Immagine
 Marcante sull'Alpe de Fiddlebrugg... di Marco Tenuti
 
"
Pan e nose, magnar da spòse
nose e pan, magnar da can.

Proverbio veronese
"
 



Miei sponsor
Gli sponsor che pago io

Social Network



Se vuoi contattarmi via e-mail:

t e n u t i @ l i b e r o . i t
Wikio - Top dei blog
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di Marco Tenuti (del 12/11/2011 @ 11:54:05, in MTB, linkato 1119 volte)

Era una voce che girava per i corridoi della MTB veronese già da qualche settimana, ma adesso è praticamente certo: la 4a edizione della Granfondo del Pandoro si terrà a Garda e sarà organizzata da parte dello staff di Velo Club Garda.

Nei prossimi giorni verremo a conoscere il programma di massima dell'evento, che mantiene sostanzialmente inalterato il proprio intento, cioè quello che trovarci tra un gruppo di amici, sempre più grande ad onor del vero, per pedalare in compagnia e farci gli auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

Nel frattempo cominciate pure col passaparola, perché anche quest'anno bisogna superare il record di presenze dell'anno scorso.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 11/11/2011 @ 00:23:04, in MTB, linkato 1189 volte)

Ora che la stagione agonistica può dirsi conclusa, lo staff di MTB Magazine di Compagnia Editoriale può trarre le somme e stabilire, secondo il sofisticato regolamento del Prestigio MTB, modificato a partire dal 2010 col sistema delle stelle, quali siano le gare di diritto per la prossima edizione.

Ecco pertanto un elenco provvisorio:

  • GF Monteriggioni (***)
  • GF Tre Valli (*)
  • GF Città di Garda-Paola Pezzo (**)
  • MX Lago di Bracciano (****)
  • Serra Bike (*)
  • Divinus Bike (**)
  • Valleogra MTB Race (****)
  • La Via del Sale (***)
  • Dolomiti Superbike (****)
  • Lessinia Bike (**)
  • Tour dell'Assietta (***)
  • La Vecia Ferovia (*)
  • Marathon Bike Brianza (***)
  • Valdifassa Bike (****)
  • Gimondi Bike (*)
  • Sinalunga Bike (***)

Mancano pertanto anche 4-5 gare, che verranno scelte a discrezione della testata giornalistica, fermo restando l'opportuna conferma di tutti gli organizzatori che hanno già diritto ad essere nel calendario di questo circuito nazionale.

Le classifiche delle gare del 2011 ai fini del regolamento Prestigio MTB 2011

Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 11/11/2011 @ 00:00:35, in famiglia, linkato 1381 volte)

Effettivamente la vasca da bagno bella calda o l'idromassaggio sono tutt'altra cosa rispetto ad una veloce doccia.

Ci sono dei momenti nella giornata in cui bisogna prendersi qualche libertà e rilassarsi come sta facendo il Tommasino... mancherebbe solo l'aperitivo a bordo vasca, una bella gnocchetta in bikini ed un sigaro, ma forse quest'ultimo non è più politicamente corretto. Concordate?

Tommaso rilassato nella vaschetta del bagno

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 09/11/2011 @ 22:52:53, in auto, linkato 8289 volte)

Stasera avevo bisogno di azzerare l'indicazione di service su una Volkswagen Golf MK4, una TDI del 2000.

Dovrebbe essere indicato anche sul manuale d'uso della macchina, ma la riporto qui, nel caso in cui servisse ancora sia a me stesso che a voi lettori.

Mentre si tiene premuto il pomello delllo azzeramento del contakm parziale, girare la chiave del quadro come per accendere, ma senza mettere in moto, poi senza lasciare mai il pomello dello contakm ed infine ruotare verso destra il pomello dell'orologio.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 08/11/2011 @ 19:05:53, in MTB, linkato 1861 volte)

Ultimamente tra i vari banner tagliati su misura per il mio profilo, vedo sempre più spesso quelli che pubblicizzano le agenzie di Forex.

Promettono tutto quello che chiunque di noi vorrebbe: tanti soldi e poca fatica. Che bello. Come ad esempio quello che mi è appena comparso e che mi ha indotto a scrivere queste quattro righe: "Col Forex ho guadagnato 3500 Euro in mese".

Cos'è il Forex, vi chiederete. Il Forex è un mercato dove non ci si scambia azioni, ma si scambiano sempre valori economici. Ci si scambia fondamentalmente valuta economica di questo o quello stato. Voi comprate per esempio dei dollari canadesi da un altro che li vende e viceversa.

Continuate a comprare e vendere: fate il vostro guadagno semplicemente sulla speculazione che siete in grado di fare sulle valute nazionali. Se siete bravi, comprate valuta nazionale conveniente e la vendete quando questa cresce di prezzo, in modo da farci un guadagno. Più o meno stessa cosa della borsa.

Solo che per guadagnare veramente le operazioni mediamente positive devono per forza surclassare quelle negative, cioè quelle in cui avete sbagliato la vostra previsione.

Su questo mercato, come ci siete voi, ci sono anche gli altri che fanno anche loro speculazione, cioè stanno provando a guadagnare anche loro. Tutti provano a guadagnare: non c'è nessuno che è lì sul mercato del forex per rimetterci per il gusto di farlo. E poi oltre a voi e agli altri, ci sono anche le società di scambio per il Forex "asterisco".

State pertanto giocando tutti allo stesso gioco e tutti volete vincere al gioco: inevitabile che qualcuno perda, come in un qualsiasi gioco. Solo che qui, a differenza della borsa, non è che l'ammontare totale di una società, cioè la sua capitalizzazione in borsa, che può oscillare sulla fiducia totale riposta dagli investitori in quell'impresa.

Qui il totale del valore finanziario della valute presenti sul mercato è in teoria destinato a rimanere invariato, a meno di interventi più o meno importanti delle banche centrali, quindi qua siamo al gioco del "pesce grosso mangia pesce piccolo".

Per bravi che siate voi, sappiate che c'è sempre qualcuno più bravo di voi o più informato di voi, che sa fare le vostre speculazioni magari prima di voi, quindi le vostre speculazioni non sono così azzeccate.

In più le vostre speculazioni ed i vostri movimenti sono monitorati e gestiti dalle aziende di interscambio Forex. Loro operano su vostra indicazione, ma sfruttano sempre la possibilità di introdurre un piccolissimo ritardo tra le vostre disposioni e e le loro effettive esecuzioni sul mercato. Quel tanto che basta, per loro, per avere un vantaggio e suggerire a qualcun altro la vostra mossa, prima che essa venga eseguita. E' dura fargli le scarpe a questi qua.

E quand'anche questi qua della gestione del Forex non intraprendessero opportune manovre sulle vostre speculazioni, loro ci guadagnano già su ogni transazione di acquisto o di vendita, quindi loro si ingrassano semplicemente a maneggiare i vostri soldi. Direi che non c'è altro da dire, però magari io sto blaterando perché non ci sono mai entrato. Ho in mente di documentarmi meglio, ma non penso di sbagliarci molto. Anche il Forex è un gioco finanziario, non è economia reale, lavoro, sudore.

Se siete curiosi, nel dubbio leggetevi un po' qualcosa proprio da una delle società di Forex, come AvaFx:

Ecco cosa recitano nell'incipit:

PER VIA DELLA NATURA VARIABILE DEI MERCATI DI VALUTA ESTERA AL DI FUORI DELLA BORSA, L'ACQUISTO E LA VENDITA DELLA VALUTA ESTERA AL DI FUORI DELLA BORSA COMPORTA UN ALTO LIVELLO DI RISCHIO. IL COMMERCIO DI VALUTA ESTERA AL DI FUORI DELLA BORSA NON È ADATTO A MOLTE PERSONE DEL PUBBLICO. TALE COMMERCIO VA INTRAPRESO SOLO DA PERSONE CHE ABBIANO PRESO ATTENTAMENTE IN CONSIDERAZIONE I RISCHI CONNESSI CON IL COMMERCIO DI VALUTA ESTERA AL DI FUORI DELLA BORSA. UNA PERSONA NON DOVREBBE ACQUISTARE VALUTA ESTERA AL DI FUORI DELLA BORSA A MENO CHE NON SIA PRONTA A SUBIRE UNA PERDITA TOTALE DEL PREZZO D'ACQUISTO. TUTTI GLI INVESTITORI DEBBONO LEGGERE E CAPIRE LA RIVELAZIONE DI RISCHI CONNESSI CON IL COMMERCIO DI VALUTA ESTERA AL DI FUORI DELLA BORSA CHE VIENE FORNITA A TUTTI GLI INVESTITORI IN CONNESSIONE CON UN APERTURA DI CONTO COMMERCIALE PRESSO LA AVAFX.

Se volete guadagnare 3500 Euro al mese, meglio lasciar perdere il Forex. Rimboccatevi le maniche e lamentatevi magari di chi approfitta di voi o vi sfrutta.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 08/11/2011 @ 08:46:52, in MTB, linkato 835 volte)

Raduno Garda Prestigiosi MTB 2011Per la mia prima volta ieri ho preso parte al Raduno dei Prestigiosi, comunità virtuale costituita da uno zoccolo duro da qualche anno e che però ha modo di incontrarsi a tantissime gare del calendario del Prestigio MTB nel corso dell'anno, ma mai in un'occasione rilassata, dove non ci si mette il numero davanti.

Purtroppo sono state le condizioni meteo a tenerne lontano parecchi, ma comunqe i più affezionati e gli irriducibili si sono presentati domenica 6 novembre a Garda al ritrovo delle 9.30. Anch'io, arrivato lievemente in ritardo, faccio in tempo a tirare giù la bici insieme agli Sbubbikers e poi assieme ci avviamo verso la partenza, prevista per le 10 giù nella piazzetta in centro a Garda.

Succede che io e gli Sbubbi ci perdiamo mentre ci infiliamo la mantellina e ad arriviamo in pochi al quad che ci aspetta, però partiamo subito e veniamo accompagnati a tagliare il primo chilometro del percorso previsto dal Velo Club Garda rientrando sul gruppo all'attacco della Valle dei Mulini, proprio quando uno scroscio di qualche minuto tenta di farci desistere proprio sul più bello. Alcuni di loro partono assieme a me, poi cambiano idea, io invece parto a razzo su per la Valle dei Mulini e non riesco a rientrare, perché non sento alcuna voce ed alcun scricchiolio di gomme grasse più avanti a me. Così aumento ulteriormente il ritmo quasi a salire alla Deho e finalmente al primo tornante a destra intravedo un paio di quad, con tanto di fotografo, il buon Luca Bussola, che commentano la mia ascesa, alché mi dicono che sono semplicemente davanti a tutti e che il gruppone è ancora alle mie spalle.

Raduno Garda Prestigiosi MTB 2011Dal momento in cui vengo raggiunto, sarà tutto un chiaccherare fino alla fine dell'escursione, con alcuni che già conoscevo come Gatta Morta e the.mtb.biker, mentre tanti altri che non conoscevo si presentano a me, facendosi riconoscere dopo essersi presentati con la formula "ma tu devi essere ppower", ricordando il mio nickname che uso dal 2007 sul forum marrone, cioè quello di MTB Forum.

Tutto il resto del percorso è completamente sterrato: evidentemente le condizioni dettate da Gatta Morta, che aveva in qualche modo interagito coi ragazzi del Velo Club Garda, erano state quelle di ricavare un percorso esclusivamente sterrato, come pretendono i veri biker, ed effettivamente, se uno conosce bene la zona, ha solo l'imbarazzo della scelta nel tracciare un percorso suggestivo tra Bardolino, Garda e Torri del Benaco, senza arrivarsi a spingere fino a San Zeno di Montagna e senza lambire troppo asfalto.

Dopo svariati passaggi più o meno impegnativi e qualche viscida lastra di roccia, la bellezza di ammirare la vista dall'alto su Punta San Vigilio ed il trasferimento verso il centro di Garda, passando sul bagnasciuga poco fuori da Garda. Il servizio docce è assolutamente eccellente, visto che Maurilio & C. ci indirizzano al centro sportivo sopra il paese. Siamo nemmeno una dozzina ad utilizzare questa opportunità e poi tutti alla Speck Stube di Bardolino, dove comincia la festa animata dagli Sbubbikers campioni d'italia, che sono degli instancabili burloni, anzi degli "sbùron" come dicono loro, quando si tratta di mangiare, bere e fare casino.

"Alora", dovendoli introdurre, gli Sbubbi nascono con la finalità principale di vincere il Prestigio MTB a squadre, finalità che viene rinnovata di anno in anno, raccogliendo lungo il cammino nuove leve, ma è in realtà un gruppo di ciclisti amatori, che tutto ha in mente tranne che la prestazione, anzi la prestazione ce l'hanno in mente eccome. L'unica che non hanno in mente è proprio la prestazione agonistica in bici - beh, piano fare il Prestigio MTB 2011 in una dozzina di atleti non è propriamente una passeggiata, anzi è un bell'impegno! - per tutto il resto tra il delizioso accento romagnolo, un umorismo dilagante e genuino, oltreché la predilezione per la piadina e la buona tavola, in cima ai loro pensieri c'è sempre la patata in tutti gusti e varietà e alla Speck Stube hanno trovato proprio pane per i loro denti in tutti i sensi. Viva gli Sbubbikers!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 03/11/2011 @ 22:56:23, in cultura, linkato 1555 volte)

Tunnel CERN Opera da Ginevra al Gran SassoE' passato più di un mese dalla sensazione scoperta fatta da un gruppo di ricercatori italiani, che metterebbe in discussione la teoria della relatività ristretta di Einstein.

In tanti hanno subito messo in discussione il risultato a cui sono pervenuti i nostri ricercatori, che si sono avvalsi delle misurazioni del fascio di neutrini sparati dal Cern di Ginevra verso i laboratori del Gran Sasso, in provincia di L'Aquila.

Siccome la cosa mi desta una certa curiosità scientifica, negli ultimi giorni guardo qua e là se c'è qualche aggiornamento sulla vicenda, visto che i nostri ricercatori invitavano chiunque a mandare le loro osservazioni sulla bontà del metodo sperimentale per la misurazione.

E' stata cambiata la modalità con cui il fascio di neutrini viene inviato, eliminando un'emissione a forma gaussiana molto lunga e passando ad un'emissione ad intermittenza ad una frequenza molto più rapida e corta, in modo da leggere bene la sequenza di impulsi.

Tra le altre curiosità, il fascio di neutrini viaggia nel famoso "tunnel Gelmini" lungo 732 km e che nel punto centrale si trova ad una profondità di 11,4 km dal suolo italiano, cioè tra Monte Maggiorasca e Monte Prato.

Il tempo di percorrenza sembrerebbe essere di 2,43 secondi e di soli 60 nanosecondi più veloce della luce.

I risultati delle verifiche sono attesi entro la fine di novembre, anche se i riscontri della seconda serie di test paiono essere positivi, quindi Einstein traballa non poco.

Intanto vi lascio ad alcuni link al riguardo:

Buona lettura!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 01/11/2011 @ 11:00:57, in MTB, linkato 1662 volte)

Foto ai Finetti col PFC e 29erSabato sera il mio negozio di riferimento, Turnover, mi chiama attraverso la voce del Bosca e mi mettono a disposizione la test bike Sants SM29 in taglia M. Era appena stata "chiusa" su dal Bosca ed io ho avuto l'onore di farle assaggiare per primo l'asfalto e lo sterrato.

Attraverso un rocambolesco recupero della bici dopo l'orario di chiusura, eccomi domenica mattina farci un giretto su asfalto tanto per capire di che morte morire...

Mi faccio un paio di volte l'intera Valpantena interna, prima per un vai e vieni da Rossini, poi dentro il treno Turnover della domenica mattina, con cui colgo l'occasione di decantare le "proprietà organolettiche" del mezzo, manco prendessi la provvigione per ogni pezzo venduto e nemmeno con cognizione di causa, visto che mi riempio la bocca di parole e discorsi che non ho avuto ancora modo di verificare e di provare sulla mia pelle.

Quello che capisco subito è che la bici pesa un po' troppo per i miei gusti e la sensazione del baricentro più alto la si avverte immediatamente e si fa fatica ad accettare alla prima uscita. Sul rotolamento e sull'inerzia delle ruotone poco si può dire, visto che l'asfalto non è la "terra" di una mountain bike.

E' così che lunedì mattina decido di tuffarmi in mare aperto: mi presento all'appuntamento indicato dal Papataso, ossia quello delle 8.45 al Felix di San Martino Buon Albergo, per un giretto tutto su asfalto con ruote grasse, ben consapevole che avrei intuito molto poco di quello che c'è da capire da una 29er. Il menu proposto dal Papataso è tante salite su asfalto anche belle ripide, che sarebbe il caso di affrontare con una 29er con ruote strette, pressioni alte e forcella rigida, mentre io arrivo all'appuntamento con una 29er con ruote grasse e abbastanza morbide, pressioni basse e forcella bella tosta. Se poi aggiungiamo che il programma prevede almeno una buona ottantina di chilometri e che il trasferimento da Grezzana a San Martino me lo sono fatto tutto da solo all'inseguimento del Conte Savoia, davanti a me di qualche minuto, fatevi subito il segno della croce e implorate per me pietà.

Succede però che all'appuntamento il clima è disteso e non si è ai ferri corti, come in altre fasi della stagione, se non fosse che il Papataso impone subito una velocità bella impegnativa da San Giacomo fino ad Illasi: finché c'è da ciucciar ruota, io ciuccio, penso tra me.

Capisco però che il Gianluca Tommasi ed anche il Walter Bertini, campione provinciale del Safari Bike UDACE 2011, non sono dello stesso avviso del Conte Savoia e del Papataso, così per tutta la giornata saliamo con un ritmo consono anche ai più lenti, così le prime due salite, soprattutto quella di Campiano, se ne vanno senza alcun patema per me.

Solo che dentro di me rode il fatto di essere andato con una 29er e non poterla provare nei tratti che gli sono più favorevoli, ossia la discesa scorrevole ed un po' impegnativa, così come sulle salite ripide con l'aderenza al limite. Per fortuna riesco a convincere il Tommy e così ci facciamo subito un pezzo della Tre Valli 2010 al contrario, cioè tutto il vaio prima di Monte Cimo e risaliamo subito verso Capitello Sant'Anna. Nello scendere verso il vaio il comportamento assomiglia un po' ad una full suspended: sulle cunette si salta e si plana con una sensazione di morbidezza che non appartiene alla Scaletta.

Tutto confermato quello che avevo letto e avevo sentito dalla bocca degli altri: in discesa mi pare di essere in sella ad una moto, mentre in salita la ruota posteriore non accenna minimamente a slittare, dove avrei slittato ovunque con la mia Scaletta. Peccato solo per il peso che è sempre abbondante, ma vedo che il Tommy è sempre dietro di me, quindi vuol dire che proprio malaccio non sto andando, nonostante io pedali una sola volta alla settimana.

Dopo esserci ricongiunti in prossimità dell'abitato di Marcemigo, risaliamo verso San Valentino e mi scambio la bici col Tommy e provo per un po' l'ebbrezza dei 10 kg di una "ventisei"... che leggerezza, mi pare di volare!

E' però sulla discesa dei cancelli che dò gas e faccio il vuoto su tutto e su tutti: con le ruote che si ritrova questa Sants il rotolamento è da superenduro. 2400 grammi più gomma e camera mi permettono di far scorrere la bici su qualsiasi cosa e si scende verso Mezzane di Sotto a tutta. Il mezzo è tutto fuorché nervoso, il limite è ancora molto lontano, non stacco mai i piedi dai pedali. Si scende, insomma, in totale sicurezza e dietro non c'è più nessuno.

Insisto per la parte finale del giro per fare altre salite, si perché io voglio buttarmi in discesa, nella discesa veloce. Così saliamo a San Briccio e riaccendiamo verso Marcellise, facendo un pezzo di Lessinia Legend 2008 al contrario, mentre poi saliamo dall'Arcavola verso il Monte dei Santi per fare il tratto molto accidentato verso le Ferrazze.

Lungo questo tratto sperimento un'altra cosa, cioè quella di non rischiare l'impuntamento, cosa che invece è sempre in agguato con una 26. Se ne accorge eccome il Conte che se ne va via alla grande lungo la salita dandomi almeno una trentina di secondi, che recupero tutti lungo il pezzo roccioso che la SM29 e la Reba RLT assecondano in maniera quasi perfetta.

Il rientro su asfalto è fatto di nuovo a ritmi umani, ma da Marzana a Grezzana le forze si affievoliscono, anzi finiscono del tutto e dalla Piazza Ederle fino a via Pozzo conosco a momenti la crisi di zuccheri.

Che dire: provare in maniera intensa una 29er da quasi 12 kg non è il massimo per giudicare l'efficacia di una bici del genere, soprattutto se si proviene da una 26 competitiva da poco più di 9 kg, però quello che mi aspettavo da una 29er, l'ho trovato tutto nella bici imprestatami dal negozio.

Bisognerebbe solo spenderci qualche soldo in più rispetto a quelli chiesti per questa Sants SM29. Bisognerebbe, a mio parere, togliere almeno mezzo chilo di ruote ed altro mezzo chilo tra gruppo e componenti vari e poi si può cominciare a ragionarci su... per il resto il telaio è onesto, mentre la forcella è sinonimo di sicurezza.

Per il resto il dado è tratto: avevo già deciso di allestirmi una 29er nuova e competitiva ancora tanti mesi fa. Continuo diritto sulla mia strada e non avrò nulla di cui pentirmi, anzi, dopo le conferme di ieri...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 01/11/2011 @ 10:28:42, in MTB, linkato 1894 volte)

Qualcuno oltreoceano si è preso la briga, di smontare completamente o quantomeno di farlo virtualmente la Scott Scale 29RC, consegnata da pochi giorni. Chiaro che la fisima del peso della bici è per me sempre ai primi posti, vuoi perché io sono "pesante" e la questione peso la sento tutta appena comincia la salita, vuoi perché, dopo aver provato intensamente una 29er "pesante" giusto ieri, ho provato sulla mia pelle la fatica con una mountain bike dalle ruotone.

Non faccio altro che riportare il post che ho trovato nel forum di MTBR, che è sempre molto ricco di informazioni, curiosità e novità e senza dubbio più avanti dei forum e dei siti italiani, visto che negli USA le novità compaiono un po' prima per evidenti motivi storici e di innovazione.

La prima Scott Scale 29RC smontata pezzo per pezzo

Passo pertanto a tradurvi l'articolo di rgkicksbutt, che non è che una lista col nome di ogni componente ed il relativo peso in grammi:

  • freno anteriore: Avid XX World Cup con viti e adattatore da 185 mm: 198
  • freno posteriore: Avid XX World Cup con viti: 192
  • disco freno anteriore: Avid XX Centerlock 180 mm con anello Centerlock: 151
  • disco freno posteriore: Avid XX Centerlock 160 mm con anello Centerlock: 127
  • cavi cambio: ricoperti col teflon: 22
  • alloggiamento cavi: Jagwire L3: 40
  • pacco pignoni: SRAM XG-1099, 12-36t: 210
  • catena: SRAM PC-1071: 244
  • guarnitura: SRAM XX: 746
    • pedivelle da 175 mm: 544
    • corona grande: 39t: 68
    • corona piccola: 26t: 24
    • movimento centrale: SRAM PF BB92: 94
    • viti: alluminio: 16
  • deragliatore anteriore: SRAM XX, supporto da 34.9mm: 118
  • cambio posteriore: SRAM XX, gabbia lunga: 188
  • forcella: DT Swiss XMM 29er 100 mm: 1638
  • telaio: Scott Scale 29 Carbon, taglia XL: 1026
  • manopole: Scott Lock-On: 120
  • manubrio: Ritchey WCS Carbon, 680mm: 180
  • serie sterzo:
    • tappo: Scott Top Cap: 10
    • distanziatori: 10
    • cuscinetti: 88
  • pedali: Time ATAC: 324
  • sganci rapidi: DT Swiss RWS: 120
  • sella: Ritchey WCS Streem: 206
  • attacco reggisella: Scott Bolt: 16
  • reggisella: Ritchey WCS Carbon: 218
  • comandi cambio: SRAM XX: 164
  • pipa: Ritchey WCS 4-Axis: 108
  • pneumatico anteriore: Schwalbe Rocket Ron EVO 2.25”: 562
  • pneumatico posteriore: Schwalbe Rocket Ron EVO 2.25”: 514
  • camere d'aria: standard: 306
  • nastri cerchio: standard: 66
  • set ruote: DT Swiss: 1850
    • ruota anteriore: DT Swiss: 864
      • cerchio: DT Swiss
      • mozzo: DT Swiss
      • raggi: DT Swiss Supercomp, neri, tiraggio dritto
      • nippli: alluminio
    • ruota posteriore: DT Swiss: 986
      • cerchio: DT Swiss
      • mozzo: DT Swiss
      • raggi: DT Swiss Supercomp, neri, tiraggio dritto
      • nippli: alluminio
  • supporti comandi+freni e viteria: 48
  • protezione carro da catena: 28

TOTALE: 9818 grammi

Ci si può lavorare dietro alla grande e 9818 grammi per una bici in taglia XL è semplicemente ragguardevole.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 30/10/2011 @ 12:09:37, in MTB, linkato 1702 volte)

Stamattina, complice il cambio dell'ora, mi sono concesso un piccolo giretto con la demo bike Sants, la SM29, proveniente dal negozio Turnover.

Ne è uscito un "vai e vieni" iniziale da Rossini a Quinto per scorta brioches e krapfen con la crema per Elisa e family e poi altro giro nel trenino Turnover fino a Ponte Catena in cui ho assaggiato solo asfalto.

Troppo poco per poter dire alcunché su queste ruotone di casa Sants... Per carità bici nuovissima, solo che prendo troppa aria: io vorrei avere una pipa con inclinazione decisamente negativa, cioè un 20 gradi tipo Schurter o stile Papataso con postura by Alfiero!

Pertanto non posso che rimettermi per ogni opinione a domani, se esco con gli amici di sempre, anche se gradirei fare qualche discesa degna di nota dove poter capire bene i vantaggi di un 29er con Reba...

Per il resto passare da una bici di 9 kg ad una che sfiora i 12 kg, non è un bell'effetto: insomma non son piu' abituato coi cancelli!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 


Ci sono  persone collegate

Tagcloud

Gare 2017
GARE 2017?
26/03: GF Tre Valli
30/04: GF del Durello
21/05: Passo Buole Extreme
28/05: Soave Bike
25/06: Lessinia Legend
Gare 2016
GARE 2016
26/06: 6H Valpolicella Fatta
27/08: GF d'Autunno Fatta
08/11: XCRunning Grezzana Fatta
Tickerkm
KM STORICI

Km fatti

Palmares
BREVETTI E CIRCUITI

2014: Salzkammergut Survivor
2012: Prestigio MTB
2011: Prestigio MTB
2010: Prestigio MTB, Fizik Veneto
2008: Garda Challenge

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
famiglia (4)
fotografia (1)
gastronomia (1)
MTB (14)
rally (2)
viaggi (12)

Le fotografie pi cliccate

Titolo
Quale circuito suggerisci al Marcante per il 2013?

 Lessinia Tour
 Prestigio MTB
 Nobili MTB
 Challenge Giordana
 Gare all'estero
 Stare a casa

Titolo

View Marco Tenuti's profile on LinkedIn

Listening
Kid Rock - Rock n Roll Jesus

Ghosts - The world is outside

Hellogoodbye - Zombies! Aliens! Vampires! Dinosaurs!

Reading
Fabio Volo - E' una vita che ti aspetto
Michael Guillen - Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo
Sophie Kinsella - I love shopping a New York

Watching
Mia moglie consiglia Le sorelle McLeod



Titolo
.NET Framework (4)
Abarth (13)
Alcenago (4)
auto (16)
consumatore (57)
cucina (18)
cultura (15)
dizionario (2)
famiglia (40)
finanza (4)
Grezzana (6)
hitech (17)
humour (8)
idee (1)
informatica (66)
iPhone (46)
mobile computing (10)
MTB (1198)
musica (4)
natura (23)
OS X (3)
PS3 (7)
rally (63)
salute (4)
social (4)
telefonia (3)
Verona (12)
viaggi (26)
video (7)
Visual Basic 6 (5)
web (49)
Windows (31)

Catalogati per mese:
Novembre 2019
Ottobre 2019
Settembre 2019
Agosto 2019
Luglio 2019
Giugno 2019
Maggio 2019
Aprile 2019
Marzo 2019
Febbraio 2019
Gennaio 2019
Dicembre 2018
Novembre 2018
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
california fun place...
20/08/2019 @ 03:24:40
Di Lonna
https://www.curcuma....
13/08/2019 @ 00:53:47
Di Vernon
Milan
12/08/2019 @ 05:37:18
Di Enriqueta
syracuse fun center
08/08/2019 @ 18:02:07
Di Estelle
fun jobs near me
08/08/2019 @ 10:41:49
Di Dann
https://www.yourluxu...
08/08/2019 @ 08:43:27
Di Chang
Teri
06/08/2019 @ 15:05:29
Di Hyman
https://hoteladvisor...
06/08/2019 @ 15:03:20
Di Jeannette


13/11/2019 @ 23:56:24
script eseguito in 249 ms