Immagine
 Ultima discesa alla Tre Valli '12... di Marco Tenuti
 
"
Piutosto de un carton nei ovi, l'è meio un carton de ovi

Anomino veronese
"
 



Miei sponsor
Gli sponsor che pago io

Social Network



Se vuoi contattarmi via e-mail:

t e n u t i @ l i b e r o . i t
Wikio - Top dei blog
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di Marco Tenuti (del 29/04/2013 @ 12:48:23, in telefonia, linkato 8594 volte)

Disattivare i servizi TreCome ogni operatore telefonico che si rispetti, l'attivazione dei servizi è gratuita, mentre la disattivazione è quantomeno problematica, perché a discapito della compagnia telefonica. Dopo aver bersagliato ripetutamente Vodafone in alcuni miei post, come quello della disattivazione della segreteria telefonica o quello dell'attivazione di Smart200+, ora è la volta della Tre, operatore a cui sono passato da ormai sei mesi.

Eccomi anch'io a dare qualche dritta ai "malcapitati" come il sottoscritto che si ritrovano a voler disattivare qualche servizio gratuito o a pagamento, per non dover sborsare inutili danari o per non essere continuamente importunati.

Il primo servizio, a cui avevo aderito volontariamente, era l'Opzione LTE di Tre. Possedendo uno dei pochissimi telefoni in grado di supportare la tecnologia LTE, ho aderito all'attivazione gratuita di Tre. La gratuità è stata limitata nel tempo e poi è passata dal 1 aprile a pagamento, non una cifra esosissima, per carità, 1 Euro al mese, ma anche qui è il principio che conta. Far pagare un piccolo obolo per accedere preventivamente ad una tecnologia, quando sarà a portata di tutti ed inclusa nel prezzo per tutti, mi pare un tantino eccessivo.

A maggior ragione se quella tecnologia è raggiungibile sono in centro a Milano e a Roma. Insomma in questi due mesi in cui ho avuto attiva l'opzione LTE, sul mio iPhone 5 l'icona LTE non l'ho manco pure vista, nonostante abbia aggiornato iOS alla versione 6.1.1 o superiore ed abbia espressamente acceso questa tecnologia nelle apposite impostazioni del telefono. Mi hanno insomma incantato con uno specchietto per allodole ed io ci sono cascato. Un Euro solo.

Per disattivare l'Opzione LTE, basta entrare nell'Area Clienti di Tre, controllare tra le Opzioni Attive, intraprendere la Modifica e togliere il rinnovo automatico.

Se invece volete disattivare il servizio gratuito Adesso 3, è necessario intraprendere questa sequenza:

  • chiamare il 4040
  • scegliere l'opzione 2 (viene citato anche il servizio Adesso 3)
  • scegliere l'opzione 3 per scegliere Adesso 3 tra tutti gli altri servizi
  • premere 1 per disattivarlo
  • a conferma avvenuta, agganciare il telefono, come su invito della messaggeria automatica

Adesso mi manca di disattivare l'altrettanto fastidiosa opzione 3COMUNICA, dove mi assillano con un sacco di proposte commerciali, di cui sono tendenzialmente disinteressato.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 28/04/2013 @ 23:40:02, in MTB, linkato 927 volte)

Mentre tutta la "Verona Biker" oggi era in quel di San Giovanni Ilarione a correre l'undicesima edizione della Granfondo del Durello, per me mattinata d'ordinanza con la famiglia alla santa messa domenicale ad Alcenago.

Il nullaosta per uscire in bici scatta però nel pomeriggio, così, dopo aver dedicato parte del sabato a pulire entrambe le mountain bike, oggi non era il caso di scomodarle e di continuare a sporcarsi con la BDC.

Dopo essermi accordato con Enrico per la risalita verso Alcenago, prende forma nella mia testa il giro di oggi. In totale libertà arriviamo ad Alcenago dai miei giusto per un caffè e poi di nuovo in sella.

Dalla Chiesa di Alcenago a Fiamene prendo per la prima volta il tempo, andando su con un ritmo relativamente blando, ma il tempo fissato dal cronometro è sufficiente a far riaffiorare ricordi lontani almeno una decina di anni, se non quasi due decine di anni. Ricordo vagamente che il cronometro si fermava dopo 21-22 minuti, mentre oggi sono passati "solo" 19'20", per il confronto è assolutamente impari: oggi sono in sella ad una superleggera e con una buona gamba, mentre ormai vent'anni fa ero in sella al Chesinone, cancello rigido di quasi 16 chili e la mia gamba non era certo forte come ora.

Cartello di Col di Pealda Bassa sommerso dalla neve

Continua pertanto l'ascesa verso il GPM di Fiamene, giù all'incrocio sopra l'abitato di Fane e poi passo agile in direzione Crosa di Schioppo, Corrubbio e Verdevalle. Anche il lungo tratto che porta dal Pontarol a Sant'Anna d'Alfaedo se ne va sempre al ritmo medioalto, ma è già ora di scendere a Fiamene che quasi non sento la catena.

Il tempo di mandare un SMS, di leggere quello dei reduci di guerra della Valdalpone e poi alzo la cornetta per sentire cosa dice la truppa della Valpantena, mentre scorre il cartello di Martellengo e punto diritto verso contrada Tommasi, con in lontananza un biker in MTB, che riprendo dopo un paio di minuti fermo a chiaccherare con un abitante della zona.

In barba alle due ordinanze, la prima che impedisce a tutti i veicoli di salire per la strada provinciale SP12 fino al 30 aprile, la seconda che impedisce - ancora chissà per quanto - ai velocipedi di percorrere tutto il tratto intermedio fino alla fine del bosco, tengo il 34/23 e supero i macigni posizionati in mezzo alla strada.

Tutto il tratto cementato è decisamente sporco, a causa dell'assenza di traffico, ma con un minimo di attenzione se ne vanno i due tornanti ed è la volta della parte relativamente più ripida, dove mi fermo a fotografare i primi cumuli di neve ancora in via di scioglimento.

Col di Pealda Bassa impraticabile con la BDC

Solo che salendo la neve è sempre più consistente e tutta la striscia stradale è quantomeno bagnata se non addirittura ricoperta completamente di neve. Finito il bosco mi ritrovo prima a guadare almeno cinque centimetri di acqua corrente e quasi in cima mi tocca pure pestare a piedi sulla neve, per riuscire a superare le difficoltà via via crescenti.

In cima al Col di Pealda Bassa devo percorrere quasi una decina di metri a mo' di ciclocross belga nella neve per conquistare la discesa trentina. Chiedo ad una coppia di anziani veronesi che stavano facendo manovra della possibilità di scendere per la direttissima verso Sega di Ala e mi assicurano che non c'è alcun problema, tanto che mi precedono di qualche centinaio di metri.

Caduta libera nella frazione trentina e subito mi viene in mente la Lessinia Bike, così vado a girarmi al Villaggio San Michele. La conca erbosa che ospita la gara di Ala è tutta fiorita e più che mai verde e rigogliosa, con la neve che si vede ancora qua e là a lato della strada.

Mi giro e torno sui miei passi pronto a risalire verso Passo Fittanze, solo che un nuvolone minaccioso comincia a rilasciare qualche goccia pesante e già temo per il mio rientro in terra veronese, tanto che taglio il traguardo della tappa finale del Giro del Trentino 2013 ad una velocità doppia a quella di Nibali, tanto che la pioggia rimane basita e smette subito.

Ascesa verso Sega di Ala

La temperatura e l'aria non sono delle più ideali per arrivare a Passo Fittanze: in quota il Polar dice +12°C. Vorrei pure chiamare la mamma per dirle "Ciao quanto mi diverto", ma il cellulare non piglia, così indosso i manicotti coi colori del team e sopra pure l'antivento Sudtirol, pronto a spararmi la discesa verso Erbezzo. La strada è già segnata: per un attimo penso al fatto di ritornare ad ovest verso Sant'Anna d'Alfaedo, ma voglio godermi lo shock finale da Stallavena ad Alcenago.

Nella cittadina lessina non è che la temperatura sia tanto più alta, 13°C, mentre a Cappella Fasani siamo a 15°C, ma la discesa è senza dubbio una delle più belle dell'intero arco veronese ed al Corso di Grezzana sfilo già l'antivento perché a Lugo la temperatura è già di 22°C.

Bacheca del CAI di Ala

Da Bellori fino a Stallavena si comincia a menare di buona lena, ma le gambe cominciano ad essere un po' vuote, rispetto ai tempi migliori, ma bisogna un po' accontentarsi, perché l'età avanza e la preparazione è quella che è, nonostante qualche interessante performance degli ultimi tempi. La performance che conta più di tutte è quella della resistenza sulla distanza, tanto che a Stallavena saluto con la mano il Ledri, che indossa la sua inseparabile maglia mezza stagione Trek dello scorso millennio e giro a destra per tornare ad Alcenago.

Questa ascesa finale devo cominciare a farmela piacere, perché tra qualche anno sarà il leitmotiv di tanti giri, più o meno come il Papataso a chiudere su via Pontesello a fine giro. Penso che in futuro mi inventerò sempre più giri che cercheranno di chiudere passando per Fiamene, ma tanti altri giri mi vedranno "soccombere" proveniendo dalla Valpantena, ma il motto recita "Eto voluo la bicicletta? Adesso pedala".

La cosa bella è che concludo con un piccolo vassoio di torte e tè caldo, in questa strana domenica di fine aprile. I chilometri finali sono 66, per un totale di 1655 metri di dislivello, ma aver pestato in solitario la neve in BDC sul Col di Pealda Bassa mi ha fatto sentire un po' il prof alla conquista di uno Stelvio o di un Gavia con le frange di tifosi e di neve fresata ai lati della strada.

La prossima volta si punta in compagnia al tortino, ricordando che la baita è aperta il sabato e la domenica dalle 9.00 alle 18.00...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 26/04/2013 @ 11:20:07, in informatica, linkato 780 volte)

Chiaro che tutti i showcase ed i video dimostrativi sono artefatti e sono messi a punto apposta per stupire.

Rimane il fatto che il nuovo Leap Motion è in grado di riconoscere movimenti in 3D, che è un grosso passo avanti rispetto a Kinect.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 22/04/2013 @ 11:17:38, in MTB, linkato 631 volte)

Arrivano dal sito ufficiale del Piccolo Stelvio le prime immagini ed un video del raduno che si è tenuto sabato 13 aprile, dove anche il sottoscritto si è presentato in compagnia di Tommasino e tanto di bici Atala.

Peccato che il video sia in modalità verticale, ma lo pubblico lo stesso per dimostrare il clima di festa e di allegria nel cominciare la celeberrima salita, una volta tanto senza emboli agonistici...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 19/04/2013 @ 09:24:13, in rally, linkato 610 volte)

La Peugeot, dopo le due vittorie consecutive nel 1988 e nel 1989 con Ari Vatanen, torna alla "corsa nelle nuvole" con la 208 T16 Pikes Peak e si affida al pluricampione del mondo Sébastien Loeb.

E lo fa in grande stile, com'è d'obbligo per la gara americana, la Pikes Peak, prendendo parte nella categoria "Unlimited", dove gli ingegneri ed i progettisti hanno grande libertà regolamentare.

Per questa partecipazione, decisa solo a novembre e con un prototipo più o meno pronto solo a febbraio, il team corse della Peugeot ha usato carbonio ovunque per la scocca e per tanti componenti, mentre per il motore la potenza massima dovrebbe aggirarsi sui 600 cavalli.

Una novità, deludente, dell'edizione 2013, è che il percorso di 19,9 chilometri è stato completamente asfaltato, per cui la gara perderà di quel suo fascino che l'ha caratterizzata, ossia le nuvole di polvere alzate in cima alla montagna con le macchine uscire sempre di traverso dagli innumerevoli tornanti.

Il comunicato ufficiale lo trovate anche in lingua inglese sul sito della Peugeot Sport.

Peugeot 208 T16 Pikes Peak
clicca per andare all'articolo su Quattroruote

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 18/04/2013 @ 00:36:08, in MTB, linkato 949 volte)

A dir poco esilarante e veritiero...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 17/04/2013 @ 15:09:28, in consumatore, linkato 595 volte)

Ancora una volta la pubblica amministrazione segna il passo e perde colpi. Ora non vorrei sembrare quello che si schiera a favore di una tecnologia o simpatizza per un brand piuttosto che un altro, ma ritrovarsi la home page di un sito istituzionale importante come quello del Commissariato della Polizia di Stato che utilizza una tecnologia di fatto non universale mi pare un po' una cavolata.

Il sito in questione carica al centro della sua pagina un bell'applet Java, tecnologia che è installabile su quasi tutti i browser, ma non è certo più uno standard di fatto. Stessa cosa dicasi per quelli che usano Silverlight nella home page o chi ha ancora animazioni in Flash, ma forse quest'ultima tecnologia è l'ultima a cedere a fronte delle picconate date da Apple negli ultimi anni, soprattutto da quando Steve Jobs era ancora in vita.

Se il presente del web è JavaScript, il futuro del web è senza dubbio HTML5.

Per carità: in alto a destra c'è anche il link Solo testo, però neanche quello mi pare funzioni tanto bene, se non si è installato Java, cosa che si verifica sia sul mio Safari 6.0.3 (OS X 10.7.5), Google Chrome 26.0.1410.64 (Windows 8 64 bit) e su Safari per iPhone e iPad (iOS 6.1.3).

E' ora che anche la Polizia di Stato si ammoderni e passi a qualcos'altro.

Sito in Java per il Commissariato di Polizia di Stato
clicca per andare al sito del Commissariato di Polizia

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 15/04/2013 @ 15:27:19, in MTB, linkato 2296 volte)

Grosse novità in casa SRAM con l'aggiornamento completo della linea dei gruppi su strada.

La novità più grossa è rappresentata da quanto di nuovo introdotto per il gruppo top di gamma, ossia il RED.

Esso acquisisce una nuova denominazione, SRAM RED 22, dove 22 sta per il numero di velocità disponibili, cioè le due corone della guarnitura per gli 11 rapporti del pacco pignoni.

Nel pacco pignoni la novità è rappresentata dal pignone da 16 denti, che dà la continuità dal più piccolo, l'11, fino al 17, pertanto si hanno ben sette pignoni che variano tra di loro di un solo dente. I pacchi pignoni disponibili sono l'11-25 e l'11-28. E' possibile avere anche la variante WiFli, 11-32.

Altra novità è rappresentata dall'impianto idraulico per i freni: tale impianto può comandare indifferentemente una configurazione a pistoncini idraulici, tanto quanto un impianto per mountain bike, quanto un sistema frenante tradizionale, basato appunto su pinze, com'è tradizione per la bici da corsa.

Prende pertanto una strada differente SRAM, rispetto agli altri competitori, ossia Shimano e Campagnolo, che hanno da tempo intrapreso la variante elettronica per i loro gruppi per bici da strdana.

Nella configurazione più leggera, che rimane ancora il gruppo tradizionale meccanico, si è arrivato al peso record di 1747 grammi. Il nuovo SRAM RED 22 si può avere pertanto in tre diverse configurazioni: meccanico, idraulico con pinze tradizionali, idraulico con freni a disco.

Infine la parte idraulica delle leve è disponibile anche a 10 velocità, per chi volesse aggiornare la sola parte frenante su un gruppo SRAM già a 10 velocità.

Anche il gruppo SRAM Force è stato aggiornato arrivando ad un interessante peso "finale" di 2150 grammi.

Nuovo SRAM Red 2014
clicca per andare alla presentazione su Bike Radar

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 13/04/2013 @ 00:27:21, in MTB, linkato 630 volte)

Ecco la puntata con la sintesi completa della Granfondo Tre Valli, corsasi a Tregnago la scorsa domenica 24 marzo.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 12/04/2013 @ 23:03:52, in MTB, linkato 540 volte)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2


Ci sono  persone collegate

Tagcloud

Gare 2017
GARE 2017?
26/03: GF Tre Valli
30/04: GF del Durello
21/05: Passo Buole Extreme
28/05: Soave Bike
25/06: Lessinia Legend
Gare 2016
GARE 2016
26/06: 6H Valpolicella Fatta
27/08: GF d'Autunno Fatta
08/11: XCRunning Grezzana Fatta
Tickerkm
KM STORICI

Km fatti

Palmares
BREVETTI E CIRCUITI

2014: Salzkammergut Survivor
2012: Prestigio MTB
2011: Prestigio MTB
2010: Prestigio MTB, Fizik Veneto
2008: Garda Challenge

< giugno 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
famiglia (4)
fotografia (1)
gastronomia (1)
MTB (14)
rally (2)
viaggi (12)

Le fotografie pi cliccate

Titolo
Quale circuito suggerisci al Marcante per il 2013?

 Lessinia Tour
 Prestigio MTB
 Nobili MTB
 Challenge Giordana
 Gare all'estero
 Stare a casa

Titolo

View Marco Tenuti's profile on LinkedIn

Listening
Kid Rock - Rock n Roll Jesus

Ghosts - The world is outside

Hellogoodbye - Zombies! Aliens! Vampires! Dinosaurs!

Reading
Fabio Volo - E' una vita che ti aspetto
Michael Guillen - Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo
Sophie Kinsella - I love shopping a New York

Watching
Mia moglie consiglia Le sorelle McLeod



Titolo
.NET Framework (4)
Abarth (13)
Alcenago (4)
auto (15)
consumatore (57)
cucina (18)
cultura (15)
dizionario (2)
famiglia (40)
finanza (4)
Grezzana (6)
hitech (17)
humour (8)
idee (1)
informatica (65)
iPhone (46)
mobile computing (10)
MTB (1198)
musica (4)
natura (23)
OS X (3)
PS3 (7)
rally (63)
salute (4)
social (4)
telefonia (3)
Verona (12)
viaggi (26)
video (7)
Visual Basic 6 (5)
web (49)
Windows (31)

Catalogati per mese:
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004

Gli interventi pi cliccati

Ultimi commenti:
maldestro tentativo ...
26/06/2017 @ 16:30:05
Di alep
ZPETS
22/04/2017 @ 00:54:54
Di Floy
A me hanno telefonat...
18/04/2017 @ 11:23:01
Di Armando
Grazie mille, l'unic...
09/04/2017 @ 22:44:57
Di Denny
Non chiamate pi
29/03/2017 @ 09:23:42
Di Almickey
Succede anche al mio...
18/03/2017 @ 16:11:11
Di Fabio
Ciao il mio iTunes p...
23/02/2017 @ 09:57:20
Di Rebecca
Grazie Marco,ho riso...
22/12/2016 @ 21:25:04
Di Luca


27/06/2017 @ 14:15:02
script eseguito in 94 ms