amatori.

Sotto riporto il testo integrale dell’email, dentro cui c’è anche il link per cominciare il questionario.

Gentile Marco,
La contatto per chiedere la Sua collaborazione ad uno studio sociologico organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza, Scienze Politiche, Economiche e Sociali dell'Università del Piemonte Orientale, in collaborazione con il Dipartimento di Culture, Politica e Società dell'Università di Torino e coordinato dal prof. Daniele Scarscelli, ricercatore e sociologo.

Tale ricerca riguarda l'uso di integratori e farmaci per migliorare le prestazioni sportive da parte di atleti/e non professionisti/e nell'ambito della loro attività sportiva. Si tratta della prima ricerca sociologica che si pone l'obiettivo di studiare le pratiche di consumo di tali sostanze. Siamo interessati a comprendere il valore d'uso che ogni atleta attribuisce alla sostanza che assume, ad analizzare l’interpretazione del fenomeno oggetto di studio e ad individuare quali sostanze gli atleti ritengono dopanti (ci potrebbero, per esempio, essere atleti che ritengono "illegale" l'uso di sostanze che la legge non proibisce e atleti che ritengono legale l'uso di sostanze che la legge proibisce).

Da quasi tre mesi è attiva una indagine online con la quale ci poniamo l’obiettivo di raccogliere informazioni da (speriamo!) un campione numeroso ed eterogeneo di atleti/e non professionisti/e attraverso un questionario online che può essere compilato in non più di 20 minuti.

Possono partecipare allo studio gli atleti non professionisti (maggiorenni) che pratichino un'attività sportiva (individuale o di squadra) a livello agonistico. E' assolutamente garantito l'anonimato.

Confidiamo, inoltre, che la numerosità del campione renderà possibile uno studio esplorativo in cui si potranno comparare i profili degli atleti.

Per il buon esito dello studio è quindi fondamentale che il link del questionario venga pubblicizzato sia attraverso specifici siti consultati dalla popolazione di nostro interesse sia tramite il "passaparola telematico" (email, facebook, twitter, ecc.).

Tra i siti che hanno pubblicato la notizia dell'indagine vi è il blog su Repubblica online "A ruota libera”, sportpro.it, ultramaratonemaratonedintorni.com, runningforum.it...

Stiamo cercando in rete, attraverso i vari motori di ricerca, forum, blog e siti dedicati alle varie discipline sportive.

Facendo questa ricerca, abbiamo consultato anche il suo sito.

Mi sono permessa di disturbarLa, pertanto, per chiederLe se fosse possibile pubblicizzare la ricerca, con il relativo link per accedere al questionario online, nel Suo sito e/o nella Sua pagina Facebook, nonché attraverso altri canali di vostra conoscenza (mailing list, forum, contatti privati…).

Se vuole dare un’occhiata al questionario online, il link è il seguente:

http://survey.unipmn.it/index.php/549614/lang-it

Se Lei fosse interessata a collaborare alla diffusione del questionario online, sono a Sua disposizione per fornire ogni ulteriore informazione sul nostro studio.

La ringrazio per l’attenzione e La saluto cordialmente. Dott.ssa Giordana Gai

 
Di Marco Tenuti (del 19/02/2014 @ 16:52:32, in MTB, linkato 158 volte)

Premetto che le fat bike io le ho viste solo sul web e non ne ho mai vista una dal vivo, nè tanto meno ho avuto modo di provarla, ma sul web c'è qualcuno che la pensa diversamente sulla loro utilità.

Fat bike? No grazie! from carb1111 on Vimeo.

 
Di Marco Tenuti (del 12/02/2014 @ 14:29:56, in MTB, linkato 170 volte)

Sono passati ormai 8 mesi, ma ogni tanto guardo con soddisfazione qualche scatto dell'ultima più grande emozione con la mountain bike!

Al momento non sto nemmeno pedalando per una granfondo di 40 km, la testa a volte c'è, altre volte non c'è, ma bisogna solo aspettare che la natura torni a fiorire...

Soddisfazione alla Black Forest

Nel 2014 metterò in cantiere qualcos'altro?

 
Di Marco Tenuti (del 03/02/2014 @ 14:15:12, in auto, linkato 143 volte)

Spot forse troppo altisonante per introdurre la Maserati Ghibli al mercato statunitense, in occasione del Superbowl '14.

Per carità: i contenuti proposti possono questo ed altro, visto che siamo a livelli comparabili o addirittura superiori di Porsche.

Io rimango sulla mia convinzione che le vetture italiane non sono state affatto valorizzate nei decenni precedenti ed il corso Marchionne sta prendendo la giusta direzione. E' l'ora anche di vedere l'Alfa Romeo passare nel segmento premium... Forza Italia (dell'Auto)!

 
Di Marco Tenuti (del 03/02/2014 @ 10:08:30, in consumatore, linkato 194 volte)

Se cercate su Youtube la parola pellettatrice o pellet, troverete decine e decine di video di persone che si sono ingegnate per costruirsene una in casa, magari utilizzando pezzi e accessori scartati da altri.

Sostanzialmente è necessario avere un motore elettrico più o meno potente, poi il resto è poca cosa, cioè vi serve un riduttore ed uno o più dischi traforati, su cui pressare la segatura e farla diventare "cilindretti di pellet".

Io ho messo questo, uno dei video più rustici, ma se guardate bene, trovate praticamente tutte le istruzioni per farsene uno.

Ah, una cosa che non passa certo inosservata tra i vari video, cioè le disposizioni di sicurezza, praticamente nulle nelle macchine faidatè: mi pare abbastanza ovvio che non è il caso di avvicinarsi col pugno pieno di segatura in prossimità del rotore...

Un aspetto non secondario da considerare è che tutte queste macchine partono dal presupposto di avere già la segatura di legno pronta, pertanto potremmo già fare qualche considerazione economica sulla produzione del pellet, visti i numeri in gioco:

  • motore elettrico monofase da 1,5 kW
  • produzione oraria tra i 15-25 kg/ora
  • costo energia elettrica 1 kWh = 0,1 €
  • costo di pressatura stimabile sui 0,6-1 €/quintale

Si impone a questo punto una ricerca su come fare a prodursi la segatura, a partire da scarti di legname, partendo da biomasse, ramaglia e altro tipo di legna in taglio più o meno grosso, visto che ridurla in poltiglia come la segatura non è proprio affar semplice e sicuramente costerà una cifra quantomeno superiore rispetto a quella della pressatura in pellet.

Alla prossima puntata!

 
Di Marco Tenuti (del 01/02/2014 @ 13:13:35, in web, linkato 177 volte)

Ottenere un feed RSS è cosa più o meno gratuita da tantissimi CMS, così come anche dal simpatico Dblog, che uso ormai da 9 anni per la gestione del mio blog personale.

Il mio blog è però pieno di articoli della natura più svariata e mi aiuto proprio con la suddivisione in sezioni per tenerli distinti, sia per le mie ricerche personali che per i visitatori del mio portale.

Purtroppo il feed RSS spara fuori tutto, senza dare la possibilità di filtrare alcune sezioni, cioè vengono mescolati, nel mio caso, articoli di giri in mountain bike con materiale di divulgazione scientifica o informatica.

Mi sono pertanto preso la briga di scrivere un piccolo filtro a partire dal file in ASP feedrss.asp, dando la possibilità di filtrare per sezioni, cioè di ottenere la lista degli articoli per un sottoinsieme di sezioni specificato attraverso la Request:

filteredfeedrss.asp?sections=[sezioni]

Dove il vostro sezioni dovrà contenere una o più sezioni opportunamente concatenate con la virgola, anch'essa codificata (%2C) per la Request:

[sezioni] = sezione1%2Csezione2%2Csezione3

Questo presuppone che non abbiate usato il carattere virgola proprio dentro alle denominazioni delle sezioni, altrimenti dovrete pensare a qualche altro carattere di separazione. Se pertanto volete pescare tutti gli articoli riguardanti il web e Windows dal mio blog l'http GET da effettuare è la seguente:

http://www.tencas.com/blog/filteredfeedrss.asp?sections=web%2CWindows

Se invece non specificate alcun parametro, esso risponderà con tutte le sezioni:

http://www.tencas.com/blog/filteredfeedrss.asp

Si potrebbe proseguire a svilupparlo, gestendo anche un meccanismo di esclusione di alcune sezioni, in modo da evitare che eventuali nuove sezioni rimangano tagliate fuori, ma ci penserò più avanti.

Questo il sorgente modificato:

  Dim SectionWherePart
  Dim SectionsRequest
  Dim sectionKeys
  Dim sectionKeysCount

  WherePart = "(Articoli.Data <= '" & DataToStr(Date()) & 
     "') AND (NOT Articoli.Bozza)"
  If (Request("sections") <> "") Then
    SectionsRequest = ControlloSQLInjection(Request("sections"))
    sectionKeys = Split(SectionsRequest,",")
    For Each sectionKey in sectionKeys
      If (sectionKeysCount > 0) Then
        SectionWherePart = SectionWherePart & " OR "
      End If
      SectionWherePart = SectionWherePart & "([Sezione] = '" & 
          sectionKey & "')"
      sectionKeysCount = sectionKeysCount + 1
    Next
    WherePart = WherePart & " AND (" & SectionWherePart & ")"
  End If
  
	SQLArticoli = " SELECT TOP "& Num_Max_Articoli & 
         " [ID], [Autore], [Sezione], [Titolo], [Testo], " 
         "[Data], [Ora] FROM Articoli WHERE " & WherePart & 
         " ORDER BY Articoli.Data DESC, Articoli.Ora DESC "

Se volete scaricare tutto il file, lo potete trovare qua. Potete metterlo tranquillamente nella radice di dblog, affiancato al tradizionale file feedrss.asp.

 


Ci sono  persone collegate

Tagcloud

Gare 2014
GARE 2014
12/07:Salzkammergut Trophy
Gare 2013
GARE 2013
24/03:GF Tre Valli ** Fatto
05/05:Conca d'Oro Bike ** Fatto
23/06:Black Forest Ultra Fatto
06/07:DSB **** Fatto
14/09:Lessinia Legend Fatto
Palmares
BREVETTI E CIRCUITI

2012: Prestigio MTB
2011: Prestigio MTB
2010: Prestigio MTB, Fizik Veneto
2008: Garda Challenge

< aprile 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
famiglia (4)
fotografia (1)
gastronomia (1)
MTB (14)
rally (2)
viaggi (12)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Quale circuito suggerisci al Marcante per il 2013?

 Lessinia Tour
 Prestigio MTB
 Nobili MTB
 Challenge Giordana
 Gare all'estero
 Stare a casa

Titolo

View Marco Tenuti's profile on LinkedIn

Listening
Kid Rock - Rock n Roll Jesus

Ghosts - The world is outside

Hellogoodbye - Zombies! Aliens! Vampires! Dinosaurs!

Reading
Fabio Volo - E' una vita che ti aspetto
Michael Guillen - Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo
Sophie Kinsella - I love shopping a New York

Watching
Mia moglie consiglia Le sorelle McLeod



Titolo
.NET Framework (3)
Abarth (12)
Alcenago (2)
auto (15)
consumatore (49)
cucina (18)
cultura (14)
dizionario (2)
famiglia (40)
finanza (4)
Grezzana (6)
hitech (12)
humour (8)
idee (1)
informatica (61)
iPhone (42)
mobile computing (10)
MTB (1160)
musica (4)
natura (23)
OS X (2)
PS3 (7)
rally (57)
salute (4)
social (4)
telefonia (3)
Verona (10)
viaggi (26)
video (6)
Visual Basic 6 (5)
web (48)
Windows (24)

Catalogati per mese:
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
tutto molto chiaro m...
15/04/2014 @ 18:01:46
Di truxxd
Diffidate da prezzof...
12/03/2014 @ 22:13:03
Di Matteo
buongiornoSiete un d...
12/03/2014 @ 19:14:13
Di Anonimo
Dimentichiamo spesso...
28/02/2014 @ 11:37:54
Di Paolo Banca stufodiquestipolitici
Pro or good road or ...
06/02/2014 @ 17:34:28
Di Cy14s3g9da8
Hello there! Would y...
06/02/2014 @ 16:32:18
Di RyuCwc86
I didn't even know t...
06/02/2014 @ 16:18:37
Di bZ3kWLP7bM7
Utilizzo ViceVersa P...
31/01/2014 @ 20:17:28
Di justintime


20/04/2014 @ 22:55:17
script eseguito in 609 ms