Immagine
 Davide si cimenta provetto fotografo in Kenia... di Marco Tenuti
 
"
Una notturna alla settimana caccia il criceto dalla sua tana.

Marcante
"
 



Miei sponsor
Gli sponsor che pago io

Social Network



Se vuoi contattarmi via e-mail:

t e n u t i @ l i b e r o . i t
Wikio - Top dei blog
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Marco Tenuti (del 28/11/2011 @ 14:12:53, in consumatore, linkato 4134 volte)

A parte le questioni di natura ambientale, che sono assolutamente di primaria importanza rispetto a tutto il resto, io ho sempre personalmente osteggiato l'uso dell'acqua imbottigliata, perché è semplicemente antieconomico per le mie tasche e per le tasche di tutti noi consumatori.

Infatti non ho mai consumato in maniera sistematica l'acqua in bottiglia, ma quasi sempre quella del rubinetto. Il problema è che l'acqua che esce dal rubinetto, almeno qui a Grezzana, ci dicono essere non inquinata e di essere costantemente analizzata e controllata, però rimane il fatto che è piena di calcare, sabbia e terra e l'azienda municipalizzata fa poco o nulla per ridurre questo aspetto, che andrebbe invece considerato, tanto quanto quello della composizione chimica. E pensare che una volta a Grezzana e frazioni si pompava dentro l'acquedotto comunale acqua proveniente da sorgive locali, invece da più di un decennio ci fanno bere l'acqua della pianura, pompandola su da Verona. Davvero una cosa che ha alcun senso logico.

Tornando però all'aspetto puramente consumistico, ci hanno sostanzialmente inculcato attraverso le più rodate strategie del marketing che l'acqua in bottiglia è meglio di quella del rubinetto, spaventandoci, seducendoci e inducendoci a pensare sbagliato.

Vi lascio al video.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 27/11/2011 @ 09:23:24, in MTB, linkato 7154 volte)

Premetto che non ho deliberato ancora nulla circa la mia partecipazione, ma non nascondo di essere fortemente tentato anche per il 2012. Quali i motivi? Semplice. Adesso bisogna portare a casa un numero minimo di 24 stelle, anziché le 21 necessarie per le edizioni 2010 e 2011, quindi la sfida è più impegnativa. Secondibus il fatto che ci sia a pochi chilometri da casa mia sia la Divinus Bike in versione Marathon che la Valleogra significa che 8 stelle, cioè 1/3 del minimo necessario ce le ho a neanche un'ora da casa, a riprova che la provincia di Verona, oltre ad avere 4 gare nel circuito, è di fatto l'ombelico del Prestigio MTB.

Pertanto non mi dilungo e vado subito con le gare in programma, cosa che trovate anche nell'edizione di dicembre 2011 di MTB Magazine.

(alcune date sono provvisorie o indicate in base alla programmazione nel 2011)

La mia intenzione circa il Prestigio MTB 2012 è sempre quella: correre tante gare, famiglia permettendo, magari anche impegnative come alcune marathon e possibilmente provare gare nuove, rispetto a quelle che già conosco e che ho già pedalato.

Chi vuole farmi compagnia nel 2012 in questa nuova avventura?

Tabella Prestigio MTB 2012

Articolo (p)Link Commenti Commenti (10)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 26/11/2011 @ 23:44:22, in informatica, linkato 5371 volte)

iCloud principalmente un servizio di sincronizzazione, ma non soloHo trovato un interessante articolo di Joe Wilcox al riguardo dell'ultimo servizio lanciato da Apple, iCloud. L'articolo originale lo trovate a questo URL. Io mi limito a tradurlo e a riassumerlo per la vostra curiosità.

Vale sempre il proverbio "meglio tardi che mai". Anche questa volta Apple probabilmente è arrivata in ritardo. E' successo in passato per Apple, è successo questa volta e aspettatevi che succeda ancora in futuro dalla casa di Cupertino.

Apple è arrivata in ritardo con la musica, quando nel gennaio del 2001 ha lanciato iTunes. La rivoluzione di Napster si era spinta parecchio in avanti e grazie a questo i produttori di macchine Windows erano riusciti a vendere un sacco di masterizzatori CD. Guardate invece adesso alla Apple e alla musica. Stessa cosa nella fonia, Apple è arrivata in ritardo con gli smartphone e i tablet. Adesso che ha già rilasciato più di 200 milioni di dispositivi con iOS, di cui 25 milioni di iPad in soli 14 mesi. La lista potrebbe andare avanti, ma avete capito il concetto.

Ora Apple arriva in ritardo anche col cloud e voilà, che tempismo! Il servizio di Apple, iCloud, è fondamentalmente diverso dai servizi di cloud computing che si sono visti sino ad ora. E' vero che i Mac fanatici potrebbero obiettare che Apple non è arrivata affatto in ritardo, perché prima c'era già MobileMe. Solo che quest'ultimo era un servizio assolutamente incompleto, se confrontato con l'offerta di Google. Apple però si rimboccata le maniche, ha preso e sorpassato Google in un colpo, cambiando sostanzialmente la modalità con cui i servizi della nuvola vengono erogati. Pertanto vediamo subito in 5 punti quali sono le cose da sapere sulla "nuvola" di Apple.

1. iCloud è più push che pull. Detto così in italiano non si capisce un granché. La maggioranza dei servizi cloud posta verso il server i contenuti, più che scaricarli o distribuirli in giro. Questo è quello che fa Google. Gli utenti memorizzano i messaggi e-mail nella nuvola o ci caricano su la musica allo scopo di ascoltarla nuovamente in streaming sui vari dispositivi. Stessa cosa per le foto. I documenti Google Apps sono creati addirittura sulla nuvola e rimangono lì; è sempre l'utente che si prende la briga di scaricarli se li va ad esportare.

La differenza è molto semplice: la maggioranza dei servizi di cloud computing richiede processi manuali per caricare o scaricare i contenuti. iCloud invece fa il grosso del lavoro automaticamente ed è concepito più per scaricare i contenuti verso i dispositivi più che conservarli sulla nuvola.

2. iCloud è principalmente un servizio di sincronizzazione. Per tanti utenti abituati coi servizi come Dropbox o anche Windows Live SkyDrive, iCloud sembrerà né più né meno che un servizio di storage online. Non è così, anche se tale prestazione è comunque disponibile. La memorizzazione c'è per facilitare la sincronizzazione tra i dispositivi - computer Mac, PC Windows, smartphone, player MP3 e tablet vari. Altri servizi si sincronizzano primariamente con la nuvola, mentre il servizio di Apple usa la nuvola per sincronizzare il contenuto tra i dispositivi.

Nel 2006 qualcuno aveva cominciato ad decantare l'importanza della sincronizzazione ed il fatto di essere una killer app. Ed infatti Apple ha intrapreso un miglior approccio verso la sincronizzazione, concentrandosi sul beneficio fondamentale per gli utenti: la semplicità. Non è pertanto sorprendente che Apple abbia un approccio di sincronizzazione tra tutti i dispositivi. Dopo tutto la società genera il grosso del suo fatturato dalla vendita dell'hardware e non offrendo servizi cloud.

Icloud può sincronizzare calendari, contatti, documenti, e-mail, foto e anche musica, oltre ad altre categorie di contenuti.

3. iCloud rimpiazza iTunes come principale centro della sincronizzazione Apple. Questa è probabilmente la funzione più significativa da un punto di vista strategico. La sincronizzazione è stata la killer feature di iTunes sin dal rilascio del primo iPod nell'ottobre 2001. Col passare degli anni iTunes è diventato in principale connettore per la sincronizzazione per Apple, solo che era nel posto sbagliato, soprattutto per le grosse aziende che hanno bisogno di amministrare iPad e iPhone. Il player musicale di Apple è stato uno strumento di sincronizzazione antiquato per troppo tempo, soprattutto quando Google si è messa ad offrire un eccellente sincronizzazione coi dispositivi Android.

iCloud rimpiazza iTunes e ne estende ulteriormente le sue capacità, come ad esempio sincronizzare più tipologie di contenuti. Anche le applicazioni e la muscia sono sincronizzate dal cloud, mentre non c'è affatto bisogno di usare iTunes.

4. iCloud non è un servizio di streaming di musica. Questa era una delle indiscrezioni che erano circolate sul conto di iCloud prima che uscisse: iCloud, un servizio di streaming musicale. Ma non lo è.

Le speculazioni parlavano di un servizio come Amazon o come Google, cioè un qualcosa che di fatto esisteva già e che la gente già utilizzava. Amazon ha lanciato il suo Cloud Player e i Cloud Drive Services a marzo 2011. Google Music è invece ancora in beta. Quello invece che ha fatto Apple è decisamente meglio. Sempre mantenendo il download automatico come principio principale, iCloud distribuisce il contenuto all'utente proprio attraverso lo scaricamento e la sincronizzazione tra i dispositivi. I due servizi di Amazon e di Goole invece consente agli utenti di caricare le loro librerie. Da parte di Apple invece la sua tecnologia push è una gran cosa. Apple sa già benissimo qual è la musica che hai comprato da iTunes.

5. MobileMe adesso è gratis. Apple chiedeva 99 dollari all'anno per quel servizio e anche di più per il servizio per cinque membri familiari attraverso il Family Pack. Con iCloud MobileMe diventa gratis e ci sono ben 5 GB di spazio disponibile. Ma Apple non considera le applicazioni comprate, gli ebook, la musica e le foto nel calcolo delle dimensioni dello storace. Perché? Come è stato scritto prima, iCloud non è un servizio di memorizzazione, ma solo sincronizzazione.

La parte di MobileMe è oltretutto senza pubblicità, che è assolutamente inusuale per i servizi cloud in questo periodo.

Per tutti quanto lo spazio del cloud sarà oltre i 5 GB, dietro un compenso di 25 dollari annuali. Per la musica che la gente non ha comprato da Apple, il servizio scansiona i brani e li riconosce usando il catalogo di 18 milioni di canzoni. Queste canzoni vengono aggiunte alla libreria e messe a disposizione per la sincronizzazione o il download in formato AAC a 256 kbps. Ancora una volta è tecnologia push. Gli utenti non devono buttare sulla nuvola niente.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 23/11/2011 @ 22:38:21, in auto, linkato 355 volte)

La quinta stella non viene rilasciata alla vettura torinese nella versione che si accinge a sostituire l'attuale serie in produzione dal 2004, per il fatto che l'ESP, cioè il controllo elettronico di stabilità (Electronic Stability Program) non è di serie, accessorio che diventerà obbligatorio a partire dall'anno prossimo in tutta la comunità europea, per tutte le vetture in produzione.

Per carità, se io ce lo avessi l'ESP, lo disabiliterei. Intanto mi godo ancora la vecchia Puntopower che non ce l'ha... viva il traverso, il sottosterzo ed il sovrasterzo!

Sorgente del video è Italiaspeed, seguita sempre dal mio amico Edd Ellison.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 23/11/2011 @ 12:44:48, in MTB, linkato 1498 volte)

Trovato su Facebook nella pagina di MTBR.com.

E' una foto scattata ai Campionati mondiali di Ciclocross Singlespeed (SSCXWC), che si sono corsi la settimana scorsa al Golden Gate Park di San Francisco, California.

C'è che viaggia spensierato, c'è chi gareggia e c'è chi prende troppa aria dal manubrio.

Si ringrazia "anomaly" del forum di MTBR.com per la bellissima foto.

Campionati del mondo di Ciclocross Singlespeed

(Non mi torna cosa ci faccia uno con la bici da ciclocross coi cambi al campionato mondiale di Ciclocross Singlespeed, ma indagherò)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 23/11/2011 @ 00:51:34, in rally, linkato 1024 volte)

Che i francesi ci sapessero fare con le trazioni anteriori (TA) non è niente di nuovo. La scuola di "vetturette" a due ruote motrici a trazione anteriore ha una quantità di vetture imbarazzante nella storia dell'automobilismo rallistico: Renault 5 GT Turbo, Renault Clio 16v, Clio Williams, Clio RS, Clio RS2, Clio Light ed ora anche la Megane RS e l'ultimo aggiornamento tecnico Megane RS Trophy.

Una vettura dotata del "classico" duemila turbo, con 250 cavalli rimappati a 265, un ottimo telaio, una buona distribuzione di pesi ed un autobloccante che scarica a terra a dovere la cavalleria.

Niente di eccezionale, ma sarà stato il manico del collaudatore (Laurent Hurgon) ed anche il set di gomme Bridgestone, fatto sta che il tempo di 8'07"97 è eccezionale per una trazione anteriore al circuito del NĂĽrburgring, il Nordschleife per l'esattezza.

Qualche dettaglio in più lo trovate a questo articolo su Quattroruote.

Per una tabella comparativa di tempi realizzati sul circuito "stradale" più famoso e più provato del mondo andate pure qui su Fastest Laps.

Ancora una volta i miei complimenti ai francesi per aver assemblato un eccellente package tecnico "stradale" a circa 30.000 Euro.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 15/11/2011 @ 08:44:28, in consumatore, linkato 2210 volte)

Apparecchio televisivo degli anni 50Siccome ogni anno si sente la stessa tiritera al riguardo del Canone RAI, ho fatto la cosa che riesce semplice a tanti, cioè cercare in rete su cosa succede negli altri stati europei.

Tante lamentele nascono dal fatto che tantissima gente lo ritiene una tassa illegittima, vuoi perché è collegata direttamente alla proprietà di un televisore - trattasi pertanto di una tassa patrimoniale a tutti gli effetti - vuoi perché le reti televisive RAI non sono regolarmente emesse sull'intero territorio nazionale - infatti da quando si è passati al digitale terrestre (DVB-T) in tante regioni, tanti utenti sono stati costretti a passare alle piattaforme satellitari Sky o a Tivusat per continuare a vedere la tivù, a causa di un segnale digitale troppo debole per garantire una qualità minima - vuoi anche perché tantissima gente è assolutamente insoddisfatta del servizio pubblico politicizzato, che tra l'altro è pure finanziato in maniera importante dalla pubblicità.

Non è comunque mia intenzione dirimere la faccenda, ossia se sia giusto o meno pagare il canone TV. Ho già espresso la mia idea sulle tasse in più occasioni con amici, parenti e colleghi di lavoro: ogni tassa patrimoniale, a mio modo di vedere, è ingiusta, così come lo è anche il canone RAI in quanto "tassa di proprietà".

Il 90% delle famiglie italiane lo paga, un buon 10% no, ma questo è un'altra storia. Io ho cercato in rete cosa succede nel resto dell'Europa.

Certo è che la natura del titolo che ho dato a questo articolo è chiaramente provocatoria. Potremmo girare la frittata, ponendo piuttosto la questione non del fatto che il canone TV sia giusto o meno pagarlo, ma "è giusto pagare più di 100 Euro per il servizio della tv pubblica italiana, vista la spartizione politica"?

Sulla rete ho trovato questo articolo di Boris Bivona, che trovate integralmente a questo URL sul sito Fisco Oggi.

Il pagamento di una tassa per la detenzione di apparati atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive, indipendentemente dalla qualità o dalla quantità del relativo utilizzo, è statuito dall'articolo 1 del regio decreto n. 246 del 21 febbraio 1938 e confermato da alcune sentenze della Corte costituzionale. La ragione per cui l'Italia, al pari di molti altri paesi europei, ha adottato il sistema dell'esperienza televisiva intesa come servizio pubblico culturale e pedagogico, quindi soggetto a tassazione, deve rinvenirsi nel momento storico postbellico in cui la tivù di stato diventa il simbolo della rinascita e dell'unificazione sociale.

Il ministero dell'Economia e delle Finanze, per il tramite del dipartimento del Tesoro, partecipa per la quota del 99,56 per cento sulla RAI Radio Televisione Italiana Spa, mentre il restante 0,44 per cento è di proprietà della Siae (dati relativi al 2008-2009).

I giudici di legittimità, con riferimento alla natura giuridica del "balzello" televisivo, hanno avuto modo di fornire chiarimenti al riguardo in diverse occasioni. La sua istituzione deve rinvenirsi non tanto nell'esistenza di uno specifico rapporto contrattuale che lega il contribuente, da un lato, e l'Ente Rai, che gestisce il servizio pubblico, dall'altro, ma nel fatto che si tratta di una prestazione tributaria, fondata sulla legge, non commisurata alla possibilità effettiva di usufruire del servizio. La sua riscossione è affidata allo Sportello abbonamenti TV, gestito in concessione dalla RAI per conto del ministero dell'Economia e Finanze.

Sorprendentemente, la tassa pagata in Italia risulta essere, in confronto tra i Paesi dell'Europa occidentale, la più bassa. Secondo i dati forniti (nel 2006) dall'Osservatorio europeo dell'audiovisivo, l'importo medio a livello comunitario proveniente dal canone televisivo dovrebbe attestarsi a 118 euro per famiglia nel 2009. Al riguardo, occorre, tuttavia, osservare la differente partecipazione al finanziamento della tv pubblica degli altri Paesi europei distinguendo la parte fiscale (il canone) e quella commerciale (pubblicità).

In Gran Bretagna, la BBC, che propone 8 canali tv interattivi, 10 network radiofonici, più di 50 emittenti TV e radio locali, viene finanziata ogni anno esclusivamente attraverso il canone pari a 176 euro. Particolarmente severe risultano, poi, le sanzioni per chi viene scoperto moroso o evasore della tassa sulla Beeb (come viene soprannominata dai Britannici la BBC) che arrivano anche alla custodia cautelare.

In Germania, i tedeschi sborsano ogni anno una tassa, pari a 206,36 euro per due canali pubblici (ARD e ZDF) che possono, tuttavia, trasmettere anche spot pubblicitari ma soltanto in una specifica fascia oraria dei giorni lavorativi, e cioè tra le ore 17 e le 20.

In Francia la tassa ammonta a 116 euro, ma la riforma del sistema radiotelevisivo prevede dal 2009 lo stop agli spot - ammessi solo durante gli intervalli naturali dei programmi - e la tassazione dei guadagni pubblicitari delle emittenti private e delle entrate degli operatori di telecomunicazione.

Islanda (RUV), Svizzera (SSR SRG), Austria (ORF), Norvegia (NRK) e Danimarca (DR e TV2) si contendono la leadership dei Paesi europei in cui il canone tocca le quote più elevate, superando i 250 euro annui.

In Islanda il canone ammonta a 346,59 euro e la tv viene finanziata pure dalla pubblicità; in Svizzera 292 euro con spot; in Austria tra i 223,32 e 284,52 euro, oltre alla pubblicità che varia a seconda della regione, in Norvegia 270 euro senza spot; in Danimarca, infine, costa 215,40 senza spot. Sono, altresì, senza spot le tv di Stato della Svezia (SVT) e della Finlandia (YLE) la cui tassa è rispettivamente pari a 210 euro e 208,15 euro l'anno.

In Belgio il canone ammonta a 149,67 euro dove è permessa la pubblicità (la Tv federalista fiamminga, RTBF, VRT e BRF, preleva l'importo direttamente dalla dichiarazione dei redditi). In Irlanda alla pubblicità si affianca il canone di 160 euro.

In Romania (TVR) esiste una tassa sulla radiotelevisione da 12 euro a 150 euro, che varia in base al reddito, alla quale si aggiunge il finanziamento pubblicitario. A 132 euro sta pure la tv di Stato della Slovacchia che si finanzia anche con gli spot commerciali.

Ora ricordiamo anche che ci sono alcuni stati in cui la tivù pubblica non è così esosa ed il cui canone è inferiore ai 100 Euro, vuoi perché il reddito procapite medio è decisamente più basso, ma anche perché la produzione della tv di stato non è così ricca e variegata, come negli stati più grandi. Il 58% delle entrate della Tv pubblica Rtsh dell'Albania viene ricavato dalle tasse, il rimanente 42 per cento da pubblicità e abbonamento pari a 6,30 euro. In Bosnia il canone è pari a 36 euro (al quale si aggiunge la pubblicità). In Croazia la tassa (mediamente 100 euro) equivale all'1.5 % della retribuzione annuale, ma è prevista pure la pubblicità. A Cipro il canone si riscuote con la bolletta elettrica (in più c'è la pubblicità). Nella Repubblica Ceca alla pubblicità si aggiunge il canone di 56,90 euro.

La tv pubblica della Grecia (EPT) si finanzia, invece, attraverso la bolletta elettrica (il canone è pari a 51,60 euro ed è permessa la pubblicità). In Macedonia la tassa ammonta a 57 euro e si paga con la bolletta della luce (la tv trasmette anche la pubblicità). A Malta circa il 66 per cento dei ricavi proviene dal canone (pari a 34,40 euro), il 33% dalla pubblicità. In Montenegro ogni mese il canone costa 3,5 euro, ma la tv si finanzia anche con la pubblicità così come in Polonia dove il canone costa 53 euro.

Infine le "isole felici": In Europa ci sono i paradisi fiscali televisivi. Alcune nazioni, infatti, non prevedono o hanno totalmente abolito la tassazione sulle tv. Ad esempio nei Paesi Bassi (Netherland 1, 2, 3), Portogallo, Ungheria e Spagna (dove, con alcuni tetti, è consentita la pubblicità). In quest'ultima nazione, a ben vedere, vige un sistema "misto" di finanziamento per la tv pubblica (TVE). Il 50 per cento poggia su sovvenzioni statali, il 40 per cento sugli introiti pubblicitari e il 10 per cento dalla vendita dei programmi tv. La pubblicità diminuirà entro il 2010 per passare a 9 minuti all'ora. Ciò che rende il panorama spagnolo molto differente rispetto agli altri Paesi Ue è la notevole libertà concessa alle comunità autonome (come quella della Catalogna e della Navarra) nel settore dell'audiovisivo: insomma un federalismo fiscale televisivo.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 14/11/2011 @ 22:59:36, in MTB, linkato 662 volte)

Stiamo collezionando rapidamente tutte le foto degli iscritti al nostro team per la realizzazione dell’album “NOI Sportivi di Grezzana 2011” a cura di Studio Edizioni (www.noisportivi.it). Questo studio grafico sta collezionando tutte le foto degli atleti iscritti a società sportive della nostra cittadina ed in generale dell’intero comune di Grezzana.

Abbiamo pertanto deciso di dedicare due appuntamenti perentori per la realizzazione della foto che finirà sull’album:

mercoledì 16 novembre, ore 19.00
sabato 19 novembre, ore 18.00

All’appuntamento è tassativo presentarsi con la maglietta estiva 2011. Se per te fosse impossibile essere presente ad uno di questi due appuntamenti, dove scatteremo una foto per ognuno dei presenti, puoi inviarci lo stesso all’indirizzo e-mail info@turnoverteam.it un’immagine in formato JPEG di ottima qualità in cui tu sia ripreso in “posizione da fototessera” con la divisa ufficiale Turnover Studio Rehab possibilmente aggiornata a quest’anno, su sfondo bianco. Le foto mandate via e-mail verranno sottoposte al nostro vaglio e a quello del responsabile della pubblicazione e ne verrà valutata la bontà alla pubblicazione. Le foto ritenute non adeguate verranno scartate a nostro insindacabile giudizio.

Ricordati comunque che è necessario passare in negozio per firmare la liberatoria, che autorizza l’editore dell’album ad utilizzare le foto per la pubblicazione.

Si ricorda infine a tutti che verranno pubblicate sull’album solo le foto che ci sono pervenute. Chi non si è dato da fare per farci avere la foto, non sarà presente sull’album 2011. Avvisa pertanto i tuoi amici più stretti di questa urgente necessità, cioè di far avere tutte le foto entro sabato 19 novembre.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 14/11/2011 @ 12:54:22, in MTB, linkato 335 volte)

Gli Americani sotto la Luna o la Luna sugli Americani? Gli "Americani" in questione è il tratto offroad per la MTB decisamente proibitivo da quando le acque degli ultimi mesi hanno ulteriormente scavato il single track.

Ad Anonimo Turnover l'ardua domanda e la relativa sentenza.

La luna sugli Americani

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 14/11/2011 @ 11:07:42, in informatica, linkato 381 volte)

I've never understood in several years of regular usage and development why Visual Studio Form Designer, hangs out while drawing and adjusting any form generated by itself.

You are forced to modify manually the Visual Basic or C# code in its #Region " Windows Form Designer generated code ", updated at your last successful creation modification.

I needes to add another TabPage in a TabControl, but I forgot to add also in the final part of the InitializeComponent() method these function calls:

    Me.tabFiles.ResumeLayout(False)
    Me.tabFiles.PerformLayout()

If you miss those ones, you are out of luck with docking and control anchoring in the TabPage. At runtime your controls contained in the page won't resize or fit correctly with respect of TabPage borders and you'll get an headache for sure while searching your bug.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3


Ci sono  persone collegate

Tagcloud

Gare 2015
GARE 2015
13-14/06: Granlessinia Focus
29/08: Nationalpark Bike MX
Gare 2014
GARE 2014
31/05: 24h Finale Ligure Fatto
12/07: Salzkammergut Trophy Fatto
Palmares
BREVETTI E CIRCUITI

2014: Salzkammergut Survivor
2012: Prestigio MTB
2011: Prestigio MTB
2010: Prestigio MTB, Fizik Veneto
2008: Garda Challenge

< novembre 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
22
24
25
26
27
28
29
30
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
famiglia (4)
fotografia (1)
gastronomia (1)
MTB (14)
rally (2)
viaggi (12)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
Quale circuito suggerisci al Marcante per il 2013?

 Lessinia Tour
 Prestigio MTB
 Nobili MTB
 Challenge Giordana
 Gare all'estero
 Stare a casa

Titolo

View Marco Tenuti's profile on LinkedIn

Listening
Kid Rock - Rock n Roll Jesus

Ghosts - The world is outside

Hellogoodbye - Zombies! Aliens! Vampires! Dinosaurs!

Reading
Fabio Volo - E' una vita che ti aspetto
Michael Guillen - Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo
Sophie Kinsella - I love shopping a New York

Watching
Mia moglie consiglia Le sorelle McLeod



Titolo
.NET Framework (4)
Abarth (13)
Alcenago (2)
auto (15)
consumatore (53)
cucina (18)
cultura (14)
dizionario (2)
famiglia (40)
finanza (4)
Grezzana (6)
hitech (14)
humour (8)
idee (1)
informatica (62)
iPhone (46)
mobile computing (10)
MTB (1182)
musica (4)
natura (23)
OS X (2)
PS3 (7)
rally (61)
salute (4)
social (4)
telefonia (3)
Verona (10)
viaggi (26)
video (7)
Visual Basic 6 (5)
web (48)
Windows (26)

Catalogati per mese:
Dicembre 2004
Gennaio 2005
Febbraio 2005
Marzo 2005
Aprile 2005
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
congratulazioni,vist...
10/11/2014 @ 23:50:03
Di paolo
ho seigneur
31/10/2014 @ 16:11:05
Di nestor david
Grazie! Davvero, gra...
15/10/2014 @ 22:01:00
Di Anonimo
Ciao marco ,ho acqui...
28/09/2014 @ 19:59:31
Di alessandro greco
non fuoziona aiutooo...
25/09/2014 @ 02:13:26
Di simone
Complimentoni a te e...
06/09/2014 @ 15:04:12
Di Cactus
Grazie, grazie! Dopo...
06/09/2014 @ 01:17:15
Di MT
....anch'io ti facci...
05/09/2014 @ 18:27:48
Di roberto pachera


27/11/2014 @ 12:33:47
script eseguito in 94 ms