\\ Home Page : Articolo : Stampa
Windows 10, ancora non ci siamo
Di Marco Tenuti (del 02/11/2015 @ 10:22:06, in Windows, linkato 813 volte)

Nonostante il mio relativo entusiamo per Windows 10 manifestato ancora qualche mese poco dopo il suo rilascio, devo ammettere che Microsoft ha fatto qualche passo in avanti, ma siamo ben lontani ancora da quello che ci si aspetterebbe dopo un ventennio di Windows. Detta fuori dai denti, "Siamo alle solite".

Ho in mente di sviscerare bene la questione in una serie di articoli che sto scrivendo in questi mesi, circa tutta una serie di problematiche a cui ho fatto il callo io e anche tutti gli utilizzatori che si rivolgono a me per portare avanti la macchina di Windows, che risulta ancora molto insinuata nel personal computing della vita professionale e personale di tutti noi, nonostante ormai iOS e Android siano diventati sempre più pervasivi nella mobilità della vita quotidiana. Un piccì fisso in tantissime famiglie ancora c'è e chissà ancora per quanto rimarrà sulle scrivanie e nelle camerette dei nostri figli.

A cosa mi riferisco sostanzialmente? Al fatto che un buon sistema Windows, una volta configurato, gira abbastanza a meraviglia nel breve e nel medio termine. Arrivare ad avere un sistema a posto non è però affar semplice.

1. Se compri un PC nuovo con Windows 8.1

L'esperienza di questo fine settimana è stata quella che di tanto in tanto provo nella pratica professionale: mi viene dato un hardware nuovo, un PC fisso piuttosto che un portatile molto consumer, che è stato portato a casa dal centro commerciale o è stato recapitato a casa dal corriere e mi viene chiesto di metterlo nelle condizioni di essere usato proficuamente dal suo utilizzatore finale, leggi "Mettimi Windows 10". Il computer arriva con un'installazione di Windows 8.1, ma per arrivare a Windows 10 ci vogliono qualcosa come 24 ore!

Purtroppo per passare a Windows 10 non è sufficiente scaricarsi un eseguibile di qualche megabyte e far partire l'installazione. Probabilmente si può fare anche quello, ma la strada tracciata da Microsoft non è purtroppo questa. E' necessario utilizzare Windows Update, uno dei pannelli di controllo di Windows, per scaricarsi quello che sta dietro a quella magica iconcina che propone l'aggiornamento a Windows 10, quando un esperto IT si aspetterebbe che per far comparire la magica iconcina sia sufficiente proprio quell'eseguibile di 5-6 MB o scaricare in maniera mirata un'opportuna patch (KBxxxxxxx) tra le centinaia proposte tra gli aggiornamenti obbligatori e facoltativi di Windows 8.1.

Purtroppo sono stato costretto ad installare tutta la pletora di aggiornamenti di Windows 8.1, cioè ho dovuto attendere lo scaricamente di almeno 2 GB di patch, intervallato da un numero imprecisato di riavvii e relative installazioni.

Rimane il fatto che il download di questo paio di gigabyte e le relative installazioni richiedono tempi biblici su un PC consumer: i tempi di attesa sfiorano la giornata intera, vuoi perché non si è sempre pronti a confermare le richieste di continuare le operazioni, vuoi anche perché il download dei servizi BITS/WUpdate sembrano tutto tranne che veloci.

Una volta che ce l'hai fatta - a far comparire l'iconcina della proposta di aggiornamento a Windows 10, poi la strada comincia ad essere in discesa, finalmente. Il download dell'aggiornamento a Windows 10 che mi è stato proposto era di circa 2,8 GB, che sono stati stoppati al 80%, ma il servizio è riuscito a ripartire dal punto in cui si è fermato salvando così i 2 GB abbondanti già scaricati.

Infine l'aggiornamento vero è proprio di Windows 10 ha richiesto tempi non proprio veloci per una macchina nuova, non dotata però di disco SSD. Viene da chiedersi se in Microsoft provano bene i loro software e se hanno un'idea dell'esperienza utente media, quando si passa a Windows 10 su una macchina con 4 GB di RAM, processore Intel Core i3 e disco rigido "vecchio mondo" da 500 GB, anziché un superperformante disco a stato solido. Anche qua se ne vanno un paio di ore di trepidante attesa. Quando infine si è installato Windows 10, non è finita con gli aggiornamenti: ce ne sono un altro piccolo vagoncino, ma niente a confronto di quelli supposti inutili scaricati il giorno prima per mettere Windows 8.1 nelle condizioni di far comparire la magica iconcina.

Quando siete arrivati qua, cominciano una serie di operazioni drastiche: eliminare il bloatware che ogni costruttore di PC ha utilizzato per infarcire il proprio hardware. Nel mio caso Acer ha messo dentro una suite di applicazioni per la gestione di media, foto e files, chiaramente cloudbased, come se non avessimo già abbastanza soluzioni con Google Drive, iCloud, Dropbox e compagnia bella, visto che ci sarebbe già Microsoft che parte da un predellino previlegiato con OneDrive e Office 360.

Poi ci sono tutte quelle utility per la gestione del computer, per l'assistenza Acer, per il loro power management, come se Microsoft non avesse fatto nulla col suo doppio set di impostazioni del nuovo mondo (Windows 10) e pannelli di controllo (di Windows 7).

Poi c'è da rimuovere l'ennesimo bloatware, Pokki Start Menu, cioè la proposta di Acer allo start menu di Windows 8 - perché tutti partono già dal presupposto che Windows 8 è nato male anzi malissimo - solo che questo bloatware per Windows 8 rimane lì vivo e vegeto nella barra delle applicazioni e avete da fare le vostre per estirparlo.

Alla fine ce l'avete fatta: Windows 10 propone di vedersi un video di "Cinque cose da sapere di Windows 10", solo che è in inglese. Cribbio, possibile che con tutti questi dipendenti e evangelisti italiani che lavorano in Microsoft Italia non ce ne sia uno che ha speso due ore per doppiare il video e mettere l'audio nella lingua di Dante"?

Una volta che ce l'avete fatta, Windows 10 diventa la macchina perfetta per lo smanettone: il consumo di RAM non è eccessivo, la stabilità dei processi è sempre abbastanza buona, ma traspare ancora tutta la mia delusione perché non sono capaci di fare come Samsung, cioè copiare come si deve OS X e Apple.

Nella prossima puntata vedremo il pannello di controllo "Programmi e funzionalità", diventata in Windows 10 "App e funzionalità".