Immagine
 Dopo Prato Piazza è la volta di buttarsi verso Carbonin (Dolomiti Superbike 2012)... di Marco Tenuti
 
"
Un chilo de manco,
un minuto de manco.

(detto dal Marcante commentando così i miglioramenti ottenuti nella cronoscalata della Peri-Fosse)

Marco Tenuti
"
 



Miei sponsor
Gli sponsor che pago io

Social Network



Se vuoi contattarmi via e-mail:

t e n u t i @ l i b e r o . i t
Wikio - Top dei blog
\\ Home Page : Articolo
Cronaca (a freddo) dell'X-Bionic Challenge 2011
Di Marco Tenuti (del 11/03/2011 @ 10:03:13, in MTB, linkato 5167 volte)

Marcante all'Xbionic Challenge 2011L'X-bionic Challenge 2011, la scorsa domenica, è passata per il sottoscritto decisamente in sordina. E' chiaro che presentarsi ad una gara, con l'unica motivazione di portarla a termine, senza poter andare a fare come fa chiunque altro, non è proprio il massimo delle aspettative per una gara. Ma ultimamente la ruota gira così per il sottoscritto, c'è da farsene una ragione, per cui se ogni tanto si presenta qualche guaio muscolare, non c'è che da gestirlo e cercare di fare il possibile, cioè anche arrivare in fondo se serve. Qualcuno tra i lettori penserà se c'è tutto 'sto bisogno di scannarsi e di prendere parte ad una gara. Effettivamente il dubbio è lecito, solo che da qualche anno a questa parte, io mi sento parte di questo mondo, quelle delle gare amatoriali in MTB, che ci volete fare...

L'anno scorso, al 3-2-1-via, ho avuto la possibilità di viaggiare a ruota del trenino tirato dal Miglio. Usciti dallo sparo della partenza della seconda griglia, dopo qualche chilometro eravamo là, io ed anche il Radu, tra i primi a sentire il vento tra i capelli a quasi cinquanta all'ora e a cercare di stare il più possibile coperti, per cercare di recuperare quante più posizioni possibili rispetto a quelli partiti in prima griglia. Poi successe la rovinosa caduta ed addio chance di vittoria, ma ricordo che tornai a casa da Asola all'edizione passata dell'X-Bionic Challenge tutto pieno di adrenalina, per quanto successo.

Quest'anno avevo perfino la possibilità di partire in prima griglia, grazie alla priorità del Prestigio 2010. Potevo partire con gli scalmanati del River Marathon Cup, cioè potevo entrare in griglia a ridosso dei primi cento, ma me ne son ben guardato dall'entrare in griglia così presto, cosa che invece ha fatto saggiamente il Maga, conoscendo bene i rallentamenti che possono formarsi già al primo imbuto della gara.

E' così che al via mi son fatto sfilare praticamente da tutti e mi son ritrovato con più di mille persone sfrecciare alla mia sinistra. Non nascondo anche una certa paura nel lasciar sfilare gli altri: procedere sul ciglio della strada ai 25 km/h è comunque pericoloso, perché gli altri superano a ben oltre i 35 km/h, se non anche i 40 km/h, e non prestano la minima attenzione, tanto che uno mi ha perfino toccato la ruota davanti nel suo ziggagare qua e là.

Dopo il lancio di quattro chilometri temevo che sarei rimasto praticamente ultimo. In realtà non mi sono mai girato indietro a guardare quanta gente c'era ancora dietro, ma guardavo sempre davanti verso l'interminabile colonna che già si stagliava sull'orizzonte padano ed in cui sentivo che il mio posto era là. Vedevo che avanti c'era il fango ad aspettare tutti, per cui non mi sono rassegnato e dove si poteva far scorrere la bici, lasciavo scorrere la bici e dove c'era da pedalare, cercavo di pedalare come potevo.

La Scaletta alla fine del servizioSolo che le avversità di giornata in una gara del genere, dovevano ancora venire: i pezzi fangosi in cui non si fa strada ed i pezzi erbosi che si alternano ai pezzi veloci nell'erba, erano là ad aspettare tutti, per cui non mi son perso d'animo ed ho impostato il ciclocomputer a mostrare fisso il chilometraggio. L'unico obiettivo era proprio quello: vedere quanto ho già fatto e quanto manca alla fine.

Dopo la prima abbondante mezz'ora se n'erano andati più di 10 chilometri, la media oscillava tra i 17 e i 19 km/h e mi capitava di assistere al volo plastico di una concorrente, che lasciava la sua nuova Scale Contessa impiantata nel fango e lei cadere nel fosso. Non mi dimenticavo pure di intrattenere qualche discorsetto coi compagni di sventura, cercando sempre di non commiserarmi troppo, vista la situazione. Dietro c'è davvero di tutto: gente che fa fatica, gente non allenata, gente vestita nelle maniere più improbabili, gente preoccupata, gente con la pancia, gente che si dispera in mezzo al poco di fango e che già medita di ritirarsi o che ipotizza di tagliare sul percorso corto. In tutti però una grande passione per la mountain bike, che oggi non era proprio mountain, ma molto mantuen, e soprattutto nessuna foga.

Così il contachilometri indica 15 km, 20 km, 25 km, 30 km e poco dopo nuovo passaggio ad Asola. E poi si continua verso il trentacinquesimo chilometro, poi il ristoro dove mi fermo a ricaricare di cocacola e non disdegno un pangocciolo del Mulino Bianco. E poi via di nuovo sullo sterrato battuto ai 30 km/h. Come ai 30 km/h? Si, perché quando non stavo attento, mi ritrovavo ad una velocità ben oltre quella consentita dal buon senso. Io l'avrei voluta fare tutta come l'anno scorso!

Verso la fine pure qualcuno che fa il furbo cercando di rimanere sull'argine, anziché scendere lungo il percorso obbligato in basso sull'erba collosa. Ed intanto recupero posizioni su posizioni, perché la stanchezza si fa sentire nelle retrovie: ogni tanto capita di vederne uno fermo a lato preso dai crampi. Anche per il sottoscritto un principio di crampetto proprio al soleo destro, quello sotto osservazione nelle ultime settimane, mi limito però a stendere la gamba tra un giro di pedali ed il successivo e la cosa pare contenersi.

Gli ultimi rettilinei però paiono interminabili: il contachilometri dice ormai 55 km, mentre il campanile di Asola è sempre lì che ti guarda. Ad un certo punto intuisco l'ultimo single track nel Pongo marron ed il successivo lembo di asfalto: mancano 200 metri all'arrivo! Perfino l'orgoglio di spingere il 42/11 e di arrivare al traguardo ai 33 km/h, velocità massima della giornata!

Il tempo dice 3 ore e 10 minuti: chissà quanto ci avranno messo i compagni di giornata, cioè il Radu e Pasetto, oltre al Maga. Penso che ci avranno messo quasi un'ora in meno! Così salto direttamente il ristoro finale e cerco di recuperare sulla tabella di marcia, cercando di fare in fretta il carico bici, stretching, doccia e pasta party.

Il Radu vede la mia faccia sconsolata e mi chiede: "Come mai sta faccia triste"? Rispondo più o meno: "Uno non sa mai accontentarsi, vorrebbe sempre dare il massimo ed oggi non he ho avuto la possibilità". In verità bisogna accontentarsi anche in queste situazioni: oggi ho solo corso per portare a casa la prima stellina del Prestigio 2011 e la stellina l'ho portata a casa. La strada del brevetto è lunghissima e la prossima tappa è nientemeno che a Monreale, ma il Prestigio 2011, se mai lo porterò a termine, cominciava proprio ad Asola!

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
 
Nessun commento trovato.

Anti-Spam: digita i numeri CAPTCHA
Testo (max 1000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.


Ci sono  persone collegate

Tagcloud

Gare 2017
GARE 2017?
26/03: GF Tre Valli
30/04: GF del Durello
21/05: Passo Buole Extreme
28/05: Soave Bike
25/06: Lessinia Legend
Gare 2016
GARE 2016
26/06: 6H Valpolicella Fatta
27/08: GF d'Autunno Fatta
08/11: XCRunning Grezzana Fatta
Tickerkm
KM STORICI

Km fatti

Palmares
BREVETTI E CIRCUITI

2014: Salzkammergut Survivor
2012: Prestigio MTB
2011: Prestigio MTB
2010: Prestigio MTB, Fizik Veneto
2008: Garda Challenge

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
famiglia (4)
fotografia (1)
gastronomia (1)
MTB (14)
rally (2)
viaggi (12)

Le fotografie pił cliccate

Titolo
Quale circuito suggerisci al Marcante per il 2013?

 Lessinia Tour
 Prestigio MTB
 Nobili MTB
 Challenge Giordana
 Gare all'estero
 Stare a casa

Titolo

View Marco Tenuti's profile on LinkedIn

Listening
Kid Rock - Rock n Roll Jesus

Ghosts - The world is outside

Hellogoodbye - Zombies! Aliens! Vampires! Dinosaurs!

Reading
Fabio Volo - E' una vita che ti aspetto
Michael Guillen - Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo
Sophie Kinsella - I love shopping a New York

Watching
Mia moglie consiglia Le sorelle McLeod



Titolo
.NET Framework (4)
Abarth (13)
Alcenago (4)
auto (16)
consumatore (57)
cucina (18)
cultura (15)
dizionario (2)
famiglia (40)
finanza (4)
Grezzana (6)
hitech (17)
humour (8)
idee (1)
informatica (66)
iPhone (46)
mobile computing (10)
MTB (1198)
musica (4)
natura (23)
OS X (3)
PS3 (7)
rally (63)
salute (4)
social (4)
telefonia (3)
Verona (12)
viaggi (26)
video (7)
Visual Basic 6 (5)
web (49)
Windows (31)

Catalogati per mese:
Ottobre 2019
Settembre 2019
Agosto 2019
Luglio 2019
Giugno 2019
Maggio 2019
Aprile 2019
Marzo 2019
Febbraio 2019
Gennaio 2019
Dicembre 2018
Novembre 2018
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
california fun place...
20/08/2019 @ 03:24:40
Di Lonna
https://www.curcuma....
13/08/2019 @ 00:53:47
Di Vernon
Milan
12/08/2019 @ 05:37:18
Di Enriqueta
syracuse fun center
08/08/2019 @ 18:02:07
Di Estelle
fun jobs near me
08/08/2019 @ 10:41:49
Di Dann
https://www.yourluxu...
08/08/2019 @ 08:43:27
Di Chang
Teri
06/08/2019 @ 15:05:29
Di Hyman
https://hoteladvisor...
06/08/2019 @ 15:03:20
Di Jeannette


19/10/2019 @ 02:53:38
script eseguito in 93 ms