Sito completamente rinnovato

Sito completamente rinnovato

Arriva per Tencas un sito completamente rinnovato, sia nella veste grafica che nei contenuti. Era...

Computer rotto a Grezzana?

Computer rotto a Grezzana?

Mettere a posto un computer che ha subito un'infezione di un virus, di un troian o di qualche...

1 Gbit è meglio

1 Gbit è meglio

La connettività della rete locale non è mai troppa. Se avete una connettività che ritenete...

Remake per Simecc

Remake per Simecc

Rifatto completamente il sito internet dell'azienda metalmeccanica Simecc, azienda fornitrice di...

  • Sito completamente rinnovato

    Sito completamente rinnovato

    Sabato, 16 Novembre 2013 01:00
  • Computer rotto a Grezzana?

    Computer rotto a Grezzana?

    Lunedì, 27 Gennaio 2014 19:52
  • 1 Gbit è meglio

    1 Gbit è meglio

    Giovedì, 13 Febbraio 2014 23:29
  • Remake per Simecc

    Remake per Simecc

    Giovedì, 13 Febbraio 2014 23:42

Remake per Simecc

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Rifatto completamente il sito internet dell'azienda metalmeccanica Simecc, azienda fornitrice di componentistica e carpentieristica per reti e vettori ferroviari, con sede a Ronco all'Adige (VR). Il remake, messo a punto al committente, è consistito nell'individuazione di un layout abbastanza innovativo, ma senza i troppi fronzoli dati da Javascript ed un inconfondibile stile veronese.

1 Gbit è meglio

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Cavo Ethernet

La connettività della rete locale non è mai troppa. Se avete una connettività che ritenete velocissima per le vostre esigenze attuali, sappiate che un giorno non potrebbe bastare che svariate mille ragioni. 

I computer nella vostra rete locale potrebbero crescere come numero nel tempo. Le applicazioni installate in un personal computer elaborano dati che sono sempre più dislocati in posizioni remote e sempre meno nel disco locale, vuoi per l'obsolescenza di avere una copia locale, vuoi perché i dati vengono attinti direttamente da sorgenti esterne.

I dispositivi collegati alla vostra rete Wifi - che poi è pur sempre in rete locale - crescono sempre più di mese in mese. Una volta che inserite la chiave del vostro SSID, il device la ricorderà una volta per tutte e proverà ad usarla per collegarsi tutte le volte che lui lo riterrà necessario in futuro.

Scegliete pertanto di dimensionare sempre la rete in maniera non solo adeguata, ma anche lungimirante, optando quantomeno per la classica connettività via Ethernet utilizzando cavi più o meno lunghi di classe 6 e assicuratevi che anche l'hub Ethernet sia del tipo autoadattativo, cioè 10/100/1000 Mbit.

Trovare in giro qualche dispositivo a 10 Mbit è ormai affare da archeologo, ma un PC con una scheda di rete di metà anni novanta, magari ancora si trova in circolazione e continua a girare per qualche motivo.

Time Machine ripristinata in QNAP 4.0.5

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Pannello di controllo Time Machine

Con l'uscita di Mavericks (OS X 10.9) l'eccellente servizio di backup offerto da QNAP per tutti i suoi sistemi NAS ha smesso di funzionare. Se avevate già un backup funzionante con OS 10.7 (Lion) o OS 10.8 (Mountain Lion), di punto in bianco il vostro computer si è trovato impossibilitato a procedere col continuo aggiornamento dello stato del backup.

QNAP è arrivata a mettere a disposizione un quick fix già a fine ottobre, lievemente aggiornato a metà dicembre, mentre l'aggiornamento alla versione 4.0.5 include proprio questa correzione e chiude la partita una volta per tutte.

Stessi requisiti hardware per Mavericks (OS X 10.9)

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Background di OS X Mavericks 10.9Buone notizie, una volta tanto, da casa Apple, che ha presentato ieri alla WWDC 2013 (WorldWide Developer Conference) - la conferenza per gli sviluppatori di iOS e OS X. La prossima versione del sistema operativo Apple per computer fissi e portatili girerà sullo stesso hardware, su cui gira già Mountain Lion (OS X 10.8), cioè tutte le macchine sostanzialmente con processore Intel a 64 bit.

Questo emerge da una nota a margine che è girata ieri poco dopo la presentazione ufficiale e che è stata girata a tutti gli sviluppatori iscritti al programma di casa Apple.

Riprendo pertanto integralmente il testo dell'articolo apparso su Macitynet.

I requisiti per l’installazione del futuro OS X 10.9 Mavericks sono al momento identici a quelli richiesti per l’installazione dell’attuale OS X 10.8 Mountain Lion.

OS X 10.9 Mavericks sarà compatibile con tutti i Mac sui quali gira anche l’attuale OS X 10.8 Mountain Lion. A dirlo, come riferisce AppleInsider è una nota inviata agli sviluppatori.

La notizia arriva a margine del keynote di ieri, durante il qale i rappresentanti della casa di Cupertino non avevano specificato i requisiti di sistema che, invece, sono stato chiariti nel documento formale. Le macchine compatibili sono:

  • iMac (metà 2007 e superiori)
  • MacBook (13” Aluminium, fine 2008), (13” inizio 2009 e seguenti)
  • MacBook Pro (13”, metà 2009 e seguenti), (15”, metà/fine 2007 o seguenti), (17”, fine 2007 o seguenti)
  • MacBook Air (fine 2008 e seguenti)
  • Mac mini (inizio 2009 e seguenti)
  • Mac Pro (inizio 2008 o seguenti)
  • Xserve (inizio 2009)

Il sistema minimo richiesto per l’installazione è generalmente indicato in un Mac con processore Intel a 64 bit, OS X 10.6.7 o superiore (per scaricare dal Mac App Store l’installer) e 8GB di spazio libero su disco. Come già detto, i requisiti sono al momento identici a quelli necessari per l’installazione di OS X 10.8 Mountain Lion. È probabile che resteranno gli stessi, quando il nuovo sistema sarà disponibile definitivamente in autunno.

Lunga vita al runtime di Visual Basic 6

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Compatibilità di VB6 con i sistemi operativi MicrosoftIn circolazione esiste tanto, troppo codice legacy sviluppato con Visual Basic 6.0, per il quale è imperativo adoperarsi affinché sia ancora compatibile con gli ultimi sistemi operativi desktop di casa Microsoft. Sulla rete parecchi sviluppatori ed esperti dell'ambiente si sono prodigati per fare pressione su Microsoft nel corso degli ultimi mesi ed fortunamente l'effetto è stato positivo, come si può apprendere da questo interessante articoletto di Greg Duncan, che per motivi di utilità riportiamo tradotto per la possibile platea "italiana".

 

 

6 su 8? Sarà supportato VB6 su Windows 8? Si, più o meno!

Il generale Douglas MacArthur disse nel famoso discorso del 1951 al Congresso Americano - ndt famoso, probabilmente, solo per l'audience statiunitense... - che "i vecchi soldati non muoiono mai, ma semplicemente se ne vanno lentamente. Mezzo secolo più tardi, la massima di MacArthur la si può efficacemente applicare ai linguaggi di programmazione. E nello specifico a Visual Basic.

Microsoft lo scorso mese ha annunciato che stava per estendere la compatibilità del tipo "Funziona senza problemi" - in inglese era "It Just Works" - per le applicazioni Visual Basic 6 per l'intero ciclo di vita di Windows Vista, Windows Server 2008, Windows 7 e, più che mai importante, anche Windows 8. Come descritto nel Visual Basic 6.0 Resource Center, il runtime del nucleo di Visual Basic 6.0 sarà supportato per tutta la durata di questi sistemi operativi. L'impegno comprende cinque anni di supporto costante, seguito da ulteriori cinque anni di supporto esteso.

Karl Peterson, programmatore Visual Basic 6 e da lungo tempo redattore al Visual Studio Magazine e al Visual Basic Programming Journal (dove ha scritto la popolarissima colonna VB Corner, tra le altre, fino al 2010). Peterson fa notare che questo annuncio allontana decisamente il ciclo di vita del runtime di VB6 dal suo ritiro programmato. Ed questo fatto può avere delle implicazioni importanti per tutte le aziende i cui progetti si basano su vaste distese di codice VB6, che Peterson chiama "il Cobol del 2020".

 

Andate pure a vedere l'annuncio ufficiale di Microsoft, fatto a marzo ed aggiornato a novembre 2012:

Support Statement for Visual Basic 6.0 on Windows Vista, Windows Server 2008, Windows 7, and Windows 8

Rimane il fatto che l'ambiente di sviluppo non subirà alcun aggiornamento particolare, come si vede da uno stralcio dell'annuncio:

The Visual Basic 6.0 IDE is no longer supported as of April 8, 2008. However, Custom Support Agreements may be available from Microsoft. Additionally, both the Windows and Visual Basic teams have tested Visual Basic 6.0 IDE on Windows Vista, Windows 7, Windows Server 2008, and Windows 8 to understand and mitigate (if appropriate) serious regressions in application compatibility. This announcement does not change the support policy for the IDE.

la cui traduzione in italiano è sostanzialmente questa:

L'IDE di Visual Basic 6.0 non è più supportato dall'8/4/2008. Ciononostante specifici accordi di supporti possono essere resi via via disponibili da Microsoft. In più sia i team di Windows che di Visual Basic hanno testato l'IDE di Visual Basic 6.0 su Vista, Windows 7, Windows Server 2008 e Windows 8 per capire e mitigare opportunamente, eventuali seri problemi di compatibilità dell'applicazione. Questo annuncio comunque non cambia assolutamente la politica di supporto all'ambiente.

tencas.com - Tenuti Marco - via Pozzo, 46 GREZZANA (VR) - Tel.045-551149 - info@tencas.com - VAT IT02876210234

Copyright © 1997-2014. Tutti i diritti riservati.