Immagine
 Ultima discesa alla Tre Valli '12... di Marco Tenuti
 
"
Piutosto de un carton nei ovi, l'è meio un carton de ovi

Anomino veronese
"
 



Miei sponsor
Gli sponsor che pago io

Social Network



Se vuoi contattarmi via e-mail:

t e n u t i @ l i b e r o . i t
Wikio - Top dei blog
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di Marco Tenuti (del 31/03/2010 @ 08:51:42, in MTB, linkato 903 volte)

La foto arriva direttamente da KM Sport, grazie alla gentilissima Fernanda, che con la scusa di accompagnare il suo team in giro per il Nord Italia a fare gare, lei si piazza con la sua reflex digitale e immortala praticamente tutti, anche se un occhio di riguardo ce l'ha ovviamente per tutti quelli del suo team, ma anche per tutte le divise veronesi che passano in gara.

Questa volta, alla Tre Valli, è la volta buona che ci finisco dentro pure io con un gran scatto fotografico.

Grazie ancora a Fernanda e al team KM Sport!

Il Marcante alla Tre Valli '10

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 29/03/2010 @ 08:15:55, in MTB, linkato 855 volte)

Ecco nell'ordine il Conte Savoia, un fiacco Pappataso ed il sottoscritto, che si prendono un caffé prima del via della Tre Valli '10.

Conte, Papataso e Marcante

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 25/03/2010 @ 23:01:42, in MTB, linkato 1052 volte)

Gunn Rita Marathon 2010 Ratificata stasera la mia iscrizione alla Gunn Rita Marathon 2010, conosciuta anche come gara del Montello, ed organizzata dai Pedali di Marca, organizzazione che sta veramente facendo passi da gigante, grazie alla gestione dell'Europeo Marathon UCI nel 2010 e addirittura della prova mondiale Marathon UCI nel 2011.

Le quattro stelline in palio per il 27 giugno sono senza dubbio molto allettanti per raccogliere il fregio del Prestigio 2010 ed è così che ho pensato di mettere in programma anche la gara del trevigiano, dopo l'esperienza del Radu nel 2008 e del Maga nel 2009. La sede della gara è a Montebelluna, posti che conosco abbastanza frequentando il mio amico rallista Giandomenico Basso ed andando di tanto in tanto a vedere il Rally della Marca Trevigiana.

C'era tempo fino al 31 marzo per iscriversi alla quota di "favore", cioè 30 Euro, mentre dal 1 aprile la quota passa a 40 Euro.

La mia intenzione è di andare e tornare in giornata da Verona. La partenza del percorso Marathon è prevista alle ore 10.00, questo vuol dire che dovrei partire da casa all'incirca alle 6 per riuscire ad essere a Montebelluna verso le 7.30-7.40, cioè con un congruo anticipo per ritirare sia il pacco gara, che vedere la partenza degli Elite, impegnati nella conquista del titolo continentale Marathon MTB. Loro si impegneranno sul percorso Extreme da quasi 120 km e 2880 metri di dislivello, mentre "noi" del Marathon triboleremo per 76 km e poco meno di 2000 metri di dislivello.

Ora c'è da sperare solo in una buona condizione atletica per fine giugno e soprattutto nelle condizioni del fondo accettabili, visto l'infame fango colloso delle colline di Montebelluna, che a detta di tutti è praticamente invincibile sia per le gambe che per le bici.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 24/03/2010 @ 12:46:30, in MTB, linkato 918 volte)

Come vedete da questa immagine, il Marcante sta cercando di spiegare a Mirko Celestino come le cose sarebbero potute andare diversamente alla 19esima edizione del Trofeo Laigueglia MTB Classic, se non si fossero presentati alcuni piccoli inconvenienti lungo le discese.

Tenuti e Celestino

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 23/03/2010 @ 17:07:02, in MTB, linkato 1078 volte)

Probabilmente una delle migliori foto che ritraggono il Marcante in azione. Lo so che qualcuno dissentirà, ma a me questa foto piace un sacco: la scalinata in paese a Laigueglia, poco prima di pedalare sul lungomare.

Un po' difficile da notare sullo sfondo Tomas Zandonà in grande recupero, con cui pedalerò assieme per buona parte del secondo giro e poi mi staccherà definitivamente nel finale di gara.

Marcante a Laigueglia

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 21/03/2010 @ 23:21:30, in MTB, linkato 1679 volte)

Il Marcante prima dei tre Capi tra Laigueglia ed Imperia Questa esperienza mi mancava ed oggi son tornato a casa da Laigueglia davvero arricchito per tante cose che riguardano la passione per la bici ed in particolar modo la MTB. Oggi c'era in programma da almeno un mese la mia partecipazione al Trofeo Laigueglia MTB Classic, in origine weekend di vacanza per tutta la famiglia, ma poi un contrattempo ha fermato Elisa e conseguentemente Enrico ed Alice. Così mi son arrangiato alla ricerca di un compagno di viaggio, che ho trovato abbastanza presto, cioè Tomas Zandonà del team Sant Luis Zen.

Anzitutto un percorso di gara non molto lungo, ma tostissimo, a parte i primi 10 km di lancio su asfalto puro a ritmo quasi da Milano-Sanremo. Un vero e proprio circuito XC sviluppato sulla collina a ridosso di Laigueglia e Andora. Qui si respira aria di ciclismo e di MTB ed è bastato vedere la quantità di gente disposta lungo la statale Aurelia nel corso di sabato per la Milano-Sanremo.

Dicevo che mi mancava un percorso MTB tutto saliscendi, con dossi, dossetti, pietre, salti, canalette. Mi mancava la vista mozzafiato dall'alto sul Mar Ligure con la città di Laigueglia in basso. Finire la gara pedalando sul bagnasciuga del mare, infine, non ha prezzo. Solo quello vale l'intera iscrizione alla gara!

Per il resto il percorso era nervosetto e decisamente tortuoso. La bici ideale era senza dubbio una 26": troppo stretto per una 29", anche a detta di chi l'ha usata, come Scubafox, con cui abbiamo condiviso il pasta party.

Le discese erano tecniche e un po' impegnative, soprattutto quando affrontate al secondo giro, quando la lucidità se ne era ormai andata. Infatti c'è scappata una mezza cappola in cui non mi son fatto nulla, ma che la dice tutta sullo stato di "spremitura del limone" che avevo raggiunto nel finale di gara.

Pietraie per qualche chilometro con decine e decine di ciclisti a lato del single track, fermi a trafficare con i loro pneumatici a causa di più forature.

Una gara che merita di essere fatta una volta nella vita, senza dubbio, ovviamente però in ottica di un qualche circuito come il Prestigio, in cui mi sono imbattuto io per il 2010.

A dirla tutta, anch'io ho forato, ma il lattice verde ha fatto un lavoro sublime e ho continuato a menare! Non ho perso un secondo. Quando ho sentito lo sfiato d'aria improvviso subito mi ha preso uno scoramento, ma quando ho sentito l'aria smettere di uscire dopo 2-3 giri di ruota, subito mi son rinfrancato. Solo che dopo un chilometro devo aver forato di nuovo o forsa la tappatura del buco precedente non era sufficientemente sigillata ed è saltata, ma son bastati altri 3-4 giri di ruota e magicamente tutto è tornato definitivamente a posto, riuscendo così a portare a termine la gara, col Racing Ralph posteriore che aveva ancora le sue 2,5 atm finali. Viva i tubeless!

Il piacere inoltre di condividere due giorni col mio compagno di merende "temporaneo", al secolo Tomas Zandonà, compaesano del Miglioranzi a San Giorgio in Salici. Da sabato mattina abbiamo ciacolato, pedalato, mangiato, dormito all'unisono. E niente più, sennò cominciate subito a pensar male, voi che leggete. Per Tomas, a differenza del sottoscritto, un finale di gara in crescendo, che gli vale la 180° posizione assoluta, mentre per me si parla della 200° posizione.

Per la cronaca la vittoria dice che il cronometro veda un ex-aequo tra i ciclisti del team Semprelux Axevo, cioè Lazzaroni e Celestino, ma la vittoria va a quest'ultimo, in virtù di una lieve irregolarità commessa da Lazzaroni nel finale di gara. Io e Tomas abbiamo il piacere anche di scambiare qualche parola assieme al vincitore, una foto di rito e forse l'ingaggio per la Tre Valli domenica prossima.

Il piacere anche di aver salutato i simpatici ragassi del G.C.Fausto Coppi di Cesenatico, cioè Teora ed Achille, Cristiano Sartori del team Focus, la Silvia Rossi passata ai Strasagome e anche lei in corsa per il Prestigio 2010.

Per le classifiche complete vi rimando al sito di SDAM. Nei prossimi giorni arriveranno comunque tante foto e retroscena del mio weekend ligure!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 20/03/2010 @ 00:26:24, in MTB, linkato 1264 volte)

Trofeo Laigugeglia MTB ClassicCerto che mi dispiace non poco lasciare a casa la mia famiglia, dopo che avevo organizzato tutto per benino. Se può consolarmi, c'è solo l'incertezza del meteo che probabilmente riserverà delle sorprese non proprio gradite.

Ho comunque trovato un nuovo compagno di viaggio e di avventura che risponde al nome di Tomas Zandonà, un biker della Sant Luis Zen Age, con cui condiverò il weekend.

Nel frattempo l'organizzatore ha già stilato un elenco iscritto molto ricco e questi sono i principali protagonisti:

  • 1. Mirko Celestino
  • 11. Oscar Lazzaroni
  • 12. Massimiliano Milan
  • 14. Johann Pallhuber
  • 17. Johannes Schweiggl
  • 39. Sandra Klomp
  • 41. Silvia Rossi
  • 61. Ramon Bianchi
  • ...
  • 468. Marco Tenuti
  • 518. Tomas Zandonà

...tanto per ricordarne alcuni trovati nel sito SDAM.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Conte Savoia (del 15/03/2010 @ 10:46:55, in MTB, linkato 898 volte)

Papataso alla Fosbike 2010 Dopo una notte convulsa e una ridda di informazioni su un clamoroso caso di doping/concussione che sta sconquassando il compassato ambiente della FCI, un’indiscrezione sta trapelando negli ambienti giornalistici della Padania.

La Procura di Torino sta indagando sulla prestazione alla “Fos Bike 2010” di un noto atleta di fama internazionale: il Pappataso di Colognola ai Colli.

Il Procuratore Guariniello, infatti, sta seguendo le seguenti vie:

  1. la serata precedente la competizione, grazie all’ausilio di cimici installate in un rinomato ristorante/pizzeria del Veronese, sembrerebbe che ci sia stato una riunione di “famiglia”, durante la quale il diretto interessato avrebbe minacciato l’Anonimo Turnover di pesanti ritorsioni su beni di sua proprietà se non avesse corso con tono dimesso la gara, lasciando campo libero alla sua rivincita nei confronti dello stesso. Sembrerebbe che avrebbe fatto sciogliere il Chesinone nell’acido.
  2. Dopo l’onta subita alla gara d’esordio stagionale, l’Airon Bike 2010, si è rivolto ad un fantomatico personaggio che gravita intorno al mondo ciclistico professionista e non, grazie ai suggerimenti di Vanna Marchi ed il Mago do Nascimento, e non ha badato a spese per ottenere strumenti che gli avrebbero consentito una pronta rivincita soprattutto nei confronti dell’Anonimo Turnover. L’utilizzo di mezzi illeciti potrebbe giustificare la performance straordinaria e sospetta nella gara di ieri. L’atleta aveva lo stesso sguardo di Schillaci ai mondiali Italia’90!!!
  3. Non solo l’Anonimo è stato oggetto delle “attenzioni” del Pappataso, ma anche il forte atleta Valpantenese, il Conte di Sezano, sta valutando di farsi tutelare da un emerito principe del Foro, il Dottor Alimenti, in quanto ritiene di essere stato avvelenato. Il tutto è partito dalla cena che il Conte ha offerto alla sua Consorte nella serata di sabato 6 marzo presso un rinomatissimo ristorante della Provincia Veronese – stranamente lo stesso dove il Pappataso ha celebrato il suo matrimonio ed è “busta e boton” con il gestore,… - e, stranamente, dal giorno dopo ha lamentato fortissimi dolori addominali che gli hanno impedito una corretta preparazione alla gara e addirittura ha dovuto sottoporsi ad una lavanda gastrica venerdì scorso. Infatti, il Conte era così debilitato che è andato in crisi di fame, mentre era nettamente davanti all’atleta colognolese.
  4. infine, c’è anche il sospetto che lo stesso atleta abbia fatto uso di droghe leggere. Infatti lui continua ad insistere, anzi lo ha anche scritto sul suo blog (n.b.: pagina opportunamente salvata in .pdf per evitare modifiche da parte del moderatore), che il mezzo utilizzato per la trasferta era un Doblò, ma sia i suoi compagni di viaggio negano quest’affermazione e confermano che si trattava di un Kangoo. Tale circostanza è confermata dai componenti del Team Strazzer e del Team Sculazzo. Si sta cercando di capire se tale visione sia dovuta all’assidua frequentazione della Nazionale Giamaicana di hockey sul ghiaccio.

Il nostro Premier ha già dato il suo pieno sostegno al Pappataso in quanto ritiene che, come al solito, si tratta di un’azione malata delle solite Toghe rosse.

Si attende la conferenza stampa indettata dai legali del Papataso.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 14/03/2010 @ 22:24:10, in MTB, linkato 877 volte)

I Paoli provano la prima Peri-Fosse 2010 Era anche ora che cominciassi a pedalare qualcosa di più duro, dopo tantissimi piattoni, vallonati e falsi piani da solo che in compagnia.

Il weekend ciclistico del Marcante, l'unico del mese di marzo senza gare, è cominciato con la salita di venerdì pomeriggio da Mezzane di Sotto fino a San Vincenzo, fatto con una VAM di 1060 m/h, tanto per non esagerare da subito.

L'impressione è che la Addict faciliti enormemente l'effetto ascensore, ma devo dire che lo stato di forma continua a migliorare ogni settimana che passa e questo è di buon auspicio per i prossimi appuntamenti.

Sabato mattina, visti gli impegni pomeridiani con la GF dell'Ikea, ha previsto per il sottoscritto l'uscita col GC Grezzana. Il Freccia Blu grezzanese parte lievemente in ritardo da Grezzana rispetto alla tabella di marcia, solo che questo ritardo consente al Paolo Orlandi di salire al volo e di marciare comodamente in uno dei vagoni posteriori fino a Parona.

A Parona, purtroppo, c'è un problema ad un vagone e costringe allo stop l'intero convoglio, con incazzature varie che fanno accumulare un buon quarto d'ora di ritardo sulla maggioranza del gruppo, che punta a fare il giro della Valle inverso, cioè Valdadige in direzione nord e ritorno lungo la costa benacense.

La temperatura di sabato mattina non è delle più miti, ma arriviamo in quel di Rivalta di Brentino Belluno, dopo esserci regolarmente cambiati in testa al gruppo, che le strade si separano, tra il grosso del gruppo e quello degli scalatori di cui vengo a far parte.

Ci concediamo però un bel cappuccino e brioche proprio a Rivalta, cioè dall'altra parte dell'Adige, giusto quello che ci vuole per poter scalare la Peri-Fosse senza patemi alimentari.

Fatte le foto di rito al cartello che introduce alla salita, in compagnia dei Paoli rimasti, cioè Paolo Birtele e Paolo Orlandi, discutiamo un attimo sulla velocità media da tenere lungo la salita e alla mia domanda "Oggi saliamo in 35, 40 o 45 minuti?" mi viene risposto un pacifico 55'. Si parte tutti felici e contenti delle nostre guarniture Compact e dell'ultimo pignone sempre molto generoso.

Lungo la salita il battito oscilla per il sottoscritto tra 160 e 170 bpm, mentre il Paolo Orlandi viaggia costantemente a 15 bpm sotto il mio valore, della serie "quando lui vuole aprire il gas, può sempre farlo", ma non è nelle sue intenzioni fare il Ganassa e preferisce stare, come sempre, in compagnia a ciacolare.

La proiezione del tempo finale della salita viene via via ritoccato, vuoi per l'impresione altimetrica, vuoi per un ritmo leggermente superiore nella seconda parte: prima 60', poi 48'. Fatto sta che siamo arrivati all'Ombra delle Fosse in 47' e rotti. Anche la temperatura esterna è decisamente rigida: si passa dai +12°C di Peri ai +4°C di Fosse.

Il ritorno verso casa è fatto per la via più breve, cioè dalle Barozze direttamente giù a Bellori, con una "strinada" da paura, che ci costringe a ripiegare in Turnover una volta arrivati a Grezzana.

Oggi, invece, giornata dedicata alle faccende domestiche e familiari, che mi vedono occupato a far ripetute nella tromba delle scale, vuoi col letto di Enrico, poi con le immondizie, poi con gli scatoloni. Nel pomeriggio un breve scratch con la Scale, che sfoggiava una catena XTR nuova di trinca, tutta però da rodare sul pacco pignoni in possesso. A parte qualche scricchiolio dovuto alla catena nuova, nessun salto di pignone, per cui direi che la bici è già pronta e deliberata per Laigueglia.

La pedalata in puro stile XC è stata di poco più di un'ora, con la salita da Sezano a Mezzomonte, discesa sul Piccolo Stelvio e immediatamente salita dello stesso Piccolo Stelvio.

La gente a piedi lungo i 19 tornati è tantissima, ma tutti fanno il tifo ed io salgo come una moto, tanto è vero che c'ho pure una motocross che ci mette 4-5 tornanti a superarmi e poi mi fa strada per almeno altri 2-3 tornante, visto che c'è da dribblare parecchia gente a piedi. Tempo finale 8'39", che è il mio nuovo record personale.

La discesa avviene in direzione Grezzana, dove mi sparo anche la pendenza al 14% verso Cavolo: la catena regge bene l'impatto, così ne approfitto per fermarmi a casa del Righe per un breve ristoro idrico.

Questo weekend se n'è andato senza gare, ma il ritmo gara nelle gambe e nella testa c'è tutto, quindi si va a Laigueglia con la giusta mentalità! Ora non rimane che andare a divertirsi mercoledì sera sul Gabbio assieme agli altri amici del Pappataso Fans Club!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Conte Savoia (del 14/03/2010 @ 21:05:15, in MTB, linkato 872 volte)
Dopo aver letto il post, giustamente, euforico del Papataso - ancora complimenti per l'ottima performance odierna... Magia dell'Alfiero ; - ) -, racconto anche la mi esperienza.

Partiamo subito con il doveroso ringraziamento a Giorgio per averci concesso in comodato d'uso il Kangoo del nostro Team, grazie Giorgio!!!

Dopo aver caricato i due Pezzo Brothers al casello di VR Est, di cui godevo già del loro agonismo fraterno nel puro spirito decubertiano...credeghe, eheheheh!!!, siamo entrati in autostrada con un temperatura decente per essere le 7 del mattino e soprattutto senza NEVE!!!

l'euforia, almeno da parte mia, è andata via vi scemando, vuoi per i banchi di nebbia nel mantovano e soprattutto per il notare nei campi che scorrevano a fianco a noi le prime chiazze di neve.

La temperatura si attestava su un buon -1°, buono perché speravamo che questo significasse terreno ghiacciato... pia illusione.

Arriviamo a San Marino di Carpi e l'impatto con il freddo è stato come un pugno nello stomaco, vabbè, ormai eravamo lì e quindi, dopo esserci preparati, siamo partiti per un giro di riscaldamento/ricognizione lungo i primi km. del percorso. L'asfalto e poi lo sterrato molto largo con solo qualche pozzanghera, ci hanno creati l'ultima illusione di una gara veloce e magari con poco fango.

L'illusione è durata pochi minuti, sia per la partenza sita in un prato paludoso e sia dai commenti di alcuni atleti locali: fango, fango, fango!!!

Noi tre siamo partiti come al solito in seconda griglia e davanti a noi vedevamo i 400 iscritti al River Marathon, quindi sarebbe stata un'altra gara d'inseguimento. Partenza: io sono molto lesto e comincio  superare gli altri concorrenti. Anche Andrea è partito molto bene e per un pò mi è stato davanti... per un pò, perché l'ho superato ancora nel tratto buono del percorso.

Dopo un pò che è iniziato il primo argine innevato ed infangato, mentre stavo proseguento i miei sorpassi, ad un certo punto, nonostante io avvertissi dove stavo per passare, un altro biker è sbandato proprio mentre lo stavo superando sulla destra. Siamo entrambi caduti, solo che io sono proprio finito in un fosso e mi sono bagnato praticamente tutto. Ho ripreso la verdona, senza neanche guardare se aveva avuto qualche problema e insultando l'altro ed imprecando mi sono lanciato in un furioso recupero.

Ho risuperato il Papataso e ho continuato la mia azione in mezzo al fango e che fango. Verso la fine del primo giro ho raggiunto 3 bikers che poi si sono messi a collaborare abbastanza ed infatti, nel tratto asfalto/sterrato abbiamo raggiunto un trenino che viaggiava di conserva. Non paghi, abbiamo spinto ulteriormente in quanto abbiamo visto che quasi tutto il trenino pedalava ad un buon ritmo, ma leggermente inferiore al nostro.

Siamo entrati negli argini melmosi e la situazione "fango" era assai peggiorata, praticamente c'è stato un gran lavoro di addominali per cercare di rimanere in equilibrio. Al giro di boa, per tornare verso il paese, ho cominciato a sentire le prime avvisaglie di una crisi di fame... probabilmente avevo speso troppo nel mio forsennato recupero e, sinceramente, speravo che i tratti fangosi fossero meno e più gestibili. Secondo il conteggio che stavano facendo un paio della Protezione Civile, mi trovavo intorno alla settantantesima posizione assoluta e allora ho cercato di gestire al meglio la crisi.

Purtroppo così non è stato, man mano che passavano i metri non riuscivo più a spingere ed il fango non voleva lasciarci. A circa 5 Km. dall'arrivo, Andrea mi ha raggiunto e superato ed a una sua domanda su cosa mi era successo, ho solo detto che ero stanco di fango...ma non era così. Gli ultimi km. sono stati un'agonia e parecchi mi hanno superato, nonostante cercassi in tutti i modi di resistere, ma come fai a resistere se il tuo corpo non collabora?

Dopo aver finalmente tagliato il traguardo, ho cercato disperatamente il ristoro e mi ci sono letteralmente fiondato: 3 panini con la salsiccia, 3/4 pezzi di focaccia, un decina di fette di ananas, 4 fette di torte. Dopo la doccia, ovviamente a temperatura ambiente, ho spazzolato anche 2 piatti di pasta. Questo solo per far capire come ero messo fisicamente. Devo fare i complimenti agli organizzatori per il ristoro e pasta party, dove uno poteva mangiare fino a scoppiare... proprio come alla GF Paola Pezzo ; - ).

Nonostante tutto quello che mi è capitato e della settimana trascorsa con forti dolori addominali, mi posso ritenere soddisfatto ugualmente...l'unico rammarico non è per me ma per l'Anonimo che oggi avrebbe potuto arrivarmi davanti se fosse stato un pò più convinto...non so se gli concederò un'altra chance ; - )

Concludo dicendo che, comunque, è stata ugualmente una bella giornata anche quella vissuta oggi insieme a due amici e a tutti gli altri con cui ho avuto modo di parlare e di salutare.

Alla prossima.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3


Ci sono  persone collegate

Tagcloud

Gare 2017
GARE 2017?
26/03: GF Tre Valli
30/04: GF del Durello
21/05: Passo Buole Extreme
28/05: Soave Bike
25/06: Lessinia Legend
Gare 2016
GARE 2016
26/06: 6H Valpolicella Fatta
27/08: GF d'Autunno Fatta
08/11: XCRunning Grezzana Fatta
Tickerkm
KM STORICI

Km fatti

Palmares
BREVETTI E CIRCUITI

2014: Salzkammergut Survivor
2012: Prestigio MTB
2011: Prestigio MTB
2010: Prestigio MTB, Fizik Veneto
2008: Garda Challenge

< giugno 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
famiglia (4)
fotografia (1)
gastronomia (1)
MTB (14)
rally (2)
viaggi (12)

Le fotografie pi cliccate

Titolo
Quale circuito suggerisci al Marcante per il 2013?

 Lessinia Tour
 Prestigio MTB
 Nobili MTB
 Challenge Giordana
 Gare all'estero
 Stare a casa

Titolo

View Marco Tenuti's profile on LinkedIn

Listening
Kid Rock - Rock n Roll Jesus

Ghosts - The world is outside

Hellogoodbye - Zombies! Aliens! Vampires! Dinosaurs!

Reading
Fabio Volo - E' una vita che ti aspetto
Michael Guillen - Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo
Sophie Kinsella - I love shopping a New York

Watching
Mia moglie consiglia Le sorelle McLeod



Titolo
.NET Framework (4)
Abarth (13)
Alcenago (4)
auto (15)
consumatore (57)
cucina (18)
cultura (15)
dizionario (2)
famiglia (40)
finanza (4)
Grezzana (6)
hitech (17)
humour (8)
idee (1)
informatica (65)
iPhone (46)
mobile computing (10)
MTB (1198)
musica (4)
natura (23)
OS X (3)
PS3 (7)
rally (63)
salute (4)
social (4)
telefonia (3)
Verona (12)
viaggi (26)
video (7)
Visual Basic 6 (5)
web (49)
Windows (31)

Catalogati per mese:
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
maldestro tentativo ...
26/06/2017 @ 16:30:05
Di alep
ZPETS
22/04/2017 @ 00:54:54
Di Floy
A me hanno telefonat...
18/04/2017 @ 11:23:01
Di Armando
Grazie mille, l'unic...
09/04/2017 @ 22:44:57
Di Denny
Non chiamate pi
29/03/2017 @ 09:23:42
Di Almickey
Succede anche al mio...
18/03/2017 @ 16:11:11
Di Fabio
Ciao il mio iTunes p...
23/02/2017 @ 09:57:20
Di Rebecca
Grazie Marco,ho riso...
22/12/2016 @ 21:25:04
Di Luca


27/06/2017 @ 09:08:44
script eseguito in 110 ms