Immagine
 Marcante sull'Alpe de Fiddlebrugg... di Marco Tenuti
 
"
Schei ghe nè. Pecà par 'e piante.

L.Nulli
"
 



Miei sponsor
Gli sponsor che pago io

Social Network



Se vuoi contattarmi via e-mail:

t e n u t i @ l i b e r o . i t
Wikio - Top dei blog
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Marco Tenuti (del 29/08/2008 @ 23:13:36, in MTB, linkato 953 volte)

Il Marcante prova la South Garda Bike 2008 a MedoleStasera il Marcante sale in BDC e stantuffa come un treno! Nonostante lo stop di quasi una settimana dopo la Folgaria Marathon - ho solo fatto un giretto di scarico lunedì e poi un giretto con mio figlio ai 12 km/h - stasera sono fioccati una serie di record, senza esagerare troppo: non sono mai arrivato a 180 bpm, per quello c'e' tutto il tempo domenica!

In sintesi: nuovo record del Pilon 32'00" (contro il precedente in 32'30"). Scollinamento a Corbiolo (a 780 metri slm) in 53'02" (precedente in 56'04") e arrivo finale a casa in 1h20'56" (precedente 1h24'40"). In discesa mi sono rotto le balle di scendere ai 45 km/h ed ad un certo punto mi sono messo a ciucciare la scia delle macchine ai 53-54 km/h. Domenica a Medole prevedo sfracelli per la  concorrenza ; - )

Alcuni altri numeri sparati fuori dal mio Polar: BPM max 176, BPM avg 153, In zone 29'35'', Above 47'36'', kcal 1034, km totali 36.7, vel.media 27,2 km/h, vel.max 59.1 km/h. cadenza media 79, cadenza max 116.

Domani ritirerò il pacco gara per me, il Radu, Signorini e il Bosca. Dovrò anche rompere le balle all'organizzazione per far partire il Bosca in prima griglia per meriti sportivi, visto che gli hanno affibbiato il pettorale n.799. Il Signorini l'ho appena visto stasera. Dovrebbe essere in forma per il corto della SGB, nelle ultime settimane sta viaggiando a 5-600 km a settimana... e circa 2000 km nel solo mese di agosto!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 27/08/2008 @ 00:59:43, in cultura, linkato 2445 volte)

Questa la tabella di ricorrenze che ho trovato appesa in una vetrina di bomboniere in centro a Padova:

  • 1 anno: cotone (confetti rosa)
  • 2 anni: cuoio
  • 3 anni: grano
  • 4 anni: cera
  • 5 anni: legno (altri dicono seta, confetti fucsia)
  • 6 anni: cartone
  • 7 anni: lana
  • 8 anni: papavero
  • 9 anni: maiolica
  • 10 anni: stagno (altri sostengono alluminio confetti gialli)
  • 11 anni: corallo
  • 12 anni: seta
  • 13 anni: mughetto
  • 14 anni: piombo
  • 15 anni: cristallo (altri dicono porcellana, confetti beige)
  • 16 anni: zaffiro
  • 17 anni: rosa
  • 18 anni: turchese
  • 19 anni: cretonne
  • 20 anni: porcellana (altri sostengono cristallo, confetti luce del sole)
  • 21 anni: opale
  • 22 anni: bronzo
  • 23 anni: fiori d'arancio
  • 24 anni: raso
  • 25 anni: argento (argento)
  • 26 anni: giada
  • 27 anni: mogano
  • 28 anni: nichel
  • 29 anni: velluto
  • 30 anni: perla (confetti acquamarina)
  • 31 anni: pelle
  • 32 anni: rame
  • 33 anni: orchidea
  • 34 anni: ambra
  • 35 anni: smeraldo (altri dicono zaffiro, confetti verdi o blu)
  • 36 anni: mussola
  • 37 anni: carta
  • 38 anni: mercurio
  • 39 anni: organza
  • 40 anni: rubino (altri dicono smeraldo e quindi confetti verdi)
  • 41 anni: ferro
  • 42 anni: madreperla
  • 43 anni: flanella
  • 44 anni: topazio
  • 45 anni: smalto (altri dicono rubino e confetti rossi)
  • 46 anni: lavanda
  • 47 anni: cachemire
  • 48 anni: ametista
  • 49 anni: cedro
  • 50 anni: oro (confetti oro)
  • 55 anni: avorio (confetti avorio)
  • 60 anni: diamante (confetti bianchi)
  • 70 anni: platino
  • 75 anni: alabastro
  • 80 anni: castagno

Se andate però su Wikipedia trovate delle differenze, che fanno pensare che siano speculazioni quasi esclusivamente commerciali.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 25/08/2008 @ 09:28:29, in MTB, linkato 1054 volte)

Marco, Simone e Fabio sullo sfondo pronti per la Gibo SimoniIeri gara molto divertente alla Folgaria Marathon, da quest'anno denominata Gibo Simoni Marathon. Chi per un motivo, chi per un altro, ieri eravamo in quattro a fare gruppo fisso, con un unico obiettivo di portare a casa il risultato.

Io avevo un conto in sospeso con la gara per via di quello che era successo nel 2007: avevo rotto il filo del cambio posteriore e mi ero dovuto ritirare a metà percorso. Il Radu invece sta puntando a gran forza al brevetto del circuito dei Nobili, mentre Simone e Fabio gli danno man forte in questa impresa addizionale, anche se tutti stanno cercando di portare a casa quantomeno il brevetto del Prestigio.

Arrivati in Folgaria di buon ora, riusciamo ad assistere alla partenza alle 8.30 degli intrepidi della Kaiserjaeger Marathon, garetta di soli 129 km. Noi, invece, ci prepariamo con calma alleggerendo le nostre bici alla grande e con caffé e cappuccini. Entriamo in griglia senza strafare e allo start il nostro ritmo è molto divertito. Nei primi chilometri non ci facciamo molti problemi se sono in tanti a sfilarci. Noi puntiamo al traguardo!

Se ne vanno così le prime salite fino a Passo Coe, che manco ce ne accorgiamo. Il battito cardiaco è molto buono e non troppo alto e il fondo sembra essere in condizioni decenti. Al bivio tra il percorso Classic e la Gibo Simoni Marathon, il Radu si sbaglia a leggere i cartelli, ma inverte subito la rotta e ritorna sui suoi passi: vuole o no conseguire il brevetto dei Nobili?

I ristori son tutti nostri: peccato che non ci siano integratori, ma ci accontentiamo di acqua e tè, mentre divoriamo con piacere mezze banane e fette di pane con marmellata e nutella. Io, però, mi concentro quasi troppo sul pane con marmellata che al ristoro a Carbonare, il Radu e compagnia mi lasciano al palo e tribolo non poco per ricongiungermi in cima alla salita. Facciamo così di buona lena i cementi verso il Forte Cherle e arriviamo presto verso i 56 km di gara, dove il nostro gregario Fabio ci lascia e punta diritto su asfalto verso le macchine.

Io, il Radu e Simone, invece ci sfreghiamo ormai le mani, perché i chilometri alla fine non sono pochissimi, ma la salita da fare è poca cosa. Maledetta pensata questa qua! Le salite sembrano invece interminabili e il dislivello che c'è verso il fine gara è impressionante, per la presenza di parecchie gibbosità con pendenze che arrivano anche al 25% e in uno o due casi al 30%, dove non possiamo fare altro che scendere dalla bici e spingere. I chilometri finali nel sottobosco sono perfidi e impegnativi e bisogna prestare attenzione pure al fango e alle radici umide. Questo tratto ha abbassato notevolmente la media, quando noi invece ci aspettavamo pezzi da 40 e 50 km/h.

Il Radu si mette pure a dare qualche pacca nel finale e Simone riesce in qualche maniera a stargli a ruota, mentre io, con una caduta nelle ortiche, rinuncio all'aggancio finale. L'ultimo chilometro in discesa in paese è però il miglior suggello per una gara faticosa, ma molto suggestiva e ripaga anche per quanto successo nel 2007. La cosa molto buona, dal punto di vista atletico, è che, grazie ad un ritmo moderato del team di cui ho fatto parte ieri, ho sempre tenuto a debita distanza irrigidimenti delle gambe e crampi, anche nella parte finale e questo mi fa ben sperare anche per altre gare marathon che conto di affrontare in futuro, fermo restando che il fondo e l'allenamento sono più che mai molto più importanti, che la prestazione pura, che lascio volentieri ad altri.

Per quanto riguarda le classifiche è il russo Medvedev a vincere la Gibo Simoni Marathon in 3h35'23". A seguire Marzio Deho, il colombiano Julio Caro, poi Johann Pallhuber, Mirko Celestino, Martino Fruet, mentre Gilberto Simoni è sesto a 9'. Il mio tempo finale è di 5h26'59", ma potevamo abbassare di almeno 10 minuti, se non fossimo andati in gruppo, rallentandoci abbastanza in discesa e facendo tutti un ritmo costante nei vari tratti. Tale tempo mi è valso la 134-esima posizione assoluta su 303 arrivati del Gibo Simoni Marathon da circa 82 km e 2500 metri di dislivello in salita.

In 420 invece hanno finito la Megabike Classic di 43 km. Dei 150 partenti della KaiserJaeger Marathon da 129 km, in 90 l'hanno portata a termine.

A fine gara abbiamo approfittato delle facilities messe a disposizione degli organizzatori, con una zona lavaggio bici nell'interrato del Palafolgaria con annessa zona docce, dove l'acqua era abbondante e perfetta. Il pastaparty non presentava coda alcuna, soprattutto per gli arrivi molto diluiti dei concorrenti delle tre versioni della gara, mentre la pastasciutta non era un granché in tutta sincerità, ma non per questo mi sono astenuto dal divorarla. Dopo il caffettino in centro paese, a cinque metri dalla corsia finale transennata, siamo risaliti in macchina e abbiamo seguito l'insano consiglio di Fabio, che ha voluto che scendessimo dalla Valdastico, dove siamo andati a imbottigliarci in un serpentone di macchine ferme che ha ritardato la nostra tabella di marcia di una buona ora... Fabioooooo!!!!!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 25/08/2008 @ 09:00:33, in MTB, linkato 1129 volte)

Spettabile organizzazione,
volevo anzitutto complimentarmi per la buona riuscita della manifestazione agonistica di domenica. Io ho percorso gli 81 km della Gibo Simoni Marathon ottenendo anche un buon piazzamento per le mie aspettative e possibilità.

Si capisce chiaramente il vostro desiderio di continuare a crescere, visto che quest'anno avete cambiato il nome del percorso da 80 km tramutandolo in Gibo Simoni Marathon, nonché l'introduzione del nuovo percorso Kaiserjaeger Marathon, dall'indubbio valore atletico e paesaggistico.

Mi permetto pertanto di fare una piccola lista di dettagli, di cose che andavano molto bene e altre che sarebbero a mio avviso da mettere a punto, allo scopo di migliorarle già nella prossima edizione:

- all'arrivo in paese alle 8.10 da Rovereto non abbiamo trovato personale preposto a segnalarci la dislocazione dei parcheggi e pertanto siamo andati a tentativi, fino a quando abbiamo trovato una sistemazione accettabile

- ad inizio gara sono stati in tanti i ciclisti a tentare il posizionamento in griglia dalla parte sbagliata, cioè cercando di risalire fino alla propria griglia partendo dalla linea di partenza, anziché aggirare da sotto la via centrale. Mettendo magari due o tre persone alla linea di partenza si sarebbe potuto impedire tale congestione, che ha caratterizzato qualche difficoltà anche ai pedoni

- durante la gara non abbiamo trovato ai ristori sali minerali da bere, quando si trovano praticamente in ogni gara, considerato spesso il supporto di qualche sponsor tecnico; per il resto abbiamo gradito pane, nutella e marmellata

- io aggiungerei uno o due ristori lungo il percorso principale, a beneficio dei concorrenti di tutte e tre le distanze (ne aggiungerei uno al Forte Cherle e posticiperei quello a località Incassero mettendolo al Passo Coe)

- qualcuno che ha percorso il percorso del Kaiserjaeger ha lamentato il fatto che alcuni passaggi non erano sorvegliati dal personale preposto causando problemi di sicurezza e incolumità sia per gli atleti che per la circolazione stradale, mentre le indicazioni di alcuni passaggi erano mancanti o imprecise

Per il resto questo un mio giudizio personale alla gara con alcuni voti numerici:

- PROCEDURA DI PARTENZA: 9 (congestione di chi procedeva al contrario)
- SERVIZIO LAVAGGIO BICI E DOCCE: 10 (nessuna coda e acqua calda perfetta)
- QUALITA' PERCORSO: 9 (forse le gibbosità finali son fin troppe, fondo buono in generale a parte qualche passaggio viscido)
- PASTAPARTY: 8 (nessuna coda, forse il menu è migliorabile)
- LOCATION PARTENZA: 10 (bella cittadina, tutto ben raggruppato e a portata di mano)
- PACCO GARA: 8

Con tutta l'intenzione di essere presente anche nel 2009, porgo i miei più cordiali saluti.

Marco Tenuti

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 22/08/2008 @ 16:57:53, in MTB, linkato 2061 volte)

Foto del Corno dalla contrada BertasiCi son passato vicino martedì e la mia curiosità è stata stimolata: salendo da Fosse verso il Corno d'Aquilio, appena passata la contrada Tommasi a quota 1143 m sul livello del mare, c'è una stradina bianca che scende a valle e dopo un paio di tornanti si arriva nel vaietto, dove si ricomincia a salire in direzione della contrada Grola, che è quella più alta di tutte al di sopra della zona inesplorata, a quota 1129 m slm.

In prossimità di questa contrada è anche possibile continuare a salire in direzione Corno d'Aquilio e precisamente verso la Spluga della Preta, fenomeno geologico di indubbio interesse.

La mia esplorazione era però abbastanza limitata ed ho pensato di tornare verso casa, così dopo la contrada Grola, sono sceso verso contrada Bertasi e poco sotto, girando a destra, si può andare verso Vallene, cosa che proverò abbastanza presto, per vedere cosa c'è di sterrato e cosa di asfaltato.

Tirando dritto un lunghissimo rettilineo in discesa porta al quadrivio, che corrisponde allo scollinamento della strada provinciale che tra Selvavecchia e Ronconi. Io sono sceso così fino a Barozze e menando possibilmente sempre il 44 davanti ho puntato diritto a Sant'Anna d'Alfaedo, dove le mie fatiche andavano più o meno concludendosi.

Solo il piacere di accorciare il percorso su sterrato giù per il Pontarol di Cona sotto Sant'Anna e l'immancabile scorciatoia da Crosa di Schioppo a Fiamene, da farsi sempre con forcella sbloccata.

Chiaro che Google Earth è una preziosissima fonte, ma metterci il naso di persona è sempre meglio. Ho già intravisto pertanto la possibilità di fare un nuovo percorso e cioè quello che porta dalla contrada Grola a Passo Fittanze senza fare il giro del Monte Cornetto. Stay tuned on Lessinia's tracks.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 21/08/2008 @ 11:27:31, in MTB, linkato 2267 volte)

Foto in stile Pezzo, però con una Scott e non una FocusInutile nascondere che è stato di grande stimolo il giro in bici fatto domenica dal Pezzo e il Radu ed oggi mi sono ripromesso di farlo anch'io ricalcando sostanzialmente i loro passi.

La sveglia, martedì mattina, ha suonato alle 6.35, con la ferma intenzione di partire da casa alle 7.00 e rientrare abbastanza presto, ma poi il sonno ha preso il sopravvento e son riuscito a partire da casa solo alle 8.50. Le prime pedalate fino a Marzana e Grezzana sono un po' faticose, ma è più che altro l'impostazione mentale che non ne vuole sapere di arrivare fino al Monte Cornetto.

Continuo a pedalare molto tranquillamente in MTB sull'asfalto che da Grezzana conduce a Stallavena e al semaforo rosso di Stallavena, mi si affianca un trattorone con tanto di ciclista con bici Carrera al seguito che si defila e attacca subito a salire in direzione Lugo. "Questa è la mia esca per qualche chilometro", penso tra me. La molla mentale scatta immediatamente e la voglia di pedalare manda subito a mille le energie. Seguo pertanto a distanza il ciclista ed entro nell'abitato di Lugo che gli riprendo la ruota. Solo a Bellori penso che è il caso di scambiare qualche parola e affrontiamo assieme la salita del vaio della Marciora.

Paolo di Quinto ha un'ottima pedalata e sale molto efficacemente ed io sto bene alla sua ruota, che tra una parola e l'altra arriviamo alla contrada Barozze con un buon tempo. Lì ci salutiamo perché le nostre strade si dividono: io salirò a Fosse verso il Corno d'Aquilio, mentre lui salirà su asfalto da Selvavecchia verso Passo Fittanze.

Al bivio di Col di Pealda BassaLungo il percorso in solitario da Fosse verso il Cornetto, ho l'occasione di scambiare qualche SMS col Radu, che segue a distanza la mia libera iniziativa, ma sono molto sorpreso quando scopro che la strada è stata asfaltata fino al tornante per un buon paio di chilometri, agevolando sensibilmente la risalita. Anche il pezzo dal tornante in poi presenta un fondo molto compatto e veloce e sono ancor più rinfrancato da una giovinotta in carne che scende a piedi con due capezzoli che caratterizzano indistinguibilmente le pieghe della maglietta attillata. La mia pedalata fino al Col di Pealda Bassa è efficacissima ed arrivo su in tempi assolutamente eccezionali rispetto a quelli con cui risalivo sul Corno d'Aquilio a tempi della Bissa, quando ero almeno quindici chiletti in più.

Il tempo di scattare qualche altra foto e poi via di nuovo attorno alla cima del Monte Cornetto, dove mi imbatto da subito in qualche mucca al pascolo, poi in un paio di signore in cerca della retta via per il Corno e poi in un altro sciapo di vacche intente a ruminare l'erbetta.

La discesa verso Passo Fittanze se ne va in un attimo e, arrivato alla baita del passo, rivedo il buon Paolo, già arrivato da qualche minuto assieme ad un gruppo di ciclisti di Lugagnano. La doverosa pausa è caratterizzata da una cocacola e un saccottino di mele e dà il tono alla risalita da Passo Fittanze verso il Passo del Pidocchio, sempre assieme a Paolo e superando i lugagnanesi. Mettiamo lo smanicato e poi torniamo giù verso Castelberto, solo che io prendo di nuovo la strada sterrata per Malga Vallina di Sotto e saluto definitivamente Paolo.

La discesa per Malga Vallina di Sotto la faccio seguendo scrupolosamente le indicazioni della Lessinia che danno il Ponte dell'Anguilla a circa un'ora e mezza per chi la voglia fare a piedi. Anche alla Malga si presenta il bivio tra il sentiero che porta a Malga Derocon e il Vaio dell'Anguilla, ma, una volta arrivato a Malga Arnezzo, le indicazioni spariscono completamente e una coppia di signori di mezza età fermi a fare il picnic mi suggeriscono di tornare indietro fino all'asfalto e prendere un'altra strada. Mio malgrado mi rifaccio quasi 2 km di salita e almeno 150 metri di dislivello, ma la gamba è ottima e torno su all'asfalto in un men che non si dica.

A questo punto decido di prendere la strada sterrata assolutamente non indicata che parte poco sotto Malga Vallina di Sopra e con più di qualche dubbio nella mente. Dopo circa mezzo chilometro ti ritrovo una macchina che risale lentamente, il cui guidatore mi rinfranca sulla scelta fatta. Arriverò nel vaio dell'Anguilla appena dopo la sbarra e da lì in poi sono definitivamente rassicurato sulla scelta fatta. 

Il bivio dal Vaio dell'Anguilla verso Malga Vallina di SopraScattata qualche foto di rito, mi fiondo giù per il Vaio dell'Anguilla e lascio andare di gusto la bici, passando molto velocemente alla Fontana degli Alpini e arrivano di nuovo in fondo al vaio a gran velocità. Il pezzo finale della discesa, cioè quello che conduce al Ponte dell'Anguilla, presenta un fondo un po' erboso e poi sassi smossi, che invitano a scendere a velocità pazzesca, tanto è vero che strabuzzo gli occhi quando vedo per un attimo i 45 km/h. Prendo pure male qualche sasso che a momenti fasso un volo infinito, ma con una buona dose di Q, non perdo il controllo della bici e la porta fora anca sta olta.

L'attraversamento della foresta dei Folignani è qualcosa di spettacolare, per quello che può offrire la natura della Lessinia. La consiglio assolutamente a tutti coloro che non abbiano la gamba di andare fino a Passo Fittanze, ma che hanno la possibilità di farsi accompagnare in macchina.

Tornando alla cronaca del mio giro, prendo la strada in direzione Erbezzo, salto rapidamente, passo a Contrada Zagari per salutare amici di famiglia, e poi giù rapidamente dall'asfalto verso Corso, Bellori e Grezzana.

Il computer segna 73.7 km ai 20.1 km/h di media e circa 1850 metri di dislivello. Per chi volesse la traccia GPS completa, la trova qua: attenti che contiene anche lo "sbaglio" verso Malga Arnezzo, ma l'ho lasciato apposta, così lo potete apprezzare nel caso in cui cadeste anche voi in tentazione.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 17/08/2008 @ 23:25:33, in MTB, linkato 969 volte)

Anch'io debutto nel mondo dei video amatoriali riguardanti il mondo della MTB ed ecco qui la mia modesta produzione col materiale messomi a disposizione dal Radu giusto ieri pomeriggio:

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 15/08/2008 @ 15:37:13, in MTB, linkato 1070 volte)

Mercoledì ho avuto il sommo piacere di pedalare col Lele, amico d'infanzia con cui ho fatto tutte le elementari alla mitica scuola di Coda di Alcenago, scuola che non esiste più da un bel pezzo.

L'arcobaleno dopo lo scroscio a Barco, Tregnago, VRL'appuntamento era previsto per le ore 14.30 alla gelateria Ciao in piazza Ederle a Grezzana, appuntamento a cui si doveva presentare anche il Righe, ma sappiamo tutti com'è andata. Partiamo di buona lena verso le 15.00, dove sono io a suggerire un percorso inedito, perché voglio dedicare la giornata alla sperimentazione.

Nè io nè il Pich abbiamo mai fatto la salita che da Mezzane di Sotto conduce a Mezzane di Sopra e che porta in Lessinia centrale, così decidiamo di non risalire la valle di Mezzane, ma di scavalcare su per Pian di Castagné e successivamente a Castagné, in modo da arrivare rapidamente a Villa di Mezzane. Ne approfittiamo insomma per testare subito la gamba e devo dire che anche la gamba del Pich c'è.

Scesi pertanto da Castagné, ci imbattiamo subito nella salita che porta a Mezzane di Sopra. Io l'avevo fatta un paio di volte in discesa, mentre il Pich non ricorda di averla mai fatta, se non in macchina. Il pezzo iniziale mette subito a dura prova la nostra libera iniziativa e un caldo infernale ci attanaglia fino al capitello di San Vincenzo, dove il Pich lamenta da subito una leggera insolazione, complice forse il fatto di essersi denudato indecorosamente e di aver attraversato il paese a petto nudo.

Al capitello di San Vincenzo si fa vivo il Righe via SMS e tramite una telefonata, in cui ci dice di essere ben contento di non essere dei nostri, vista la scarsa propensione a pedalare, da quando gli è arrivato lo scooterone della Yamaha. In più il cielo non è dei più sereni guardando verso la Lessinia, ma non demordiamo e affrontiamo la salita, visto che le peggiori pendenze sembrano essere andate.

La bettola di fortuna sotto cui ci siamo riparati per mezz'oraPassiamo varie frazioncine a noi sconosciute, solo che arrivati a ormai su a Barco arriva uno scroscio copioso che ci costringe a battere in ritirata in una bettola in cui ci stanno a malapena le nostre due bici e noi stessi. La pausa è molto lunga, perché il temporale non vuol saperne di smettere, ma scorgiamo due ciclisti del Team Strazzer, sprezzanti del pericolo e dell'umidità, che saprò solo a sera chiamarsi Paolo e Flavio, da quanto appreso dal blog del Pezzo.

Ad un certo punto il buon Dio chiude il rubinetto, compare l'arcobaleno e noi torniamo in sella, con la ferma intenzione di puntare in alto. Alla Bettola di Tregnago incontriamo un simpatico vecchietto, che d'orecchio non ci sente un granché bene, ma ci spiega del meteo, della tempesta e del fatto che siamo in prossimità del confine tra tre comuni, ossia Badia Calavena, Tregnago e San Mauro in Saline. La pedalata del Pich va un po' affievolendo, ma arriviamo a San Mauro e allunghiamo verso Velo Veronese, dove facciamo tappa alla pasticcieria Peroni, quella delle amiche del Righe.

Qui decidiamo di carburare con una Coca Cola e qualche pastina e se ne vanno in rapida successione uno strudel, un saccottino di mele, una sfoglia di mele e una bombetta al cioccolato, tanto per far pace col cardiofrequenzimetro che lamenta già un dispendio di almeno 1800 kcal.

Qualche dubbio per il Pich se tornare per Roverè e poi Cerro, dubbi che io allontano subito, perché voglio macinare chilometri su chilometri e voglio allungare il tragitto, passando per Camposilvano, San Francesco, Valdiporro e poi Bosco. Lungo questi 15 km io vorrei anche aumentare l'andatura, ma il Pich preferisce godersi il fresco della natura e annusare il profumo delle violette, così la pedalata si fa blanda e il ritmo più che mai turistico.

Da Bosco verso casa facciamo una puntatina presso l'officina del Beppe Canteri a Corbiolo, ma il nostro neopapà ha già chiuso i battenti e non ci rimane che scendere da Arzarè e Lughezzano. Un paio di volatine ai 55 km/h ci fanno arrivare giù a Grezzana che ormai è sera.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 13/08/2008 @ 14:08:58, in famiglia, linkato 1097 volte)

Un giro in centro citta con la famigliaIeri brillante idea per la famiglia Marcante che va a farsi un giro in bici, puntando a piazza Bra come boa per il ritorno.

Si parte da Quinto e si decide subito di evitare il traffico intenso di via Valpantena, preferendo così il variegato percorso che da Quinto, passa per Vendri, Nesente, Novaglie e poi San Felice Extra.

Da lì in poi ci vuole un po' di accortezza nelle vie da Porta Vescovo fino alla Bra, ma Enrico trova vigore e confidenza nei segnali stradali e nei genitori che lo accompagnano, mentre Alice è bravissima nel stare tranquilla nel seggiolino e godersi tutto quello che la circonda.

L'obiettivo è quello di raggiungere il Povia per consumare un panzerotto, ma scopriamo una volta di fronte che il bar/pasticcieria è chiuso al martedì e non ci rimane che ripiegare su un kebab in via Leoncino.

Poco male perché il kebab è abbondante e gustoso e riesce a mangiare l'intera famiglia!

Il ritorno dalle vie del centro è fatto sempre ad un'andatura turistica e giungiamo presto in via XX Settembre. Da Porta Vescovo in poi decidiamo di seguire in toto la pista ciclabile, che arriva quasi a San Felice Extra: una bella novità per chi non si sente molto sicuro in mezzo alle macchine e agli scooter!

I chilometri cominciano a farsi sentire per i poco allenati in famiglia e la direzione decide che sia papà Marco ad allungare il passo da San Felice verso Quinto in solitario con la sua Scott in carbonio e vada a prendere la macchina, su cui caricare l'intera famiglia, che non se la sente di affrontare la salitella di Vendri.

Il risultato finale è che papà Marco quella salitella di 5 km se la fa due volte, perché, una volta portata la 307 a San Felice Extra, pensa che forse non è il caso di stare a caricare la bici di mamma Elisa in macchina, ma tanto vale farsi nuovamente quei 5 km a bordo del "cancello" della Chesini!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Marco Tenuti (del 11/08/2008 @ 14:16:51, in cultura, linkato 1563 volte)
It's the quiet ones you need to watch.
Bisogna fare attenzione a quelli tranquilli.
Chi si nota poco è forse più 'pericoloso' degli estroversi.
Ignorance is bliss.
L'ignoranza è benedetta.
Non essere a conoscenza di fatti migliora la qualitá della vita.
Don't put off until tomorrow what you can do today.
Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi.
Time is money.
Il tempo è denaro.
Being busy as a bee.
Essere indaffarati come un'ape.
Si dice quando si è impegnatissimi.
Having butterflies in the stomach.
Avere farfalle nello stomaco.
Per descrivere nervosismo.
Jump out of the skin.
Saltare al di fuori dalla pelle.
Per descrivere un grosso spavento.
It's only a storm in a teacup.
E' solo una tempesta in una tazza di thé.
Non è niente di cui preoccuparsi.
Blowing your own trumpet.
Suonare la propria tromba.
Lodarsi, dicendo a tutti di come si è bravi a fare qualcosa.
To drink like a fish.
Bere come un pesce.
Usato per descrivere chi beve alcoolici in grande quantitá.
Sitting on the fence.
Stare seduti sul recinto.
Non prendere le parti di nessuno.
To be a chip off the old block.
Essere una scheggia del vecchio blocco di legno.
Tale padre tale figlio.
The grass is always greener on the other side.
L'erba è sempre piú verde dall'altro lato dello steccato.
L'erba del vicino è sempre piú verde.
It's raining cats and dogs.
Sta piovendo gatti e cani.
Sta piovendo molto forte.
Four seasons in one day.
Quattro stagioni in un giorno.
Usato per descrivere un tempo molto variabile.
Caught between a rock and a hard place.
Intrappolato tra una roccia ed una superficie dura.
Trovarsi tra l'incudine ed il martello.
A piece of cake.
Una fetta di torta.
Usato per descrivere qualcosa veramente facile da fare.
Too many cooks spoil the broth.
Troppi cuochi rovinano il brodo.
Usato per descrivere l'effetto negativo di troppe persone che cercano di aiutare.
A dog is a man's best friend.
Il cane è il migliore amico dell'uomo.
Chalk and cheese.
Gesso e formaggio.
Si dice di due persone di caratteristiche diametralmente opposte.
So close yet so far.
Cosí vicino eppure ancora lontano.
Quando si è vicini a raggiungere un qualcosa che poi sfugge all'ultimo minuto.
Red sky at night, sheperd's delight.
Rosso di sera, fa il pastore contento.
Rosso di sera, bel tempo si spera.
Early bird catches the worm.
L'uccello mattiniero acchiappa il verme.
Chi dorme non piglia pesci.
A rolling stone gathers no moss.
Sulla pietra che rotola non si accumula muschio.
Usato per descrivere i benefici di essere sempre in movimento, attivi.
Three times a bridesmaid never a bride.
Tre volte damigella d'onore mai sposa.
Fare la damigella d'onore per la terza volta porta sfortuna alle ragazze che vogliono sposarsi.
A stitch in time, saves nine.
Un punto adesso ne risparmia nove dopo.
A change is as good as a rest.
Un cambiamento fa bene quanto il riposo.
What goes up must come down.
Ció che va sú deve tornare giú.
Specialmente riguardo il mercato azionario.
Two is company, three is a crowd.
Due è compagnia, tre è sovraffollato.
In due si sta bene, in tre uno è di troppo.
Great minds think alike.
Grandi menti pensano allo stesso modo.
Usato per complimentarsi a vicenda quando due persone dicono la stessa cosa.
Variety is the spice of life.
La varietà è la spezia della vita.
Per descrivere i benefici di una vita piena di interessi.
Fools rarely differ.
Stupidi raramente sono in disaccordo.
Blood is thicker than water.
Il sangue è più denso dell'acqua.
I rapporti familiari sono i piú importanti.
Beauty is in the eye of the beholder.
La bellezza è nell'occhio di chi guarda.
E' bello ciò che piace.
Better the devil you know.
E' meglio il diavolo che conosci.
Si prendono meno rischi con un 'pericolo' che si conosce piuttosto che con qualcosa di sconosciuto.
The world is your oyster.
Il mondo è la tua ostrica.
Il mondo ti offre possibilitá e dipende da te approfittarne.
It takes two to tango.
Bisogna essere in due per ballare il tango.
Usato per dire che per far funzionare qualcosa entrambe le parti devono darsi da fare.
Being all ears.
Essere tutto orecchi.
Home Sweet Home.
Casa dolce casa.
Leaving no stone unturned.
Guardare sotto tutte le pietre.
Controllare dappertutto.
Silence is golden.
Il silenzio è dorato.
Descrive quanto si apprezza il silenzio.
Every cloud has a silver lining.
Ogni nuvola ha un bordo argentato.
Ogni avversitá ha un aspetto positivo.
Red sky in the morning, sailor's warning.
Rosso di mattina, desta l'allarme per il marinaio.
Rosso di mattina, brutto tempo s'avvicina.
Horses for courses.
Cavalli per ippodromi.
Ogni 'cavallo' è adatto a particolari 'ippodromi'.
Have your cake and eat it.
Avere la torta e mangiarla.
Avere la botte piena e la moglie ubriaca.
Keep up with the Joneses.
Stare al passo con i Jones.
Quando si cerca di rivaleggiare con i vicini in tema di traguardi materialistici.
Age before beauty.
Etá prima della bellezza.
Usato quando ironicamente si vuole far passare qualcuno piú anziano.
To rob Peter to pay Paul.
Rubare a Peter per pagare Paul.
A picture says a thousand words.
Un'immagine vale mille parole.
Don't shoot the messenger.
Non sparate al messaggiero.
Ambasciator non porta pena.
Once bitten, twice shy.
Punto una volta, timido la seconda.
Sbagliando si impara.
To put the cart before the horses.
Mettere il carro davanti ai cavalli.
Mettere il carro davanti ai buoi.
First come, first served.
Primo arrivato, primo servito.
There's no smoke without a fire.
Non c'è fumo senza il fuoco.
It's grim up north.
E' deprimente al nord.
An Englishman's home is his castle.
La casa dell'Inglese è il suo castello.
There's no place like home.
Non c'è alcun luogo caro come casa.
Love is blind.
L'amore è cieco.
A diamond is a girl's best friend.
Un diamante è il miglior amico di una ragazza.
Pubblicitá usata dai gioiellieri.
Being sent to Coventry.
Essere mandato a Coventry.
Essere ostracizzato da tutti.
Burn the midnight oil.
Bruciare l'olio della mezzanotte.
Lavorare fino a notte tarda.
Burn the candle at both ends.
Bruciare la candela da entrambe le estremitá.
Quando si lavora troppo.
As mad as a hatter.
Matto come un cappellaio.
Nel passato i cappellai usavano sostanze chimiche che causavano problemi mentali dopo anni di lavoro.
Dogs are not just for Christmas.
I cani non sono solo per Natale.
Campagna pubblicitaria per evitare che cuccioli siano regalati a Natale e abbandonati quando cresciuti.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2


Ci sono  persone collegate

Tagcloud

Gare 2017
GARE 2017?
26/03: GF Tre Valli
30/04: GF del Durello
21/05: Passo Buole Extreme
28/05: Soave Bike
25/06: Lessinia Legend
Gare 2016
GARE 2016
26/06: 6H Valpolicella Fatta
27/08: GF d'Autunno Fatta
08/11: XCRunning Grezzana Fatta
Tickerkm
KM STORICI

Km fatti

Palmares
BREVETTI E CIRCUITI

2014: Salzkammergut Survivor
2012: Prestigio MTB
2011: Prestigio MTB
2010: Prestigio MTB, Fizik Veneto
2008: Garda Challenge

< dicembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
famiglia (4)
fotografia (1)
gastronomia (1)
MTB (14)
rally (2)
viaggi (12)

Le fotografie pių cliccate

Titolo
Quale circuito suggerisci al Marcante per il 2013?

 Lessinia Tour
 Prestigio MTB
 Nobili MTB
 Challenge Giordana
 Gare all'estero
 Stare a casa

Titolo

View Marco Tenuti's profile on LinkedIn

Listening
Kid Rock - Rock n Roll Jesus

Ghosts - The world is outside

Hellogoodbye - Zombies! Aliens! Vampires! Dinosaurs!

Reading
Fabio Volo - E' una vita che ti aspetto
Michael Guillen - Le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo
Sophie Kinsella - I love shopping a New York

Watching
Mia moglie consiglia Le sorelle McLeod



Titolo
.NET Framework (4)
Abarth (13)
Alcenago (4)
auto (16)
consumatore (57)
cucina (18)
cultura (15)
dizionario (2)
famiglia (40)
finanza (4)
Grezzana (6)
hitech (17)
humour (8)
idee (1)
informatica (66)
iPhone (46)
mobile computing (10)
MTB (1198)
musica (4)
natura (23)
OS X (3)
PS3 (7)
rally (63)
salute (4)
social (4)
telefonia (3)
Verona (12)
viaggi (26)
video (7)
Visual Basic 6 (5)
web (49)
Windows (31)

Catalogati per mese:
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Giugno 2005
Maggio 2005
Aprile 2005
Marzo 2005
Febbraio 2005
Gennaio 2005
Dicembre 2004

Gli interventi pių cliccati

Ultimi commenti:
FirstSwen
13/12/2017 @ 02:47:32
Di Virginia
79Terri
10/12/2017 @ 17:31:48
Di Cleta
Grazie! Perchč mi ha...
08/11/2017 @ 10:10:03
Di Anonimo
86Lelia
04/09/2017 @ 21:58:04
Di Timothy
Grazie mille Marco,l...
31/08/2017 @ 10:04:45
Di Matteo
e la slitta della le...
25/08/2017 @ 21:26:21
Di nino
First Way (My Advice...
02/07/2017 @ 20:00:27
Di francesco
č successo anche a m...
02/07/2017 @ 19:46:14
Di francesco


16/12/2017 @ 00:30:42
script eseguito in 109 ms